Percorso:ANSA.it > Spettacolo > News

Paola Ferrari, stop a diffamazione su social network

'Deriva pericolosa. Bene sentenza tribunale Livorno. Grande vittoria privacy'

14 gennaio, 15:48
Paola Ferrari
Paola Ferrari
Paola Ferrari, stop a diffamazione su social network

“Sono felicissima della sentenza del tribunale di Livorno che stabilisce che insultare qualcuno sulla propria pagina Facebook può essere considerato un delitto di diffamazione aggravato equiparato, sotto il profilo sanzionatorio, alla diffamazione commessa a mezzo stampa. Una grandissima vittoria contro gli insulti e la maleducazione che stanno invadendo i social network e ledono la privacy”. Questo il commento della giornalista di Rai Sport Paola Ferrari all’indomani della sentenza del tribunale di Livorno, che ha condannato l’imputata Rossella Malanima, per diffamazione a mezzo stampa per aver scritto frasi offensive su Facebook. La donna, dopo essere stata licenziata, aveva pubblicato sulla sua bacheca Facebook affermazioni offensive, anche a sfondo razzista, contro l'azienda e l'ex datore di lavoro.

“Da tempo sto portando avanti la mia battaglia contro i social network ed in particolare Twitter, essendo stata lungamente bersagliata sul web da epiteti anonimi e offensivi nel corso di tutta la conduzione della trasmissione ‘Stadio Europa’. Il tribunale di Livorno conferma che il libero pensiero non deve essere diffamatorio nei confronti degli altri”, continua Paola Ferrari.“Spero che questo provvedimento possa dare l’esempio per fermare, in Italia, una deriva davvero pericolosa che può portare anche a gesti drammatici, come dimostra in modo eclatante il caso di Carolina Picchio la ragazza di 14 anni che si è recentemente suicidata a causa dei continui insulti ricevuti su Facebook. Non tutti hanno la forza psicologica di sopportare insulti continui e ripetuti. Sono dell’idea che, non solo chi li utilizza, ma anche i social network abbiano una responsabilità diretta e debbano darsi un’autoregolamentazione e prendersi le loro responsabilità, bisogna infatti condannare chi continua a permettere che questo accada in modo assolutamente impunito”.

La conduttrice della Domenica Sportiva conclude: “Ribadisco che è più che mai fondamentale una regolamentazione legislativa che disciplini la pubblicazione di contenuti diffamatori sul web e soprattutto punisca gli autori di insulti e offese tramite social network come Facebook e Twitter, che perdono così la loro valenza di mezzo di informazione e ambito di libero pensiero a 360°. Si può criticare con educazione e rispetto”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni