Percorso:ANSA.it > Tecnologia e Internet > News

Agcom approva schema delibera diritto autore

Calabro', eliminate ambiguita' e criticita'

07 luglio, 12:18
Un momento della 'Notte bianca della rete'. L'evento per i diritti degli utenti e dei cittadini digitali capeggiato da Agor Digitale, Altroconsumo, Adiconsum,contro il provvedimento dell'Agcom sul diritto d'autore, che definiscono penalizzante per il web.
Un momento della 'Notte bianca della rete'. L'evento per i diritti degli utenti e dei cittadini digitali capeggiato da Agor Digitale, Altroconsumo, Adiconsum,contro il provvedimento dell'Agcom sul diritto d'autore, che definiscono penalizzante per il web.
Agcom approva schema delibera diritto autore

 ROMA - L'Agcom ha approvato con sette voti a favore un astenuto e un voto contrario lo schema di regolamento sul diritto d'autore che nell'attesa dei giorni scorsi aveva scatenato la protesta della rete, e che viene posto ora ad una consultazione pubblica di 60 giorni. Lo schema prevede che per la rimozione dei contenuti coperti da copyright, "la procedura dinanzi all'Autorità è alternativa e non sostitutiva della via giudiziaria e si blocca in caso di ricorso al giudice di una delle parti". La procedura, inoltre "non prevede alcuna misura di inibizione dell'accesso ai siti internet".

Rispetto all'iniziale schema di regolamento, l'Agcom ha apportato delle modifiche che riguardano i tempi del contraddittorio che passano da cinque a dieci giorni, l'esclusione dalla procedura per i siti che non hanno manifesto scopo di lucro, e una marcia indietro rispetto alla possibilità di inibire l'accesso ai siti esteri per i quali adesso è prevista prima una richiesta da parte dell'Autorità di "rimozione dei contenuti destinati al pubblico italiano in violazione delle norme sul diritto d'autore" e poi, se la richiesta non viene ottemperata, una segnalazione "alla magistratura per i provvedimenti di competenza". La prima parte dello schema di regolamento dell'Agcom - si legge nel comunicato dell'Autorità - contiene misure "da sviluppare per favorire l'offerta legale e la promozione effettiva dell'accesso ai contenuti da parte degli utenti"; la seconda parte invece, "contiene una serie di misure a tutela del diritto d'autore e si articola in due fasi: una relativa al procedimento dinanzi al gestore del sito, la seconda al procedimento dinanzi all'Autorità". In particolare, "nella prima fase se riconosce che i diritti del contenuto oggetto di segnalazione sono effettivamente riconducibili al segnalante, il gestore del sito può rimuoverlo lui stesso entro 4 giorni, accogliendo la richiesta rivoltagli (notice and take down). Qualora l'esito della procedura di notice and take down non risulti soddisfacente per una delle parti - viene sottolineato dall'Agcom -, questa potrà rivolgersi all'Autorità, la quale, a seguito di un trasparente contraddittorio della durata di 10 giorni, potrà impartire nei successivi 20 giorni (prorogabili di altri 15) un ordine di rimozione selettiva dei contenuti illegali o, rispettivamente, di loro ripristino, a seconda di quale delle richieste rivoltegli risulti fondata". Inoltre, "la procedura non riguarda (sulla base del principio del fair use): siti non aventi finalità commerciale o scopo di lucro; o l'esercizio del diritto di cronaca, commento, critica o discussione; o l'uso didattico e scientifico; o la riproduzione parziale, per quantità e qualità, del contenuto rispetto all'opera integrale che non nuoccia alla valorizzazione commerciale di questa". A quanto si apprende, la delibera non tornerà al Consiglio dell'Autorità prima di ottobre, dopo la consultazione pubblica di 60 giorni dalla sua pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. A votare contro la delibera il consigliere Nicola D'Angelo, mentre si è astenuto il consigliere Michele Lauria.

LAURIA, TESTO AGCOM MIGLIORATO MA ANCORA DA FARE 
- "La versione del documento varato oggi dell'Autorità rappresenta un notevole miglioramento rispetto al testo iniziale, perché contiene garanzie per tutti gli interessi legittimi in campo e lascia al giudice l'adozione di eventuali misure di chiusura dei siti". Così il Commissario dell'Agcom Michele Lauria ha così motivato la sua astensione sulla proposta di regolamento in materia di diritto d'autore. "Il testo deve comunque essere ancora migliorato, in particolare - aggiunge Lauria - riguardo alle misure di rimozione selettiva dei contenuti illegali, anche a seguito della consultazione pubblica e di un'eventuale audizione in Parlamento. Per tale ragione ho ritenuto opportuno astenermi in quanto ritengo che non si tratti di un provvedimento bavaglio. In ogni caso, sarebbe auspicabile che il Parlamento intervenisse sul quadro normativo di riferimento attraverso una revisione dell'attuale legge del diritto d'autore, ormai superata e poco adattabile al mutato contesto del mondo di Internet".

CALABRO', ELIMINATE AMBIGUITA' E CRITICITA'  - "Abbiamo messo a punto un testo attentamente riconsiderato, dal quale sono state eliminate ambiguità e possibili criticità, fugando così qualsiasi dubbio sulla proporzionalità e sui limiti dei provvedimenti dell'Autorità e sul rapporto tra l'intervento amministrativo e i preminenti poteri dell'Autorità giudiziaria". Questo il commento del presidente dell'Agcom Corrado Calabrò, dopo l'approvazione da parte dell'Autorità dello schema di delibera sul diritto d'autore.

"L'articolato verrà ora sottoposto a una nuova consultazione pubblica che prevede un ampio termine per far pervenire osservazioni e suggerimenti - ha aggiunto il presidente dell'Agcom Corrado Calabrò dopo l'approvazione da dello schema di delibera sul diritto d'autore -. E' nostra intenzione stimolare un dibattito approfondito e aperto a tutti i contributi e a tutte le voci della società civile, del mondo web e di quello produttivo, della cultura e del lavoro. In questo spirito ho anche dato la mia disponibilità a un'audizione presso le competenti Commissioni parlamentari sullo schema di regolamento qualora il Parlamento lo ritenga opportuno".

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni