Percorso:ANSA > Ambiente&Energia > Nuova sfida Internet e' diventare piu' verde

Nuova sfida Internet e' diventare piu' verde

Allo studio -80% consumi energia

29 marzo, 11:18
Nuova sfida Internet e' diventare piu' verde Nuova sfida Internet e' diventare piu' verde

(Di Leonardo De Cosmo)

ROMA - Il traffico Internet raddoppia ogni tre anni e con esso l'energia necessaria a mantenerlo: nuove tecnologie per migliorarne l'efficienza, riducendo i consumi fino all'80%, e renderlo più 'verde' sono allo studio e nei prossimi anni permetteranno anche un risparmio della bolletta degli utenti. Un ricercatore italiano dell'Università di Catania ha analizzato la situazione su Science indicando le possibili strade da seguire. "Alcuni nostri progetti - ha spiegato Diego Reforgiato - puntano a ridurre dell'80% l'energia consumata da internet, un valore che si tradurrebbe in risparmio sia per gli utenti che per le aziende".

Un obiettivo ambizioso ma raggiungibile e assolutamente necessario: il consumo energetico della sola Telecom Italia nel 2006 era pari all'1% della domanda nazionale ed è andata aumentando costantemente. Circa il 20% dell'energia consumata è utilizzata per i sistemi di raffreddamento e il consumo mondiale dei data center è stimato, nel 2012, a circa 270 TeraWatt ore, pari a circa due terzi dell'energia totale prodotta in Italia. "La crescita della rete - ha spiegato il ricercatore italiano - non è stata accompagnato da un analogo incremento dell'efficienza della rete energetica". Il problema è oggi quello di trovare un equilibrio tra le esigenze di prestazioni e le limitazioni di utilizzo di energia.

Dal modem di casa ai server e gli altri strumenti per la gestione dei grandi volumi di traffico della rete, i sistemi di risparmio stanno ora superando le difficoltà tecniche e presto renderanno più verde la rete. "Si parte da piccoli accorgimenti sui router, il cosiddetto modem - ha spiegato Reforgiato - basta pensare che un utente medio italiano lo sfrutta solo il 20% del tempo che resta acceso. Basterebbero in questo caso dei sistemi per evitare consumi di energia inutili e avremmo un risparmio in bolletta di almeno 20 euro l'anno". Le strade in queste direzione, ha proseguito Reforgiato, sono sostanzialmente due: da un lato far 'addormentare' l'apparecchio, o le parti, che non viene utilizzato, dall'altra ridurre la 'banda' in base alle reali necessità di quel momento.

"Ovviamente questi accorgimenti devono riguardare soprattutto i sistemi di gestione della rete ma ciò è vero anche per gli apparecchi domestici. Facendo ancora un esempio familiare, spesso siamo connessi magari vedendo semplicemente una pagina web, quindi senza sfruttare le potenzialità del modem. Un sistema intelligente adeguerebbe i consumi alle necessità limitando in questo caso la 'banda'".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA