Coronavirus: esperto, legame fra diffusione e inquinamento

Visconti, 'aree malsane da anni,in Italia mappe sovrapponibili'

(ANSA) - PESCARA, 22 MAR - Riscaldamento globale, inquinamento e diffusione del coronavirus in Italia, un legame c'è. Ed emerge parlando di clima con Guido Visconti, professore emerito dell'università dell'Aquila, esperto di fisica dell'atmosfera. Ora con l'attenzione alla pandemia, la questione inquinamento pare passata in secondo piano, ma se ci pensiamo "i temi non sono scollegati - osserva Visconti - Se si guardano le mappe dell'industrializzazione in Italia e la mappa del virus, c'è una perfetta sovrapposizione. La Val Padana è l'area più inquinata d'Europa, non da oggi, ma da cinquant'anni; tutte le persone anziane colpite da malattie polmonari avevano un sistema respiratorio compromesso, dopo una vita vissuta in regioni malsane". In più, osserva Visconti, "gli aerosol nell'atmosfera, che sono molto pesanti in quelle regioni, aiutano il trasporto del virus. Lo si vede anche osservando diverse aree di una stessa regione: in Emilia Romagna, Modena è più colpita, Ferrara lo è meno. In Abruzzo Pescara è più colpita, lo sono meno le zone interne. E la riduzione del traffico, comunque, serve a poco, i benefici si potranno avere solo nel lungo termine".
    (ANSA)

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie