Percorso:ANSA.it > Spettacolo > News

Muti su podio Nabucco: 'No a tagli cultura'

'Rischio patria bella e perduta'. All'Opera di Roma tutti in piedi al Va' pensiero

13 marzo, 19:48
Lancio di volantini prima dell'esecuzione del Nabucco all'Opera di Roma
Lancio di volantini prima dell'esecuzione del Nabucco all'Opera di Roma
Muti su podio Nabucco: 'No a tagli cultura'

 di Maurizio Giammusso

Un 'Nabucco' cosi' non s'era mai visto dai tempi di Giuseppe Verdi, quando lo spirito risorgimentale che pervade l'opera trasformo' una serata alla Scala in una manifestazione contro il dominio austriaco. Ieri sera all'Opera di Roma l'obiettivo contro cui manifestare duramente non era l'Austria imperiale, ma i tagli ai fondi per la cultura decisi dal governo. E contro questi tagli ha acquistato senso e attualita' tutto lo spettacolo diretto dal maestro Riccardo Muti, accolto con un fiume di applausi, i primi dopo gli incidenti di salute subiti a Chicago.

Tre i momenti salienti e inattesi della serata: prima del levarsi del sipario il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, salito in palcoscenico, ha lanciato un appello al Governo perche' i tagli ''drammatici e totalmente insostenibili vengano revocati''. Subito dopo Muti, gia' sul podio con la bacchetta in mano, si e' rivolto al pubblico ed ha svolto questo paragone: ''Il 9 marzo del 1842 - ha detto - Nabucco debuttava come opera patriottica tesa all'unita' ed all'identita' dell'Italia. Oggi, 12 marzo 2011 non vorrei che Nabucco fosse il canto funebre della cultura e della musica''. Parole accolte da applausi e da una pioggia di volantini dalla balconata, che dicevano ''Italia risorgi nella difesa del patrimonio della cultura'', e ancora, in una diversa versione: ''Lirica, identita' unitaria dell'Italia nel mondo''. Poi e' cominciato lo spettacolo.

Ma l'episodio piu' inedito doveva ancora svolgersi. Giunto al famoso coro del terzo atto, quel 'Va' pensiero' che ha fatto tremare il cuore dei patrioti di un secolo e mezzo fa, la domanda era nell'aria: fara' il bis? Oppure non lo fara'? Nel teatro lirico il bis non si usa mai. Ma proprio Muti cedette alle richieste del pubblico una sera alla Scala di tanti anni fa. Ieri sera ha fatto molto di piu'. Prima ha diretto da par suo il 'Va' Pensiero', poi ha fermato lo spettacolo; si e' voltato verso il pubblico, ed ha detto: ''Sono molto addolorato per cio' che sta avvenendo, non lo faccio solo per ragioni patriottiche ma noi rischiamo davvero che la nostra patria sara' 'bella e perduta', come dice Verdi. E se volete unirvi a noi, il bis lo facciamo insieme''. E come ad un comando tacito tutti gli spettatori si sono alzati in piedi e coloro che sapevano qualche rigo del testo hanno cantato insieme ai cento coristi rimasti sul palcoscenico. Un fatto assolutamente inedito, arricchito ulteriormente da un nuovo lancio di volantini pseudo risorgimentali, che dicevano: ''Viva Giuseppe Verdi'', oppure ''Viva il nostro presidente Giorgio Napolitano''; ma anche: ''Riccardo Muti senatore a vita''.

Da li' lo spettacolo ha imboccato la dirittura d'arrivo fino alle ultime note e ad una pioggia di oltre dieci minuti di applausi. Cosi' s'e' compiuta la trasformazione di un rito musical-patriottico in un atto di resistenza contro la politica culturale del paese. Su uno sfondo di tante emozioni e passioni politiche e' quasi rimasto un po' in sordina lo spettacolo, che pure ha avuto molti meriti. Il 'Nabucco' vive quasi tutto dalla forte presenza del coro in scena e movimentare queste masse e' sempre una sfida per la regia, in questo caso vinta da Jean Paul Scarpitta, che si e' ispirato alle illustrazioni della Bibbia di Gustave Dore', ed anche dal maestro del coro Roberto Gabbiani. Quanto ai cantanti, l'esperienza del baritono Leo Nucci ha sposato le giovani energie di un cast nel quale ha brillato soprattutto l'ungherese Csilla Boross nei panni della bella Abigaille, ancora pochissimo nota in Italia. Nel complesso una serata memorabile e uno spettacolo raffinato, nel quale si sono ritrovati i significati del 150/o anniversario dell'Unita' d'Italia e che per questo avra' giovedi' 17 fra i suoi spettatori il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni