Percorso:ANSA.it > Spettacolo > News

Sanremo: Morandi, contestazioni a Celentano erano pilotate

E' record di spettatori: nella prima parte sono stati 14 milioni 456 mila pari al 50.93% share

20 febbraio, 13:47
Adriano Celentano duetta con Gianni Morandi
Adriano Celentano duetta con Gianni Morandi
Sanremo: Morandi, contestazioni a Celentano erano pilotate

Le contestazioni e i fischi rivolti ieri sera ad Adriano Celentano erano "assolutamente pilotate": parola di Gianni Morandi il giorno dopo la finale che ha visto il Molleggiato sul palco dell'Ariston. "Abbiamo mandato una persona in galleria e c'erano tre-quattro persone che sistematicamente fischiavano - ha raccontato Morandi -, con uno schema preciso. Era tutto organizzato, non so da chi, ma lo era. E' impossibile che all'Ariston succeda una cosa del genere, non l'ho mai visto in tanti anni di festival. Era un'operazione troppo mirata". Quelle di Morandi sono accuse generiche mentre ieri sera Claudia Mori ha accusato il consigliere di amministrazione Rai Antonio Verro di aver organizzato lui la contestazione in un festival in cui il rapporto tra il Molleggiato e il vertice di Viale Mazzini non è stato semplicissimo.

"L'accusa di Claudia Mori è talmente enorme che avrebbe bisogno di prove", dice il direttore di Rai1 Mauro Mazza. "Credo che Claudia si sia innervosita e se la sia presa con la prima persona presente della Rai", aggiunge Morandi. "Non penso proprio - ha detto ancora - che Verro abbia chiamato delle persone e che abbia chiesto loro di andare a contestare Celentano". Ma oggi è anche Verro a dire la sua.

"E' paradossale che da una parte si invochi la libertà di potersi esprimere e dall'altra si utilizzi il grande palcoscenico della tv per scopi personali. Credo sia normale che una parte del pubblico, me compreso, non apprezzi e voglia dissociarsi e protestare". "Anche i grandi predicatori televisivi devono comprendere, in questi casi, che la libertà è un qualcosa che prima di pretendere per se stessi è necessario garantire anche agli altri", conclude Verro. Predicatore? "Celentano non è Cacciari, non è Sgalambro, é un cantante che vuole esprimere le sue opinioni e subordina la sua presenza in tv alla possibilità di esprimerle. La Rai gli ha dato questa possibilità e Celentano si è preso la sua libertà, a tratti licenza": è la valutazione del direttore di Rai1 Mauro Mazza mentre il prossimo consiglio d'amministrazione tornerà probabilmente a parlare del tema. "Capisco la posizione del presidente Garimberti - dice ancora Mazza - perché con l'insistenza sulle testate cattoliche Celentano è stato antipatico, stridente con il livello artistico del personaggio. Garimberti dice che Celentano è stato fuori contesto, io dico che da 50 anni è fuori contesto e questo lo rende diverso e unico nel panorama artistico". Però il direttore di Rai1 dice di comprendere "anche le valutazioni a caldo, positive, arrivate da ambienti della Rai, immagino autorevoli, su questa esibizione. Sono convinto che Celentano abbia cercato di spiegarsi, lo ha fatto alla sua maniera, non ha inveito, ha provato a spiegarsi dopo le polemiche che aveva scatenato. Mi è sembrato un intervento di un parrocchiano a una riunione diocesana, un ragionamento elementare, basico, da credente e va valutato in questi termini". "Le parole di Celentano - ha assicurato il direttore di Rai1 - sono state frutto di un lavorio tra un'esibizione e l'altra, fatto vis-a-vis da chi era a Sanremo, ma anche da lontano da chi gli ha fatto arrivare l'invito al buon senso. Inviti che permetteranno all'artista di aiutare famiglie in difficoltà. Sarebbe stato un peccato intaccare il compenso per eventuali violazioni contrattuali". Mazza è convinto che "tra pochissime ore delle parole di Celentano, dei suoi sermoncini, delle sue prediche non resterà più traccia, se non nelle Teche. Resterà l'emozione che ha saputo suscitare quando esercita il suo mestiere, quando canta, resterà l'emozione grandissima del duetto con Gianni Morandi".

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni