Percorso:ANSA.it > Mondo > News

Svolta in Iran, vince il moderato Rohani

Ha vinto al primo turno le elezioni presidenziali. 'E' la vittoria dell'intelligenza sull'estremismo'

16 giugno, 17:14
Festa per Hassan Rowhani
Festa per Hassan Rowhani
Svolta in Iran, vince il moderato Rohani

GERUSALEMME - "Circa i risultati elettorali in Iran, non ci facciamo illusioni": lo afferma il premier israeliano Benyamin Netanyahu. "Le pressioni internazionali vanno mantenute".

"La comunità internazionale - ha detto ancora Netanyahu - non deve abbandonarsi a sogni, non deve cadere nella tentazione di allentare la pressione sull'Iran, affinché essa fermi i propri progetti atomici". "Occorre ricordare - ha sottolineato il premier - che fin dall'inizio il leader iraniano ha annullato le candidature di personalità che non si conciliavano con la sua visione estremistica, e fra quanti ha autorizzato a candidarsi è stato scelto colui il quale viene considerato il meno identificato con il regime". "Ma ancora - ha insistito Netanyahu - si tratta di una persona che definisce Israele 'il grande Satana sionista' ". "In ogni caso è il leader supremo dell'Iran e non il presidente colui il quale determina la politica nucleare del Paese", ha rilevato il premier. "Tanto più la pressione sull' Iran crescerà, tanto più crescerà la probabilità di fermarne i progetti nucleari... che restano la minaccia maggiore alla pace nel mondo". "L'Iran - ha concluso - sarà giudicata sulla base delle sue azioni. Se insisterà a procedere nei progetti nucleari, la risposta deve essere chiara: (occorrerà) fermarli con ogni mezzo".

BAN KI-MOON A TEHERAN, GIOCHI RUOLO 'COSTRUTTIVO' - Il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon ha rivolto le sue "calorose congratulazioni" al nuovo presidente iraniano Hassan Rohani e "continuerà a incoraggiare l'Iran a svolgere un ruolo costruttivo negli affari regionali e internazionali". Secondo quanto riferito dal suo portavoce, Martin Nesirky, Ban "intende continuare a lavorare con le autorità iraniane e con il presidente eletto sui dossier che interessano la comunità internazionale e per il benessere del popolo iraniano".

CASA BIANCA, ORA RISPETTARE OBBLIGHI NUCLEARE - Hassan Rohani, il leader moderato vincitore delle elezioni in Iran, "troverà negli Stati Uniti un partner se l'Iran rispetterà i suoi obblighi sul fronte del programma nucleare": lo ha detto il capo dello staff della Casa Bianca. "Un potenziale segnale di speranza": così Denis McDonough ha definito la vittoria del moderato Hassan Rohani in Iran. 'Se Rohani e' davvero interessato, come ha detto in campagna elettorale, a ristabilire le relazioni con la comunità internazionale, ci troverà pronti".

SVOLTA IN IRAN, VINCE IL MODERATO ROHANI
FINE ERA AHMADINEJAD,'BATTUTI ESTREMISTI'.E USA APRONO SPIRAGLIO

Svolta in Iran. A sorpresa e tra caroselli di festeggiamenti per le strade di Teheran, il candidato moderato appoggiato dai riformisti Hassan Rohani ha vinto già al primo turno le elezioni presidenziali iraniane svoltesi ieri per indicare il successore di Mahmud Ahmadinejad. Il religioso Rohani ha ottenuto poco meno del 50,7% dei voti e dunque la maggioranza assoluta che ha evitato il ricorso al ballottaggio e portato i riformisti di nuovo al governo dopo l'era del conservatore Ahmadinejad. "Bye bye Ahmadi" e "viva le riforme, viva Rohani" sono stati infatti fra gli slogan più urlati nella notte di festeggiamenti a Teheran. Divisioni nello schieramento conservatore, quello più vicino alla Guida suprema Ali Khamenei, ha agevolato la sua vittoria sugli altri cinque candidati in lizza: il primo dei quali è risultato il - meno popolare del previsto - sindaco di Teheran, Mohammad Baqer Qalibaf, che ha ottenuto il 16,5% dei voti. Percentuali inferiori sono state registrate per due altri sfidanti accreditati di maggior peso grazie alla loro vicinanza a Khamenei: il negoziatore per il nucleare Said Jalili e il consgliere diplomatico della Guida, Ali Akbar Velayati. Decisivo è apparso il ricompattamento dietro a Rohani compiuto dai moderati dell'ex-presidente Hashemi Rafsanjani e i riformisti di un altro ex-capo di Stato, Mohammad Khatami: un movimento che era stato messo nell'angolo dalla repressione dei moti di protesta del 2009 contro la contestata rielezione di Ahmadinejad. Fino a poche settimane fa sembrava incapace anche solo di fare un congresso o far parlare un portavoce, ma il bacino elettorale da 18 milioni di voti che rappresentano i riformisti assieme ai moderati sembra aver fatto la differenza.

Nonostante a Teheran in serata siano in corso festeggiamenti degni di una svolta rivoluzionaria, un messaggio di congratulazione di Khamenei a Rohani e alla nazione che ha partecipato in maniera relativamente massiccia al voto (72% l'affluenza) indica che l'avvicendamento avviene in maniera concordata e senza l'attrito che era sfociato nella repressione dei moti del 2009 con decine di vittime per le strade e sui patiboli. Lo stesso Rohani, che ha ricevuto le congratulazioni anche di Ahmadinejad nell'ambito di un passaggio di poteri senza scosse, ha definito il proprio successo una "vittoria della moderazione sull'estremismo". Del resto i candidati sgraditi come il delfino-consuocero di Ahmadinejad, Esfandiar Rahim Mashai, e il troppo potente Rafsanjani erano già stati esclusi dalle preselezione operata dai Guardiani della costituzione che vagliano le candidature. Per l'Occidente, come dimostrano anche le prime dichiarazioni dalle capitali importanti, da Washington a Parigi, da Londra a Roma, questa elezione apre uno spiraglio sulla questione del nucleare iraniano sospettato di finalità militari: anche se le decisioni finali spettano alla Guida suprema - come non ha mancato di sottolineare subiti, con una dose di scetticismo, Israele - il presidente può influenzare le sue scelte; e Rohani, che promette più flessibilità su questo fronte, è stato il negoziatore che nel 2003 concordò con Francia, Gran Bretagna e Germania una moratoria dell'arricchimento dell'uranio, poi ripreso da Ahmadinejad nel 2005.

Dagli Usa, l'amministrazione Obama ha aperto del resto uno spiraglio, dopo essersi congratulata con "il coraggio" degli elettori iraniani, rinnovando la disponbilità a ricercare una "soluzione diplomatica" sullo spinoso dossier nucleare, a patto che il nuovo vertice di Teheran operi "scelte responsabili per un futuro migliore". Il compito del presidente iraniano entrante sarà d'altronde soprattutto quello di intervenire su un'economia piagata dagli effetti delle sanzioni e da squilibri interni, oltre che sulla gestione di una società, solo in parte allineata ai rigidi principi morali dell'Islam sciita. Ma, dopo averla pure mostrata fisicamente in un dibattito televisivo facendola, assurgere a proprio simbolo, Rohani sostiene di avere la "chiave" per risolvere i problemi del Paese.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni