Percorso:ANSA > Terra e Gusto > Estate romana con Eataly

Estate romana con Eataly

Farinetti illustra struttura che aprira' a Roma il 21 giugno

12 giugno, 10:41
EATALY APRE NUOVO MERCATO A ROMA EATALY APRE NUOVO MERCATO A ROMA

(di Alessandra Moneti)

- ROMA - Eataly numero 19. Anche Roma, dal 21 giugno (ma sulla data non c'e' certezza perche' in attesa di licenza), avra' il suo bazar multiservice del cibo di qualita'. Arriva dunque con l'estate una rete che, da Torino a New York, mette in mostra, spiega, cucina e commercializza i gioielli dell'agroalimentare Made in Italy. E saranno 14mila i prodotti in vendita.

L'inventore di Eataly, Oscar Farinetti, presenta la struttura che rianima gli spazi della stazione Ostiense, l'Air Terminal progettato dall'architetto spagnolo Julio Lafuente per i Mondiali di Italia90 e poi abbandonata in anni di degrado urbano. Della bella struttura in vetro, con pianta a croce come due navate di chiesa, rimangono intatti involucro e facciata. Con 80 milioni di euro di investimento, di Farinetti e i suoi tre figli, e con un progetto dell'architetto Carlo Piglione, a uscirne rivoluzionati sono gli interni. Ora ospiteranno, a 'mo di manifesto contro lo spreco, ristoranti, pizzeria, supermercato, panineria, friggitoria, una pescheria, la piadineria, gelateria, pasticceria, un'osteria romana, 40 laboratori didattici, scuole di cucina, centro congressi, ma anche una installazione di arte contemporanea che e' un murales, opere di Modigliani, tanta satira, musica e citazioni di Flaiano. Perche' Eataly Roma vuole celebrare la bellezza''.

Sono oltre 550 i giovani assunti a Roma, ''contratti a tre mesi poi si vede'' dice Farinetti, forte del successo dell'esperienza imprenditoriale della catena Unieuro (elettronica) legata all'ottimismo proclamato negli spot da Tonino Guerra, abbraccia ora il credo di Slow Food e guarda al Salone del Gusto di Carlo Petrini. Lo fa da pasionario, ma soprattutto da chi sa far di conto conoscendo vizi e virtu' degli italiani: ''La gente sa che cosa e' l'Abs, il sistema frenante nelle auto, e poi non sa dire la differenza tra grano tenero e duro; devo convincere le persone a spostare i loro soldi da vestiti e orologi al cibo. Voglio far sentire 'figo' chi mangia, sapendo che esistono 200 tipi di mele. Un inno alla biodiversita'. E a Manhattan la vendita di pesto ligure, Barolo, parmigiano reggiano muove 80 milioni di fatturato''.

Come target di mercato, Farinetti posiziona il suo Eataly tra le utilitarie di lusso. ''Una marea di gente ha capito che la differenza tra un piatto di pasta economica e uno di qualita' puo' essere di dieci centesimi appena. E gli appassionati del food & wine da me trovano prezzi piu' bassi delle boutique del centro per i prodotti di nicchia''.

L'idea, conclude Nicola Farinetti, figlio d'arte, ''e' quella di far nascere un luogo dove sia i romani che i turisti possano mangiar bene a partire dai 5 euro di una pizza margherita. E ci aspettiamo 35mila visitatori e 6mila pasti al giorno''.

Intanto l'inaugurazione, a inviti, prevista per il 14 giugno sara' sobria: lo spumante Ferrari che sarebbe stato versato per il brindisi sarà messo in vendita e il ricavato destinato ai terremotati dell’Emilia. E’ la decisione presa assieme dalle Cantine Ferrari ed Eataly per il taglio del nastro''.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati