Percorso:ANSA.it > Speciali > News

Depp e Burton, insieme per amore dei vampiri

Venerdì esce 'Dark Shadows', 8/o film della coppia(SCHEDA)

13 maggio, 21:29
Una immagine di scena del film Dark Shadows di Tim Burton Una immagine di scena del film Dark Shadows di Tim Burton
Depp e Burton, insieme per amore dei vampiri

(SCHEDA)

di Francesca Scorcucchi

La storia della collaborazione fra Johnny Depp e Tim Burton non è stata sempre facile. Prima di Pirati dei Caraibi Tim Burton doveva lottare per avere Johnny Depp nei suoi film, dopo il successo del franchise della Disney le cose sono cambiate, i produttori hanno iniziato a suggerire loro, a Burton, il nome di Depp per i suoi film. La storia di Dark Shadows, ottavo film che il regista di Edward Mani di Forbice e l'attore che interpreta Jack Sparrow hanno girato insieme, è però ancora diversa. Nato da un'idea dello stesso Depp, è stato lui, in qualità di produttore a coinvolgere Burton nel progetto, e non viceversa. Dark Shadows, in uscita venerdì in tutto il mondo, è la storia di un vampiro, Barnaba Collins ed è tratto da una famosa soap opera della fine degli anni Sessanta, dallo stesso titolo, molto popolare negli Stati Uniti. "Sia io che Tim ne eravamo grandi fan - racconta Johnny Depp - e quando sul set di Sweepy Todd gli ho fatto presente che avremmo dovuto fare un film sui vampiri, il nostro pensiero è andato a quel ricordo d'infanzia, quando da scuola correvamo a casa per non perdere una puntata del nostro show preferito. Per la televisione di allora un soggetto così dark, parlare di vampiri e streghe, era qualcosa di mai visto. Credo sia stato questo il fascino di quella serie". L'autore della sceneggiatura, Seth Grahame-Smith , troppo giovane per aver visto la serie quando era uscita, dice di essersi affidato molto ai racconti di Depp e Burton.

Da quei racconti è nata la trama di Dark Shadows, che racconta di Barnaba Collins (Johnny Depp), che per un maleficio della strega Angelique (Eva Green), innamorata di lui, viene trasformato in un vampiro e sepolto "vivo" in un bosco dove dovrà aspettare 200 anni prima di essere accidentalmente liberato da una squadra di lavoratori edili. Barnaba dunque tornerà alla luce negli anni Settanta e si troverà ad avere a che fare con un mondo decisamente cambiato. Fanno parte del cast, oltre a Depp e a Eva Green, anche Helena Boham Carter e Michelle Pfeiffer, altra fan della serie tv. "Quando ho saputo che Tim Burton stava facendo un film su quella serie ho preso il coraggio a due mani e ho chiamato il regista - racconta l'attrice, che con Burton aveva già lavorato in Batman Returns - non sapevo nemmeno se c'era una parte per me, ma sapevo che avrei fatto qualsiasi cosa per farne parte. La Pfeiffer interpreta Elisabeth, una discendente della famiglia Collins, costretta ad avere a che fare con una figlia teenager, un fratello ozioso e avido e un problematico nipotino, tutti discendenti di quello strano antenato pallido, che li torna a trovare nel 1972. "Abbiamo scelto quell'anno perché è stato un anno di grandi cambiamenti - dice Depp - in tutti gli aspetti della vita, l'arte, la televisione, gli oggetti. I giovani erano strani, hippie, figli dei fiori, la musica era strana". Per cantare parte della colonna sonora, curata da Danny Elfman, altro fedele collaboratore dei film di Burton, è stato chiamato sul set Alice Cooper "E' davvero inquietante come sembra - scherza Depp - ma è così carismatico che quando suonava, tutti, dal regista all'ultimo degli elettricisti, lo ascoltavano in religioso silenzio". Rispetto all'originale televisivo, il film di Burton, di cui Johnny Depp è produttore, ha in più il particolare humor che contraddistingue le collaborazioni fra i due artisti: "E' vero. L'originale era solo dark - spiega il regista - ma comunque io ci coglievo, nei suoi eccessi, un marcato umorismo involontario". Ora quell'umorismo è voluto e si riflette nelle fascinazioni che un vampiro del 18mo secolo ha, nei confronti del mondo degli anni Settanta, dai colori psichedelici, dalle insegne luminose, dalle minigonne e dai macramé della cugina Elisabeth.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA