Percorso:ANSA > Scienza&Tecnica > Piu' e' grande lo stormo, piu' furbo e' il pennuto

Piu' e' grande lo stormo, piu' furbo e' il pennuto

L'unione fa la forza anche tra gli uccelli, risolvono più facilmente i problemi

20 settembre, 17:15
Cinciallegra (fonte: Marek Szczepanek - http://commons.wikimedia.org/wiki/User:Pkuczynski/Marek_Szczepanek) Cinciallegra (fonte: Marek Szczepanek - http://commons.wikimedia.org/wiki/User:Pkuczynski/Marek_Szczepanek)

L'unione fa la forza anche tra gli uccelli: più lo stormo è numeroso, più aumentano le capacità dei volatili di affrontare le situazioni e di risolvere problemi. Lo dimostra per la prima volta uno studio condotto su quasi duecento uccelli selvatici dagli zoologi dell'università britannica di Oxford, i cui risultati sono pubblicati sulla rivista dell'Accademia americana delle scienze, Pnas.

I ricercatori Julie Morand-Ferron e John L. Quinn hanno osservato il comportamento di alcuni stormi formati da 148 cinciallegre e 49 cinciarelle direttamente nel loro habitat naturale, la campagna inglese. In particolare, li hanno messi alla prova mettendo dei semi di girasole dentro a sei piccoli distributori automatici, per vedere quanto tempo avrebbero impiegato per comprendere il loro funzionamento.
E' così emerso che più è numeroso lo stormo, più aumenta l'efficienza nel prelevare i semi dai distributori e persino il numero di semi ottenuti in media dai singoli volatili.

Un grande vantaggio è rappresentato anche dall'avere nello stormo un uccello che ha già compreso il funzionamento del meccanismo, cosa più probabile nei gruppi più numerosi. Le performance, inoltre, risultano ancora migliori quando i distributori sono posizionati in zone tranquille e coperte dagli alberi, forse perché ciò riduce anche la percezione del rischio di essere disturbati o, peggio ancora, predati.

Il segreto della vita di gruppo, secondo gli autori della ricerca, starebbe proprio nella possibilità di unire le competenze e le diverse abilità dei singoli individui. Grazie a questa cooperazione, gli stormi più numerosi possono sfruttare nuove risorse di cibo, aumentando le probabilità di sopravvivenza.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati