Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Così nasce la bussola dei batteri 'magnetici'

Così nasce la bussola dei batteri 'magnetici'

Scoperta utile anche per nuove applicazioni in medicina

04 gennaio, 13:01
Il bacino Badwater nella Valle della Morte, dove è stato scoperto il batterio magnetotattico BW-1 (fonte: Christopher T. Lefèvre e Dennis A. Bazylinski) Il bacino Badwater nella Valle della Morte, dove è stato scoperto il batterio magnetotattico BW-1 (fonte: Christopher T. Lefèvre e Dennis A. Bazylinski)

Scoperto il 'manuale di istruzioni' che un nuovo tipo di batterio utilizza per costruirsi una vera e propria bussola interna, grazie alla quale muoversi 'surfando' lungo le linee del campo magnetico. Lo hanno decifrato i ricercatori dell'universita' del Nevada a Las Vegas, che sulla rivista Science spiegano come la scoperta possa servire a sviluppare nuove nanotecnologie per guidare in modo mirato i farmaci nell'organismo e per nuovi esami di tipo diagnostico.
Il batterio, battezzato come BW-1, e' stato identificato per la prima volta nel bacino Badwater nella Valle della Morte, in Nevada. Fa parte della famiglia dei batteri 'magnetotattici', microrganismi capaci di percepire l'orientamento del campo magnetico in cui sono immersi grazie a delle 'bussole' in miniatura. Si tratta di piccoli organelli cellulari, chiamati magnetosomi, che contengono cristalli di minerali magnetici come la magnetite o la greigite.
Il microrganismo BW-1 e' il primo capace di produrre entrambi i tipi di cristalli. Nel suo Dna sono infatti presenti due gruppi di geni, uno necessario per la produzione della magnetite e uno per la greigite. Ogni volta BW-1 decide quale dei due 'manuali di istruzioni' usare a seconda delle condizioni dell'ambiente esterno, cioe' della composizione chimica del mezzo in cui si trova a nuotare.
''Siccome finora non erano mai stati isolati batteri capaci di produrre greigite, questi cristalli non sono mai stati testati per le diverse applicazioni biomediche che oggi impiegano la magnetite'', spiega Dennis Bazylinski, uno degli scopritori di BW-1. ''La greigite e' un solfuro di ferro che potrebbe rivelarsi addirittura superiore alla magnetite in alcune applicazioni perche' ha proprieta' fisiche e magnetiche leggermente diverse. Ora - conclude - abbiamo l'opportunita' di scoprirlo''.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati