Percorso:ANSA.it > Un libro al giorno > News
'Medioevo militante'

'Medioevo militante'

di Tommaso di Carpegna Falconieri

di Paolo Petroni

Anni fa c'era chi, come Roberto Vacca, parlava di Medioevo prossimo venturo, un po' con la logica della consequenzialita', un po' con una punta di catastrofismo. Tutti costoro comunque non avevano previsto che il Medioevo sarebbe tornato sotto forma di revival, di gioco folkloristico e in costume, spesso quasi del tutto antistorico. E' un po' quel che e' accaduto con i riti della Lega Nord inventati da Umberto Bossi per darsi un'aura mitica davanti a un elettorato piu' affascinato che interdetto, che plaude il versare nel mare di Venezia l'acqua delle sorgenti del Po.

Tommaso Carpegna Falconieri, docente di Storia medioevale all'universita' di Urbino, ci racconta tutto questo, partendo dalla descrizione di una giornata di vari personaggi in vari paesi, in abiti e intenti ad azioni medioevali, solo che poi ad uno suona il telefonino, un altro sale in macchina levandosi l'elmo con due corna per andare al raduno, un altro racconta sul suo blog le emozioni provate e cosi' via.

Il medioevo piace, piace la sua esteriorita' e cosi' se ne servono un po' tutti, a cominciare appunto dalla politica. La politica attuale lo usa come una miniera da cui estrarre esempi e modelli ritenuti utili per capire il presente. Identificato ancora, contro ogni discorso storico, con i 'secoli bui', il medioevo e' presentato, spiega lo studioso, come modello perfetto per spiegarci i 'nuovi barbari', lo 'scontro di civilta'' e il terrore che il nostro mondo stia per finire. Al contrario, se considerato come il tempo dei cavalieri e delle origini eroiche, il medioevo assume una funzione mitica per moltissimi gruppi politici e comunita' organizzate, che lo usano per affermare la propria originale identita', in mancanza di vere radici.

Chi ricorda i ''nazisti dell'Illinois'' detestati dai Blues Brothers, come rammenta di Carpegna, riferendo dei gruppi che si battono contro il degrado e il multiculturalismo della societa' americana, proponendosi come novelli guerrieri del Walhalla per un ritorno alla purezza della razza, da rinvenirsi nella religione pagana dei devoti di Wotan, considerato il creatore della razza bianca. Questa attualizzazione del medioevo, spesso una vera e propria reinvenzione delle tradizioni, viene detta 'medievalismo' e, come dimostra questo libro, la sua analisi e' una chiave nuova e inusuale per leggere la societa' contemporanea e gli indirizzi che sta percorrendo.

La Lega Nord assume come proprio mito originario non tanto la Lega Lombarda eretta dai comuni contro l'imperatore, bensi' l'idea di Lega lombarda che e' stata forgiata nell'Ottocento, dalla letteratura alla lirica, ''ribaltando la retorica risorgimentale secondo la quale la Lega del XII e XIII secolo rappresentava la gloriosa epica italiana contro l'oppressore straniero, per trasformarla nell'epopea dei soli lombardi contro un oppressore centralistico, che e' Roma capitale''. Dalla militanza politica allo svago new age, dai tornei cittadini al tradizionalismo identitario cattolico, fino ai richiami alle origini dell'Europa unita e alla mitologia dei partiti e movimenti, Tommaso di Carpegna propone con gli strumenti del medievista, ma con lo sguardo rivolto all'attualità, un appassionante percorso che si snoda dagli anni Sessanta fino ad arrivare ai nostri giorni, alla tragica sparatoria in un'isoletta della Norvegia dell'assassino folle, neo 'templare' Anders Behring Breivik. (ANSA)

© Copyright ANSA - All rights reserved

Casi editoriali

  1. "2666"

    A sei anni dalla morte Roberto Bolano diventa scrittore di culto

  2. "The Father"

    Venduto in quattro Paesi e diritti film

  3. "Il suggeritore"

    182mila copie in 9 mesi per noir di Carrisi

Autori

  • Paulo Coelho

    Fra gli autori piu' conosciuti della letteratura mondiale, e' nato a Rio de Janeiro nel 1947. Le sue opere, pubblicate in piu' di 160 paesi, sono tradotte in settantuno lingue
  • Mark Twain

    E' considerato una fra le maggiori celebrita' americane del suo tempo
  • John Freeman

    Scrittore e critico letterario, ha pubblicato per The New York Times, Los Angeles Times, The Guardian e Wall Street Journal.
  • Elio Lannutti

    Giornalista e presidente dell'Adusbef dal 1987, attualmente e' senatore dell'Italia dei Valori
  • Sveva Casati Modignani

    Questo nome e' lo pseudonimo di Bice Cairati e Nullo Cantaroni, moglie e marito
  • Tiziano Scarpa

    Nato a Venezia nel 1963. Ha scritto, tra l'altro, Occhi sulla graticola, Amore, Venezia e' un pesce
  • Manlio Cancogni

    Nel dopoguerra si e' dedicato al giornalismo ed e' stato inviato speciale dell'Europeo e dell'Espresso
  • Antonio Pennacchi

    Il 'fasciocomunista' ha vinto con 133 voti il Premio Strega 2010 con 'Canale Mussolini'
  • Claudio G.Segre'

    Studioso del fascismo italiano, ha pubblicato anche 'L'Italia in Libia' e un volume di memorie
  • Olivia Lichtenstein

    E' nata e vive a Londra, ha anche lavorato come regista di serie televisive e ha prodotto alcune commedie teatrali
  • Nino Treusch

    Nato a Colonia nel 1966, vive da quattro anni a Miami. Ha trascorso parte dell'infanzia e dell'adolescenza in Italia dove si e' laureato alla Bocconi di Milano
  • Luigi Politano e Luca Ferrara

    Luigi Politano dirige il portale rivista online.com, mentre Luca Ferrara ha illustrato il libro ''Da Arkham Alle Stelle'' e ''Don Peppe Diana. Per amore del mio popolo''
  • Alberto De Martini

    Ha scritto libri sulla pubblicita', gestisce un'enoteca sul web, ha aperto un ristorante di successo e scritto canzoni per Mina.
  • Valentina Pattavina

  • Federica Sciarelli

    Giornalista del Tg3, conduce dal 2004 la popolare trasmissione 'Chi l'ha visto?'