Pm Sanitopoli,carenze vengono da lontano

Bellelli, imputati vantavano tagli, ma dietro c'era corruzione

(ANSA)-PESCARA,4 APR -"La carenza di mezzi e posti letto, le ristrettezze economiche nella sanità pubblica di oggi vengono da lontano. Anche da ruberie e tangenti provate nelle sentenze del processo della Sanitopoli d'Abruzzo. Gli imputati si vantavano dei tagli ai posti letto fatti nel pubblico e nel privato: per loro era elemento di difesa. Ma Angelini diceva 'con tutti i soldi che vi ho dato volete tagliare anche me?'. Quei tagli furono occasioni per ottenere tangenti". Ricorda così quei giorni Giuseppe Bellelli, l'ex pm del pool della Procura di Pescara guidata da Trifuoggi e con Di Florio, che nel 2008 avviò l'inchiesta che decapitò la Giunta Del Turco. Prime notizie di reato nel 2006, arresti nel 2008, processo fino al 2013. "Si difendevano dicendo che lo Stato aveva imposto quei tagli, ma l'Abruzzo divenne regione canaglia per via delle cartolarizzazioni messe in campo dalle giunte di centrodestra e centrosinistra e altre malversazioni all'origine del dissesto che ne è seguito" dice Bellelli, oggi capo della Procura a Sulmona.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie