Percorso:ANSA > Salute e Benessere > Cibo spazzatura fa male anche in piccole quantita'

Cibo spazzatura fa male anche in piccole quantita'

Alimentazione modifica espressione geni

31 ottobre, 20:53
Cibo spazzatura fa male anche in piccole quantita' Cibo spazzatura fa male anche in piccole quantita'

ROMA - Anche un solo pezzetto di cioccolata puo' far male? Siamo quello che mangiamo e la moderazione nel consumo di cibi spazzatura puo' non bastare a tenerci alla larga dai rischi per la salute. I genetisti della University of Massachussets medical school, a Worchester, hanno scoperto che anche piccole dosi di cibo con elevate dosi di grassi saturi possono indurre cambiamenti significativi nell'espressione dei geni e avere conseguenze sulla fisiologia e la salute.

Lo studio e' pubblicato su Cell. I ricercatori hanno sottoposto i vermi C.Elegans, organismi modello molto usati per gli studi genetici, a diete differenti dal solito e osservato che la nuova alimentazione era in grado di modificare l'espressione di almeno 87 geni chiave nello sviluppo e nella crescita dell'organismo. ''Si tratta di un grande network di geni metabolici e regolatori influenzati da precisi fattori di transcrizione e, in sintesi, abbiamo scoperto che quando C.elegans si alimentava con differenti tipi di batteri rispetto ai soliti subiva un cambiamento significativo di programmazione dell'espressione di questi geni'', spiega A.J.

Marian Walhout, docente di biologia molecolare alla universita' americana, a capo dello studio. ''I vermi quindi mostravano meno capacita' a procreare, una vita piu' breve e uno sviluppo piu' rapido rispetto ai C.elegans che invece seguivano la normale dieta standard e i cambiamenti nell'espressione dei geni sono avvenuti anche quando venivano modificate piccole quantita' di cibo''. I regolatori dei geni che sono influenzati dalla dieta nei vermi, spiegano gli autori, controllano anche i ritmi circadiani negli uomini che sono direttamente influenzati dal tipo di alimentazione.

''E' qui la chiave per capire come usare questo modello di studio per approfondire il rapporto tra dieta, espressione dei geni, sviluppo e cura di patologie anche nell'uomo'' sottolinea Lesley MacNeil coautore dello studio. Conclude Walhout: ''I nostri risultati provano che anche a piccole dosi i cibi non salutari possono provocare danni all'organismo ma spiega anche come agiscono alcuni cibi ritenuti salutari che potranno essere forniti sempre piu' per promuovere reazioni fisiologiche positive da parte dell'organismo e facilitare la guarigione in molte malattie''.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA