Crack da 1,5 mld, con Coldiretti fiori italiani in piazza

In centro a Pescara e ad Avezzano

(ANSA) - PESCARA, 27 GIU - Un crack da oltre 1,5 miliardi e la perdita di migliaia di posti di lavoro per il settore piante e fiori Made in Italy: è la drammatica conseguenza, dai vivai ai negozi, della pandemia da coronavirus che con il blocco di matrimoni, eventi e cerimonie ha colpito un settore strategico per il Paese. E' quanto emerge da un'analisi di Coldiretti in occasione dell'iniziativa "Ripartiamo con un fiore". L'Abruzzo coinvolto con Pescara, in piazza della Rinascita, dove è arrivato un carro pieno di gerbere e garofani, e Avezzano dove la decorazione floreale è stata realizzata in piazza Risorgimento, una struttura circolare su un percorso verde a simboleggiare idealmente il senso della rinascita attestata dai fiori secchi e freschi utilizzati per la composizione. La situazione non ha risparmiato l'Abruzzo per cui il florovivaismo è settore strategico che fornisce una Produzione Lorda Vendibile (Plv) di circa 50 milioni di euro annui su 385 ettari dedicati tra serre e piano campo per circa 250 aziende specializzate, con circa 2.500 addetti. (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie