Percorso:ANSA.it > Tecnologia e Internet > News

Google, Cina respinge accuse al mittente

E' polemica aperta con gli Stati Uniti: "accuse senza fondamento"

24 gennaio, 22:44
Sede Google a Pechino
Sede Google a Pechino
Google, Cina respinge accuse al mittente

PECHINO  - E' polemica aperta fra Stati Uniti e Cina per gli attacchi hacker a Google provenienti della Cina. Ieri la Casa Bianca aveva detto che il presidente Obama era "preoccupato" per la vicenda, e oggi prontamente è arrivata la risposta cinese. Prima il giornale del partito comunista, il Quotidiano del Popolo, ha accusato gli Stati Uniti di aver fomentato le rivolte in Iran attraverso internet. Poi un portavoce del ministero dell'Informatica ha definito "senza fondamento" le accuse di coinvolgimento di Pechino nei cyberattacchi. La scorsa settimana Google ha denunciato che pirati informatici dalla Cina sono entrati nelle caselle di posta elettronica che dissidenti cinesi avevano aperto sul portale.

Il gigante del web per reazione ha detto che avrebbe tolto la censura che si era auto-imposto in Cina per compiacere il governo, anche se questo l'avrebbe costretto a chiudere la sua filiale nel paese. Il segretario di Stato americano Hillary Clinton ha rivolto un appello alla Cina perché garantisca la trasparenza e la libertà su internet e ieri il presidente Obama si è detto "preoccupato per la falla nella sicurezza informatica che Google attribuisce alla Cina". La reazione di Pechino non si è fatta attendere. Oggi il Quotidiano del popolo ha accusato gli Usa di voler controllare Internet in nome della libertà sul web. "Dietro quello che l'America definisce libertà di stampa c'é una politica astuta - si legge in un editoriale firmato da Wang Xiaoyang -. Come si spiega l'agitazione in Iran dopo le elezioni? E' stato perché la guerra lanciata online dagli Usa, attraverso video su Youtube e Twitter, ha messo in giro delle voci, creando divisioni, sollevando e seminando discordie tra i seguaci delle fazioni conservatrici e riformiste". "Temiamo che agli occhi dei politici americani solo l'informazione controllata dagli Usa è libertà d'informazione - rincara la dose Wang - solo le notizie ammesse dagli Stati Uniti sono notizie libere, solo i discorsi approvati dal governo sono discorsi liberi e solo il flusso di informazioni adatti agli interessi americani sia libero".

Ma la risposta cinese non finisce qui. Un portavoce del ministero dell'Industria e dell'Informatica ha dichiarato oggi che "l'accusa che il governo cinese abbia partecipato ad attacchi informatici, direttamente o indirettamente, è senza fondamento e punta a denigrare la Cina. Noi siamo fermamente contrari a questo". Il portavoce ha sottolineato che le autorità hanno perfettamente il diritto di porre limiti sulla rete a contenuti "nocivi" e che questa politica non ha nulla a che vedere con le "restrizioni della libertà su internet".

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni