Percorso:ANSA.it > Spettacolo > News

SCHEDA/ Oscar: miglior film straniero, Italia a quota 13

Da Sciuscià del '47 e La Grande Bellezza, 15 anni dopo Benigni

03 marzo, 12:43
Paolo Sorrentino e Toni Servillo
Paolo Sorrentino e Toni Servillo
SCHEDA/ Oscar: miglior film straniero, Italia a quota 13

E 13: con La Grande bellezza di Paolo Sorrentino sono tredici le statuette tricolori per il miglior film straniero. L'ultima 15 anni fa con La vita è bella di Roberto Benigni.

Il primo Oscar italiano fu a Sciuscia' di Vittorio De Sica nel 1947, che ottenne il bis con Ladri di biciclette nel 1950.

Poi nel 1957 La strada di Federico Fellini che l'anno dopo lo vinse di nuovo con Le notti di Cabiria (1958). Fellini con Otto e mezzo ebbe di nuovo l'Oscar nel 1963 e poi ancora nel 1974 per Amarcord (e un commovente Oscar alla carriera nel '93, l'anno della sua morte).

Terzo Oscar nel 1965 per Vittorio De Sica con Ieri, oggi e domani e un quarto nel '71 per Il giardino dei Finzi Contini.

L'anno prima, 1970, e' italiano il miglior film straniero per Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto di Elio Petri.

L'Italia torna a vincere nella categoria con Nuovo cinema paradiso di Giuseppe Tornatore nel 1990 - nel mezzo un prestigioso miglior regista a Bernardo Bertolucci con L'ultimo imperatore che nel 1988 ebbe in totale 4 statuette -.

Il '92 e' l'anno di Gabriele Salvatores e di Mediterraneo.

Infine il ciclone Roberto Benigni: 1999 miglior film straniero e' La vita e' bella e Benigni il miglior attore.

Statuetta tricolore alla migliore attrice solo due volte: Anna Magnani per La Rosa tatuata (1955) e Sophia Loren (1962) per La Ciociara che poi nel '91 vinse anche l'Oscar alla carriera.

La notte degli Oscar ha visto tante volte protagonista l'Italia con numerose vittorie nelle categorie 'tecniche', 33: dal costumista Piero Gherardi che vinse nel '62 per La dolce vita e nel '63 per Otto e mezzo, da Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo coppia da Oscar per le scenografie (tre statuette).

E poi le tre volte della costumista Milena Canonero, le tre del musicista Giorgio Moroder, le due di Carlo Rambaldi per gli effetti speciali, di Vittorio Storaro per la fotografia, di Pietro Scalia per il montaggio. Senza dimenticare Pietro Germi, Ennio De Concini e Alfredo Giannetti sceneggiatori di Divorzio all'italiana, Nicola Piovani per La vita e' bella, Dario Marianelli per Orgoglio e pregiudizio, Gabriella Pescucci costumista per L'eta' dell'innocenza.

Quattro gli Oscar alla carriera ai talenti italiani: oltre Loren e Fellini, l'Academy diede nel '95 il riconoscimento a Michelangelo Antonioni e nel 2001 al produttore Dino De Laurentiis.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni