Scopri il Sudafrica

I Bambini

Logo organizzazione non-governativa "Childeslife" Logo organizzazione non-governativa "Childeslife"

In viaggio con i bambini, lo sanno tutti i genitori, può diventare un incubo. Se poi si pensa all’Africa, è l’ultimo posto al mondo in cui si porterebbero: basta immaginare tutte le vaccinazioni e le conseguenti attenzioni che si dovrebbero avere per scoraggiare anche i più avventurosi. Ma in Sudafrica le cose non stanno così e si può persino partecipare a safari con i più piccoli. Non solo perché vengono organizzati ad hoc, ma anche perché ci sono riserve che sono assolutamente malaria free. Come l’Addo Elephant National Park, a 72 chilometri da Port Elizabeth che nei suoi 292 mila ettari di estensione, ospita 450 elefanti. Ma anche il Kruger, con tutti i suoi punti di accesso e le numerose offerte di pernottamento, per le famiglie può diventare una meta giusta (però è una zona malarica e durante l’inverno australe è meglio visitarlo equipaggiati nel modo giusto, con zanzariere, per esempio, o indumenti che coprono braccia e gambe). In ogni caso, ci sono tour operator che offrono pacchetti per le famiglie in riserve malaria free, dove si potranno avvistare pinguini, babbuini, foche e balene nella zona del Capo o i big five nella regione di Madikwe, altra zona dove non si corre il rischio di contrarre la malaria.

Nelle miriadi di spiagge che puntellano le coste dall’Oceano Indiano a quello Atlantico, le piscine e i facili sentieri escursionistici sono adatti anche ai più piccoli. La Table Mountain, a Cape Town, è sicuramente una meta che piacerà ai bambini: ci sono cabinovie che portano nei punti più alti e una vegetazione con 1.470 tipi di piante diverse. Si può fare trekking e poi tornare a Cape Town, tra le città la più sicura e divertente per i bambini, piena com’è di cose da fare e da vedere.

Merita una visita Oudtshoorn, capoluogo del Little Karoo, lungo la route 62, famosa per gli struzzi: ovunque si vendono uova e piume di questi buffi animali. Si possono visitarne gli allevamenti o andare alle Cango Caves, delle grotte che in alcuni punti sono lunghissime e strette ed umide, ma molto divertenti.

E come dimenticare le balene? Saldamente fissate nell’immaginario infantile, questi enormi cetacei, le regine del mare, sono avvistabili lungo tutta la Garden Route, dopo Cape Town, e anche sull’altra costa, quella dell’Oceano Indiano.