Percorso:ANSA.it > Tempo d'Esami
Tempo d'Esami

Mondo del lavoro: diploma vince sulla laurea

11 luglio, 13:12
All'esame
All'esame
Mondo del lavoro: diploma vince sulla laurea

La crisi dilagante dell’occupazione giovanile continua a mietere vittime soprattutto tra i “dottori” di casa nostra. Dall’ultimo rapporto pubblicato da Excelsior - Unioncamere relativamente alle previsioni di assunzioni lavorative dell’ultimo trimestre, aprile – giugno 2013, risulta diminuita proprio la quota di laureati che hanno trovato un impiego. Al contrario, su questo tanto ambito titolo di studio, sembra vincere a mani basse il diploma, a quanto pare molto più spendibile nel mondo del lavoro.

VUOI LAVORARE? BASTA IL DIPLOMA

Insomma, i diplomati sembrano avere maggiori opportunità di trovare un impiego. Infatti, le interviste realizzate tra gennaio e febbraio di quest’anno da Excelsior – Unioncamere prevedono un’entrata nel mondo del lavoro tra aprile e giugno di circa il 43% dei ragazzi che ha concluso i suoi studi alle scuole superiori. Proprio loro sono giunti, tra il primo e il secondo trimestre del 2013, al massimo valore occupazionale degli ultimi due anni, seguiti a ruota da coloro che non hanno alcuna formazione specifica e che costituirebbero il 32% del totale delle assunzioni. I titoli di studio più alti non fanno breccia nel cuore delle aziende: tra i detentori di qualifica professionale, ha trovato lavoro solo il 16%, mentre tra quelli in possesso di una laurea, solo l’8%.

ASSUNZIONI STAGIONALI E NON, SOLO IL DIPLOMA

L’aumento dell’entrata nel mondo del lavoro dei diplomati vale sia per gli impeghi stagionali che per quelli non stagionali. Infatti, nell’ultimo anno i primi sono aumentati di 3,9 punti, passando dal 38, 6% al 42,5%. Stesso discorso vale per le assunzioni non stagionali, passate dal 38,9% del 2012 al 43,9% del 2013. In particolare, tra quest’ultime svettano i settori dell’industria e dei servizi che, a quanto pare, assumono gran parte del personale proprio tra le file dei diplomati.

LAUREATI CHE NON LAVORANO, NON È UNA NOVITÀ

Ma che i detentori di un titolo di studio più basso trovino con più facilità un impego, non sembra essere una novità per il nostro Paese. Almeno, non per l’ultimo anno e lo sanno bene tutti quei giovani che hanno deciso di togliere il diploma di laurea dal loro curriculum vitae. Infatti, anche nel 2012 si registrò questa tendenza del mercato del lavoro a spostare la sua attenzione verso le figure professionali in possesso di un diploma di scuola superiore, anche se non forte come ora. Lo scorso anno i laureati che entrarono cono facilità nel mondo del lavoro calarono dal 12,7 all’8,2%.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni