Percorso:ANSA.it > Un libro al giorno > News
La copertina del libro

'L'altalena del respiro'

di Herta Muller

di Paolo Petroni


Il lager e', purtroppo, uno dei simboli sostanziali del Novecento e, oltre a quelli nazisti e al Gulag sovietico, ne sono esistiti vari altri. Herta Muller, ultimo premio Nobel per la letteratura, ci parla di quelli che il regime comunista in Romania riservo' alla minoranza tedesca del paese, di cui la famiglia della scrittrice faceva parte, accusando solo essa dei crimini del regime filonazista di Antonescu.

Lo fa in questo libro, che e' un romanzo perche' ricostruisce e mette in forma narrativa, ma assieme e' una sorta di documento nato dalla sintesi di memorie raccolte da diversi sopravvissuti a quell'esperienza, arrivando a concludere che il lager lascia ferite profonde, strutturali, che restano insanabili per quanto uno le razionalizzi, le racconti, cerchi di farci i conti. E se pensiamo alla vicenda di Primo Levi, ma non solo, questa conclusione ci appare in tutta la sua tragica verita'. Protagonista di 'L'altalena del respiro' e' Leo Auberg, un diciassettenne deportato nei campi di lavoro forzato ucraini, che accetta quella parte coatta illudendosi possa essere la possibilita' di sfuggire dall'atmosfera soffocante della provincia in cui e' nato, non sapendo che per i prossimi cinque anni rischiera' continuamente di morire, soffrendo fame, freddo fatica oltre misura. E' il destino che tocco' alla stessa madre della Muller, la quale, sopravvissuta, non parlo' quasi mai di quell'esperienza, che pure aveva lasciato segni evidenti nella sua esistenza quotidiana, a cominciare da certi modi di dire: ''Il freddo e' peggiore della fame''; ''Il vento e' piu' freddo della neve''; ''una patata calda e' un letto caldo''. Ed e' dalla curiosita' per essi che nasce la ricerca della scrittrice.

Si reco' cosi', innanzitutto, nel suo paese d'origine, Nitzkydorf (vicino a Timisoara), senza pero' riuscire a trovare informazioni significative, quindi ando' a parlare con altri deportati e il lavoro ebbe il suo perno nelle memorie di Oskar Pastior, poeta rumeno tedesco, scomparso nel 2006 e col quale avrebbe dovuto scrivere il libro a quattro mani. Questi capisce al volo il senso delle ''metafore'' della madre della Muller e ne aggiunge di sue. I suoi ricordi diventano quindi, nel libro, quelli del giovane Leo, attraverso i cui occhi ci viene svelata la vita nel lager.

E nulla piu' che un racconto di questo tipo trova forza e si rispecchia esemplarmente nella lingua e nella scrittura scarna e poetica della Muller, precisa e dura, concreta ma assieme metaforica sino a apparire surreale, a possedere una intima forza febbrile e sofferta nell'ossessione per i dettagli cui ancorarsi per far capire a quali confini e' arrivata la sofferenza e per restituire un'immagine generale. Diversa, ma forse per certi versi piu' inquietante, la persecuzione di cui fu fatta invece oggetto la stessa Herta Muller dai servizi segreti di Ceausescu a partire dai suoi trent'anni e poi, dopo l'emigrazione in Germania, a Berlino nel 1987, praticamente sino alla caduta del regime. Lo racconta in 'Cristina e il suo doppio', rivelando come la Securitate (che appunto in codice la chiamava Cristina), non essendo riuscita a convincerla a fare l'informatrice, da una parte avesse un fascicolo su di lei e la perseguitasse come nemica della Romania e, dall'altra, ne avesse inventato un altro da rendere pubblico, facendone artatamente filtrare notizie, in cui si costruisce di lei la figura di comunista fanatica, doppiogiochista, spia senza scrupoli per il regime rumeno. E questa seconda se stessa, di cui trova tracce in mille momenti della sua vita, la scrittrice capisce cosa sia e da dove nasca solo nel 2004, quando riesce a entrare in possesso del fascicolo che la riguarda degli ex servizi di Ceausescu. Una dittatura che non lasciava speranza ai giovani oppositori, costretti o alla morte civile dell'esilio o a quella reale del suicidio, come sappiamo dall'unico romanzo della Muller tradotto in italiano prima del Nobel, 'Il paese delle prugne verdi'.

Casi editoriali

  1. "2666"

    A sei anni dalla morte Roberto Bolano diventa scrittore di culto

  2. "The Father"

    Venduto in quattro Paesi e diritti film

  3. "Il suggeritore"

    182mila copie in 9 mesi per noir di Carrisi

Autori

  • Paulo Coelho

    Fra gli autori piu' conosciuti della letteratura mondiale, e' nato a Rio de Janeiro nel 1947. Le sue opere, pubblicate in piu' di 160 paesi, sono tradotte in settantuno lingue
  • Mark Twain

    E' considerato una fra le maggiori celebrita' americane del suo tempo
  • John Freeman

    Scrittore e critico letterario, ha pubblicato per The New York Times, Los Angeles Times, The Guardian e Wall Street Journal.
  • Elio Lannutti

    Giornalista e presidente dell'Adusbef dal 1987, attualmente e' senatore dell'Italia dei Valori
  • Sveva Casati Modignani

    Questo nome e' lo pseudonimo di Bice Cairati e Nullo Cantaroni, moglie e marito
  • Tiziano Scarpa

    Nato a Venezia nel 1963. Ha scritto, tra l'altro, Occhi sulla graticola, Amore, Venezia e' un pesce
  • Manlio Cancogni

    Nel dopoguerra si e' dedicato al giornalismo ed e' stato inviato speciale dell'Europeo e dell'Espresso
  • Antonio Pennacchi

    Il 'fasciocomunista' ha vinto con 133 voti il Premio Strega 2010 con 'Canale Mussolini'
  • Claudio G.Segre'

    Studioso del fascismo italiano, ha pubblicato anche 'L'Italia in Libia' e un volume di memorie
  • Olivia Lichtenstein

    E' nata e vive a Londra, ha anche lavorato come regista di serie televisive e ha prodotto alcune commedie teatrali
  • Nino Treusch

    Nato a Colonia nel 1966, vive da quattro anni a Miami. Ha trascorso parte dell'infanzia e dell'adolescenza in Italia dove si e' laureato alla Bocconi di Milano
  • Luigi Politano e Luca Ferrara

    Luigi Politano dirige il portale rivista online.com, mentre Luca Ferrara ha illustrato il libro ''Da Arkham Alle Stelle'' e ''Don Peppe Diana. Per amore del mio popolo''
  • Alberto De Martini

    Ha scritto libri sulla pubblicita', gestisce un'enoteca sul web, ha aperto un ristorante di successo e scritto canzoni per Mina.
  • Valentina Pattavina

  • Federica Sciarelli

    Giornalista del Tg3, conduce dal 2004 la popolare trasmissione 'Chi l'ha visto?'