Percorso:ANSA.it > Tecnologia e Internet > News

Arriva caricabatteria unico per cellulari

Disponibili gli standar tecnici necessari alla produzione per i gsm

29 dicembre, 17:29
Da 2011 carica batteria unico cellulari
Da 2011 carica batteria unico cellulari
Arriva caricabatteria unico per cellulari

 BRUXELLES - Il caricabatteria unico per cellulari di diverso tipo non e' piu' solo un sogno: dagli inizi del prossimo anno, i consumatori europei potranno acquistare un carica batterie standard per quasi tutti i

cellulari venduti nei 27 paesi membri dell'Europa. L'ufficio europeo per la standardizzazione Cen-Cenelec-Etsi ha infatti completato oggi il mandato ricevuto dalla Commissione Ue e resi disponibili gli standard tecnici armonizzati necessari alla produzione di un carica batterie universale per gsm.
 
''Sono molto contento che l'ufficio europeo di standardizzazione abbia realizzato la nostra richiesta di sviluppare in un breve periodo di tempo gli standard tecnici necessari per un unico caricabatteria'', ha dichiarato il vice presidente della Commissione Ue, responsabile dell'industria, Antonio Tajani. ''Ora e' tempo per l'industria di tenere fede agli impegni concordati e cominciare a vendere i telefoni per i nuovi caricabatteria. Il ricarica batteria unico rendera' ai consumatori la vita piu' facile, ridurra' i rifiuti e creera' business. E' un reale vantaggio per tutti''.
 
I risultati annunciati oggi fanno seguito all'accordo con 13 aziende produttrici di gsm, tra cui Apple, Motorola, Lg, Nec, Nokia, Samsung e Sony Ericsson firmato nel giugno del 2009, che le impegnava ad armonizzare i caricabatteria. Cen-Cenelec e Etsi hanno dato la risposta tecnica che ancora mancava e la Commissione Ue si attende che la prima generazione di cellulari compatibile con il nuovo caricabatteria unico sia immessa sul mercato europeo ''agli inizi del prossimo anno''. Lo standard scelto per il carica-batterie unico e' il mini-Usb, un connettore che gli utilizzatori di cellulariche trasmettono dati gia' conoscono. Dalla stessa uscita, ovvero una porta Usb simile a quelle dei pc, si potra' dunque anche ricaricare il cellulare. Anche con il beneficio dell'estetica degli apparecchi. Tra le motivazioni che hanno spinto Bruxelles ad agire, c'e' anche la preoccupazione per l'accumulo di rifiuti inutili. L'incompatibilita' dei caricatori per i cellulari non e' infatti solo una grande scocciatura per gli utilizzatori ma anche un fattore che crea diverse migliaia di tonnellate di rifiuti non necessari. Grazie ad un solo carica-batterie per famiglia, i 450-500 milioni di cellulari in uso in Europa ridurranno il loro impatto sull'ambiente.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni