Percorso:ANSA.it > Un libro al giorno > News
La copertina del libro

"Voglio vivere cosi'"

di Ansoino Andreassi

di Candida Curzi

A fare il poliziotto Guido c'era arrivato un po' per caso. Invidioso dei coetanei che frequentavano i laboratori delle facolta' scientifiche, le cliniche universitarie, non se l'era sentita di imbarcarsi in studi che richiedendo la frequenza delle lezioni non gli avrebbero permesso di lavorare e studiare assieme gravando ancora sulle spalle della madre vedova. Cosi' aveva preso una laurea in giurisprudenza e poi era entrato in polizia, sempre pensando che fosse una cosa temporanea, un'esperienza, prima di imboccare la sua vera strada.

Ma senza nemmeno rendersene conto si era trovato coinvolto da quel lavoro e lontano, anzi dall'altra parte della barricata rispetto a quei ragazzini con cui giocava nelle lunghe estati dell'infanzia e dell'adolescenza al paese dei nonni, nella bassa emiliana. E si era ritrovato un giorno a riconoscere nell'identikit di una brigatista a cui doveva dar la caccia Libera, il suo primo amore nato li' tra i canali, le nebbie mattutine, le corse in bicicletta.

E' una storia d'amore e di guerra quella che racconta Ansoino Andreassi. Ma e' anche la storia di tanti che avevano vent'anni nel 1968 e sognavano un mondo migliore. Tanti che, come Guido e Libera, un po' per caso si sono trovati chi alla facolta' di sociologia dell'universita' di Trento con Curcio e Mara Cagol, chi con addosso una divisa. E poi, magari, perfino uno di fronte all'altro con una pistola in pugno a guardarsi negli occhi...

Andreassi quelli come Guido e Libera li ha conosciuti bene, li ha frequentati per tutta una vita. Da quando e' arrivato all'ufficio politico -come si chiamavano allora le digos- della questura di Roma, mentre le Brigate Rosse tenevano Moro in ostaggio, fino a due anni fa quando, dopo aver diretto l'antiterrorismo, essere stato vicario del capo della Polizia e del Sisde, e' andato in pensione.

Sembra un po' l'alter ego dell'autore Guido che dice: ''Non si tratta di andare tanto e solamente alla ricerca dell'autore di un delitto o di una serie di reati piu' o meno gravi, cioe' di fatti singoli, frutto di spinte criminali di singoli individui, ma di cercare di capire il perche' di fenomeni complessi, strettamente collegati all'evoluzione della societa' e alla politica attuali. La scoperta dei responsabili di un attentato rimane senz'altro importante, ma e' solo la fase finale di un percorso ben piu' complesso, che consiste nell'individuare i componenti di organizzazioni clandestine, portatrici di un progetto politico, di capire bene da dove vengono, come si muovono e quali obiettivi intendono raggiungere. -Tu hai idee troppo complicate di questi merdaioli- lo rimprovera il suo superiore...''.

Ma Guido vuole capire, vuole trovare Libera prima che sia troppo tardi. E nella sua caccia, trascrizione non troppo fantasiosa di una vera indagine di polizia, dribbla giochi di potere dei colleghi, incrocia contrabbandieri, spie e terroristi palestinesi. Sullo sfondo un'Italia che dalla guerra si e' ricostruita ''pietra su pietra, rubando le ore al riposo e alle feste comandate'', quella di Peppe e Annetta, i genitori di Guido, di Generosa, nonna di Libera, ma in cui c'e' sempre chi ha molto e chi fatica a sbarcare il lunario. E qualcuno per cui le ferite della guerra partigiana sono ancora aperte. (ANSA).

Casi editoriali

  1. "2666"

    A sei anni dalla morte Roberto Bolano diventa scrittore di culto

  2. "The Father"

    Venduto in quattro Paesi e diritti film

  3. "Il suggeritore"

    182mila copie in 9 mesi per noir di Carrisi

Autori

  • Paulo Coelho

    Fra gli autori piu' conosciuti della letteratura mondiale, e' nato a Rio de Janeiro nel 1947. Le sue opere, pubblicate in piu' di 160 paesi, sono tradotte in settantuno lingue
  • Mark Twain

    E' considerato una fra le maggiori celebrita' americane del suo tempo
  • John Freeman

    Scrittore e critico letterario, ha pubblicato per The New York Times, Los Angeles Times, The Guardian e Wall Street Journal.
  • Elio Lannutti

    Giornalista e presidente dell'Adusbef dal 1987, attualmente e' senatore dell'Italia dei Valori
  • Sveva Casati Modignani

    Questo nome e' lo pseudonimo di Bice Cairati e Nullo Cantaroni, moglie e marito
  • Tiziano Scarpa

    Nato a Venezia nel 1963. Ha scritto, tra l'altro, Occhi sulla graticola, Amore, Venezia e' un pesce
  • Manlio Cancogni

    Nel dopoguerra si e' dedicato al giornalismo ed e' stato inviato speciale dell'Europeo e dell'Espresso
  • Antonio Pennacchi

    Il 'fasciocomunista' ha vinto con 133 voti il Premio Strega 2010 con 'Canale Mussolini'
  • Claudio G.Segre'

    Studioso del fascismo italiano, ha pubblicato anche 'L'Italia in Libia' e un volume di memorie
  • Olivia Lichtenstein

    E' nata e vive a Londra, ha anche lavorato come regista di serie televisive e ha prodotto alcune commedie teatrali
  • Nino Treusch

    Nato a Colonia nel 1966, vive da quattro anni a Miami. Ha trascorso parte dell'infanzia e dell'adolescenza in Italia dove si e' laureato alla Bocconi di Milano
  • Luigi Politano e Luca Ferrara

    Luigi Politano dirige il portale rivista online.com, mentre Luca Ferrara ha illustrato il libro ''Da Arkham Alle Stelle'' e ''Don Peppe Diana. Per amore del mio popolo''
  • Alberto De Martini

    Ha scritto libri sulla pubblicita', gestisce un'enoteca sul web, ha aperto un ristorante di successo e scritto canzoni per Mina.
  • Valentina Pattavina

  • Federica Sciarelli

    Giornalista del Tg3, conduce dal 2004 la popolare trasmissione 'Chi l'ha visto?'