Percorso:ANSA.it > Un libro al giorno > News
'Facebook la storia' di David Kirkpatrick

'Facebook la storia'

di David Kirkpatrick

di Titti Santamato

Come e' riuscito un ragazzo di 19 anni a fondare una start-up che ha trasformato il web? E come ha fatto a portarla fino alle attuali dimensioni? Perche' gli altri social network non hanno avuto lo stesso successo? A queste e altre domande cerca di rispondere il libro inchiesta 'Facebook. La storia' di David Kirkpatrick, giornalista che si occupa di tecnologie uno dei primi ad intervistare Mark Zuckerberg quando era senior editor per la rivista Fortune. Il libro e' uscito gia' negli Stati Uniti un anno fa con il titolo 'The Facebook Effect'. In coincidenza con la pubblicazione in Italia, Kirkpatrick e' in questi giorni nel nostro Paese: il 31 maggio a Milano, (ore 18.00, Fnac di Via Torino), e il 1 giugno a Bologna (ore 18.00, Libreria Coop Ambasciatori).

''Siamo un'impresa di pubblica utilita'. Cerchiamo di incrementare l'efficienza con cui le persone possono comprendere il mondo che le circonda. Non cerchiamo di massimizzare il tempo che la gente trascorre sul nostro sito, ma di aiutare gli utenti ad avere un'esperienza positiva e a sfruttare al meglio quel tempo'': cosi' Zuckerberg, nell'estate 2006, aveva spiegato a Kirkpatrick la sua visione dell'azienda. Aveva 21 anni, due anni prima aveva creato TheFacebook nella sua stanzetta da universitario di Harvard (i suoi colleghi, i gemelli Cameron e Tyler Winklevoss, sono da anni impegnati per ora senza successo in una causa civile per la proprieta' intellettuale del sito. Kirkpatrick non li ha intervistati).

In pochi anni Facebook e' diventata una delle societa' con la piu' alta crescita annuale e continua ad avvicinare persone di ogni eta', sesso, nazionalita' e cultura. E' passata dai corridoi di Harvard a 500 milioni di utenti in tutto il mondo, diventando parte della vita sociale e scaturendo effetti imprevedibili nella vita politica di tanti paesi nel mondo, dall'Iran, all'Egitto al Medio Oriente. Kirkpatrick ha ricevuto le chiavi d'accesso per entrare nel regno di Facebook e ha descritto in questo libro - piu' di come ha fatto il film The Social Network - la sensazionale ascesa e i segreti. Dalle manie personali di Mark Zuckerberg come le infradito sfoggiate ai piedi nei business meeting, ma anche le t-shirt e le felpe con la cerniera (altri suoi capi feticcio).

Alle regole sui cui e' stata fondata la internet company: 'keep it simple' (fai una cosa che tutti possano capire), 'keep it working' (falla funzionare, da qui l'ossessione per l'efficienza dei server) e la terza 'le persone sono piu' importanti della pubblicita'' (su questo si puo' discutere ampiamente). Nel libro inchiesta di Kirkpatrick non mancano anche gli argomenti sensibili come l'immagazzinamento dei dati personali e la privacy (che pero' attiene anche alla capacita' degli utenti di saper usare la Rete) e su come la internet company fa soldi (con la pubblicita', appunto), la trasformazione dell'azienda e le aspettative future (la messaggistica trasformata in un vero e proprio account e-mail). Informazioni prese dal giornalista e scrittore grazie anche alla collaborazione dei principali dirigenti del social network, in primis il suo fondatore, con la sua genialita', la sua meticolosita' e i suoi obiettivi non sempre trasparenti. ''Grazie a Mark Zuckerberg - scrive Kirkpatrick -. Se non mi avesse incoraggiato a scrivere questo libro e se non mi avesse aiutato nel corso della stesura probabilmente questa pagine non avrebbero visto la luce. Con il procedere del lavoro, mi sono ripetuto spesso, e ho detto ad altri, che trovavo molto piacevole scrivere un libro su una persona che si impegna a fondo per la trasparenza, Mark si e' sforzato di rispondere anche alle domande imbarazzanti''. E le recensioni americane, pur elogiando il libro di Kirkpatrick, non hanno mancato di sottolineare il suo eccessivo entusiasmo per Zuckerberg.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Casi editoriali

  1. "2666"

    A sei anni dalla morte Roberto Bolano diventa scrittore di culto

  2. "The Father"

    Venduto in quattro Paesi e diritti film

  3. "Il suggeritore"

    182mila copie in 9 mesi per noir di Carrisi

Autori

  • Paulo Coelho

    Fra gli autori piu' conosciuti della letteratura mondiale, e' nato a Rio de Janeiro nel 1947. Le sue opere, pubblicate in piu' di 160 paesi, sono tradotte in settantuno lingue
  • Mark Twain

    E' considerato una fra le maggiori celebrita' americane del suo tempo
  • John Freeman

    Scrittore e critico letterario, ha pubblicato per The New York Times, Los Angeles Times, The Guardian e Wall Street Journal.
  • Elio Lannutti

    Giornalista e presidente dell'Adusbef dal 1987, attualmente e' senatore dell'Italia dei Valori
  • Sveva Casati Modignani

    Questo nome e' lo pseudonimo di Bice Cairati e Nullo Cantaroni, moglie e marito
  • Tiziano Scarpa

    Nato a Venezia nel 1963. Ha scritto, tra l'altro, Occhi sulla graticola, Amore, Venezia e' un pesce
  • Manlio Cancogni

    Nel dopoguerra si e' dedicato al giornalismo ed e' stato inviato speciale dell'Europeo e dell'Espresso
  • Antonio Pennacchi

    Il 'fasciocomunista' ha vinto con 133 voti il Premio Strega 2010 con 'Canale Mussolini'
  • Claudio G.Segre'

    Studioso del fascismo italiano, ha pubblicato anche 'L'Italia in Libia' e un volume di memorie
  • Olivia Lichtenstein

    E' nata e vive a Londra, ha anche lavorato come regista di serie televisive e ha prodotto alcune commedie teatrali
  • Nino Treusch

    Nato a Colonia nel 1966, vive da quattro anni a Miami. Ha trascorso parte dell'infanzia e dell'adolescenza in Italia dove si e' laureato alla Bocconi di Milano
  • Luigi Politano e Luca Ferrara

    Luigi Politano dirige il portale rivista online.com, mentre Luca Ferrara ha illustrato il libro ''Da Arkham Alle Stelle'' e ''Don Peppe Diana. Per amore del mio popolo''
  • Alberto De Martini

    Ha scritto libri sulla pubblicita', gestisce un'enoteca sul web, ha aperto un ristorante di successo e scritto canzoni per Mina.
  • Valentina Pattavina

  • Federica Sciarelli

    Giornalista del Tg3, conduce dal 2004 la popolare trasmissione 'Chi l'ha visto?'