Percorso:ANSA.it > Un libro al giorno > News
La copertina del libro

'Social Media Roi'

di Vincenzo Cosenza

di Titti Santamato

Internet e' il piu' misurabile dei media, tuttavia la mancanza di metriche condivise e' uno scoglio contro cui chi pianifica iniziative attraverso i social media si scontra quotidianamente. Il pericolo e' quello di usare in modo scorretto gli indicatori come il tanto mitizzato Roi (Return On Investment) o di finire per collezionare una serie di dati numerici che si rivelano vuoti perche' privi del contesto di riferimento, oltre che spesso incomprensibili per i manager che hanno poca familiarita' con la Rete. Questo saggio di Vincenzo Cosenza cerca di mettere a fuoco alcuni punti fermi, dalla diffusione dei social media in Italia fino agli strumenti per strutturare programmi di attivita' coerenti con le strategie delle aziende, comprese le testate giornalistiche.

Vincenzo Cosenza ha alle spalle una lunga attivita' di ricerca e pratica quotidiana nel campo della comunicazione sui social media. I suoi lavori sono stati ospitati su Wired, Newsweek e Le Monde. Ha creato il primo osservatorio Facebook italiano e la Mappa mondiale dei social network, ha un blog seguitissimo, vincos.it.

''Spesso l'uso che si fa di questi nuovi servizi di rete e' strumentale e tattico. Si cerca di plasmare i media sociali usando vecchie pratiche, non cogliendo le opportunita' di relazione che offrono - scrive Cosenza -. Chi ha questo atteggiamento parla di ritorno sull'investimento con la pretesa di voler trasformare improvvisamente i fan in acquirenti, senza aver ben chiaro il processo che potrebbe determinare questa circostanza. Si tratta di un processo che richiede necessariamente la capacita' di dare, prima che ricevere, unita ad un'attenta pianificazione. Tutte le attivita' sui social media devono essere coerenti con i piu' ampi obiettivi di business e misurabili in riferimento a essi. Ma la misurazione non e' attivita' da svolgere ex post - precisa l'esperto -.

Necessita di un framework di riferimento in grado di guidare l'analista e il social media manager nell'esecuzione del social media plan''.

''Sicuramente il libro e' rivolto anche all'editoria - spiega Vincenzo Cosenza all'ANSA - puo' aiutare a comprendere meglio l'impatto della rete sull'attivita' giornalistica e il nuovo modo di interagire dei consumatori/utenti. Per capire la Rete bisogna fare dei passi all'interno dell'azienda, diffondere la consapevolezza di questo mezzo e stabilire delle policy di comportamento non punitive ma condivise, per non trovarsi travolti da questo ciclone e non solo economicamente''. Il primo capitolo di questo saggio accurato e supportato da dati concreti e interpretazioni dinamiche, propone una guida ai cambiamenti prodotti dai social media mentre nel secondo capitolo Cosenza entra nel vivo della creazione di una cornice per la misurazione dell'impatto dei social network, facendo la differenza tra le metriche specifiche di piattaforma ('like', 'retweet', 'commenti', etc) e quelle di business. Il saggio si sofferma poi ''sull'importanza delle persone quale fattore critico di successo'', sul 'social media listening' (''l'ascolto'') ed approfondisce i sistemi di misurazione di ogni piattaforma che permettono di comprendere l'andamento delle proprie attivita' sui social media (come Facebook Insights, Twitter Analytics, YouTube Analytics). E non mancano suggerimenti per migliorare i propri risultati anche attraverso la progettazione di un social media plan. Il libro, dunque, insegna come la misurazione di obiettivi e risultati puo' diventare il grimaldello per migliorare il lavoro quotidiano all'interno di un'azienda ma anche immaginare il percorso che portera' fan e follower a diventare consumatori soddisfatti e, magari, sostenitori fedeli del 'brand'.

© Copyright ANSA - All rights reserved

Casi editoriali

  1. "2666"

    A sei anni dalla morte Roberto Bolano diventa scrittore di culto

  2. "The Father"

    Venduto in quattro Paesi e diritti film

  3. "Il suggeritore"

    182mila copie in 9 mesi per noir di Carrisi

Autori

  • Paulo Coelho

    Fra gli autori piu' conosciuti della letteratura mondiale, e' nato a Rio de Janeiro nel 1947. Le sue opere, pubblicate in piu' di 160 paesi, sono tradotte in settantuno lingue
  • Mark Twain

    E' considerato una fra le maggiori celebrita' americane del suo tempo
  • John Freeman

    Scrittore e critico letterario, ha pubblicato per The New York Times, Los Angeles Times, The Guardian e Wall Street Journal.
  • Elio Lannutti

    Giornalista e presidente dell'Adusbef dal 1987, attualmente e' senatore dell'Italia dei Valori
  • Sveva Casati Modignani

    Questo nome e' lo pseudonimo di Bice Cairati e Nullo Cantaroni, moglie e marito
  • Tiziano Scarpa

    Nato a Venezia nel 1963. Ha scritto, tra l'altro, Occhi sulla graticola, Amore, Venezia e' un pesce
  • Manlio Cancogni

    Nel dopoguerra si e' dedicato al giornalismo ed e' stato inviato speciale dell'Europeo e dell'Espresso
  • Antonio Pennacchi

    Il 'fasciocomunista' ha vinto con 133 voti il Premio Strega 2010 con 'Canale Mussolini'
  • Claudio G.Segre'

    Studioso del fascismo italiano, ha pubblicato anche 'L'Italia in Libia' e un volume di memorie
  • Olivia Lichtenstein

    E' nata e vive a Londra, ha anche lavorato come regista di serie televisive e ha prodotto alcune commedie teatrali
  • Nino Treusch

    Nato a Colonia nel 1966, vive da quattro anni a Miami. Ha trascorso parte dell'infanzia e dell'adolescenza in Italia dove si e' laureato alla Bocconi di Milano
  • Luigi Politano e Luca Ferrara

    Luigi Politano dirige il portale rivista online.com, mentre Luca Ferrara ha illustrato il libro ''Da Arkham Alle Stelle'' e ''Don Peppe Diana. Per amore del mio popolo''
  • Alberto De Martini

    Ha scritto libri sulla pubblicita', gestisce un'enoteca sul web, ha aperto un ristorante di successo e scritto canzoni per Mina.
  • Valentina Pattavina

  • Federica Sciarelli

    Giornalista del Tg3, conduce dal 2004 la popolare trasmissione 'Chi l'ha visto?'