Percorso:ANSA.it > Tecnologia e Internet > News

Web: non piu' solo .com o .net, cambiano domini

Al via rivoluzione Internet, polemiche per il rischio di truffe

12 gennaio, 11:59
Computer
Computer
Web: non piu' solo .com o .net, cambiano domini

ROMA - Ci sono le aziende pronte a sfruttare le potenzialita' pubblicitarie di un sito che ha come estensione il proprio nome, istituzioni pubbliche come i Comuni interessate alla propria immagine sul web e privati cittadini alla ricerca di un nuovo modo per fare soldi con la registrazione, e la conseguente vendita a prezzo maggiorato, di nomi di siti appetibili al grande pubblico.

 
Tutti sono sulla linea di partenza in attesa del via dell'Icann, l'organismo internazionale che vigila sull'organizzazione del Web, che giovedi' a mezzogiorno iniziera' ad accettare proposte di registrazioni di nuovi domini primari da affiancare a quelli tradizionali come .com o .info. Le restrizioni per i nomi dei nuovi domini, che costeranno ognuno 185 mila dollari (145 mila euro) sono minime, e riguardano soprattutto questioni tecniche come la presenza di numeri. Hanno gia' manifestato il loro interesse per l'adozione di un'estensione particolare diverse aziende, ma anche alcune grandi citta' come Londra, che potrebbe registrare il dominio .london per siti legati al turismo.
 
La decisione di espandere il numero dei domini autorizzati, che ora sono 22 oltre a quelli legati ai singoli stati come .it o .fr, e' stata presa secondo una nota dell'Icann per promuovere l'innovazione negli indirizzi dei siti web e per aprire i domini anche a caratteri di alfabeti diversi da quello latino: ''Gli utilizzatori cinesi di internet sono ormai la maggioranza - spiega l'organismo - e' assurdo che non ci siano domini con i caratteri che conoscono meglio''. Il progetto ha destato molte polemiche, soprattutto per la possibilita' che qualcuno registri e utilizzi in maniera impropria i domini. Il mese scorso 26 istituzioni mondiali, tra cui l'Onu e il Fondo Monetario Internazionale, hanno inviato una lettera all'Icann per chiedere che non venga resa possibile la registrazione di domini .un o .imf da parte di persone non affiliate alle organizzazioni, il cosiddetto cybersquatting o domain grabbing, che di solito viene usato per poi rivendere i domini.
 
Un'altra critica e' venuta dalla Federal Trade Commission americana, preoccupata che qualcuno possa registrare domini simili a quelli di siti gia' esistenti, ad esempio 'Amazon.comm', e usarli per truffare gli internauti. Secondo l'Icann, pero', il prezzo elevato della registrazione e i controlli che seguiranno le richieste dovrebbero far desistere i malintenzionati: ''Sono commenti che apprezziamo - ha ribattuto Steve Crocker, capo del board dell'Icann -, procederemo con molta lentezza e attenzione nel valutare le domande per essere sicuri che non ci siano comportamenti scorretti''.
© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni