Percorso:ANSA > In Viaggio > Napoli, riparte la Città della Scienza

Napoli, riparte la Città della Scienza

Il 7 novembre inaugurazione del nuovo Science Centre nei locali provvisori della cittadella

05 novembre, 16:08
Per i pi piccoli c' l'esposizione su cuccioli e uova di dinosauri (foto citta' della scienza) Per i pi piccoli c' l'esposizione su cuccioli e uova di dinosauri (foto citta' della scienza)

La Città della Scienza di Napoli riparte "dal cervello". Con questo slogan la cittadella distrutta dall'incendio del 4 marzo scorso punta alla rinascita e inaugura il nuovo Science Centre nei locali provvisori ripristinati a spazio espositivo – oltre 2.500 metri quadri – a pochi passi dallo scheletro bruciato dei capannoni. Un primo passo per riaccendere i riflettori sulla ricostruzione del polo scientifico della città partenopea.

L'appuntamento è il 7 novembre (alle 17 la grande festa di inaugurazione) con "Futuro Remoto 2013", giunta alla XXVII edizione, che sarà incentrata sul funzionamento del cervello umano. Accanto alla mostra divulgativa "Brain", realizzata con il contributo scientifico del National Institute of Health statunitense, della Society for Neurosciences e della Dana Alliance for Brain Initiatives, sono inoltre previsti momenti di approfondimento guidati da esperti provenienti da ogni parte del mondo. La mostra si articola in sei sezioni che tramite installazioni, giochi e filmati svelano il funzionamento e la complessità del cervello nei suoi molteplici aspetti: dal ruolo della memoria alle malattie, dagli spazi del ragionamento alle emozioni. I visitatori avranno l'opportunità di passeggiare all'interno di un modello di cervello ed esplorarne l'attività elettrochimica a mo' di tempesta di fulmini. Con un videogame si proverà a capire il meccanismo del sonno, mentre con tecnologia di realtà virtuale sarà spiegata la sindrome dell'arto fantasma. Ci saranno anche la sezione "Brain Games", dedicata al rapporto tra i videogiochi e il cervello a cura di VIGAMUS, il Museo del Videogioco di Roma, e poi il Bar di Chimica, gli Assaggi della Scienza, i laboratori sul cervello. Insomma, una vera e propria festa della scienza che sarà aperta da Richard Walker, portavoce dello Human Brain Project, il progetto internazionale che mira a realizzare con un supercomputerun "cervello artificiale" che riprodurrà integralmente il cervello umano, emozioni comprese. In calendario eventi fino a domenica 17 novembre.

Per i più piccoli c'è anche un'altra esposizione che arriva dall'Australia. Si tratta di "Cuccioli e uova di Dinosauri", che sarà allestita nel Padiglione Marie Curie, che mostrerà le abitudini di vita dei dinosauri attraverso un'ampia varietà di cuccioli carnivori ed erbivori, di uova e di nidi rinvenuti in tutto il mondo.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA