Percorso:ANSA.it > Spettacolo > News

Addio a Nilla Pizzi, regina di Sanremo

La cantante avrebbe compiuto 92 anni il 16 aprile

13 marzo, 18:39
Nilla Pizzi
Nilla Pizzi
Addio a Nilla Pizzi, regina di Sanremo

ROMA  - E' morta stamattina a Milano Nilla Pizzi. La cantante, prima vincitrice del festival di Sanremo nel 1951 con Grazie dei fiori, avrebbe compiuto 92 anni il 16 aprile. Era ricoverata in una clinica dopo un intervento subito tre settimane fa. Lo annuncia il suo agente Lele Mora.

L'anno scorso Nilla Pizzi era stata sul palco dell'Ariston, accompagnata da cinque boys, ospite dell'edizione dei 60 anni del festival. "Mio Dio, che paura ritornare a Sanremo", aveva detto alla vigilia della performance con indosso un abito bianco concepito come un omaggio a due sue canzoni, Grazie dei fiori e Vola colomba. La Pizzi inizia la sua carriera a 18 anni, quando vince nel 1937 il concorso '5000 lire per un sorriso', una sorta di Miss Italia dell'epoca. Nel '42 vince un concorso indetto dall'Eiar (prima denominazione della Rai) ed inizia ad esibirsi con l'orchestra Zeme. Durante il fascismo viene allontanata dalla radio: la sua voce è considerata troppo sensuale. Torna nel 1946 con l'orchestra del maestro Angelini, cui è legata sentimentalmente. Nata a Sant'Agata Bolognese il 16 aprile 1919, nel 1951 vince il primo Festival di Sanremo con Grazie dei fior, piazzandosi anche seconda con La luna si veste d'argento, cantata con Achille Togliani. L'anno successivo trionfa nuovamente al Festival con Vola colomba, Papaveri e papere e Una donna prega. Film, trasmissioni radiofoniche, canzoni di successo e chiacchierate love-story (il cantante Gino Latilla tenterà anche il suicidio per lei), ne fanno la regina della canzone italiana. Nel 1959 vince Canzonissima (con L'edera), il Festival di Barcellona (in coppia con Claudio Villa con Binario) e si piazza terza al Festival di Napoli con Vieneme 'nzuonno assieme a Sergio Bruni. Nel 2003 le e' stato assegnato il Premio alla Carriera.

REGINA DI SANREMO  - ''Sanremo e' passato e futuro, Nilla Pizzi e' nel Dna di tutti'', scrisse Maurizio Costanzo alla vigilia del festival '97. Pura verita', e la conferma e' arrivata nell'edizione dello scorso anno, quando la regina della canzone italiana poco prima del 91esimo compleanno e' tornata sul palco dell'Ariston, visibilmente emozionata, ma intonando alla perfezione 'Vola colomba', tra l'ovazione del pubblico. Quella di Nilla (all'anagrafe Adionilla) Pizzi, nata il 16 aprile 1919 a Sant'Agata Bolognese, e' una carriera iniziata tra spettacoli per militari e la vittoria al concorso Eiar del '42 a Montecatini (ma in un primo momento la sua voce venne osteggiata dalla radio perche' giudicata ''moderna, esotica e sensuale''), tra l'orchestra Zeme e il grande Angelini. E' l'epoca del 78 giri quando vince, a 18 anni, le 'Cinquemila lire per un sorriso', progenitrice di Miss Italia e dei concorsi di bellezza. Poi, nel '51, arriva Sanremo, in edizione radio. A cantare i venti brani selezionati sono solo in tre: Nilla Pizzi, Achille Togliani e il Duo Fasano. L'artista bolognese vince tutto il possibile: prima, seconda e terza, con 'Grazie dei fior' (che vendette 36.000 dischi, un record per l'epoca), 'La luna si veste d'argento' e 'Serenata a nessuno'. En plein pure nel '52, con 'Vola colomba', 'Papaveri e papere', 'Una donna prega'. Proprio sulla scia di 'Vola colomba', ricordano i giornali di allora, le diecimila lire di compenso per una sua serata salgono a 18.000 (piu' le spese).

Nel '58, quando Domenico Modugno vince con 'Nel blu dipinto di blu', Nilla e' seconda con 'L'edera'. La 'regina' torna sul palco sanremese nell'edizione del 1981, vinta da Alice ('Per Elisa'), come co-presentatrice con Claudio Cecchetto ed Eleonora Vallone ed ottiene nuovamente le copertine dei rotocalchi. Ma anche negli anni, soprattutto i Settanta, in cui il suo genere melodico sembra uno struggente ricordo per nostalgici, Nilla Pizzi non si concede soste: nelle comunita' italiane all'estero, dagli Usa al Sudamerica, all'Australia, e' sempre acclamata e accolta con grande calore. Spesso e' con lei Giorgio Consolini, pressoche' coetaneo, conterraneo ed altro prezioso esempio di longevita' artistica, per un sodalizio canoro inossidabile. Poi, nel '94, e' nuovamente a Sanremo, il 'fil rouge' che accompagna la sua vita artistica, ma questa volta ancora come cantante nella 'Squadra Italia' che vede riuniti Wess e Gianni Nazzaro, Jimmy Fontana e Rosanna Fratello, Tony Santagata e Lando Fiorini, Wilma Goich e l'ex fra' Cionfoli.

Ovvero, revival con un po' di nostalgia. Ma non solo nostalgia, tanto che nell'estate 2001 'Grazie dei fior' si modernizza e diventa addirittura 'rap' in un'originale versione che vede protagonista la Pizzi con il Gruppo 2080, tre ragazzi di Salerno conosciuti in tv da Paolo Limiti. In quello stesso periodo, la sera di Ferragosto di 10 anni fa, l'artista e' la star del Gay Pride organizzato a Torre del Lago (Lucca). La ricetta d'autore per il successo? ''La bella canzone popolare italiana - spiegava ancora recentemente l'artista - quella che ti fa cantare alle feste, ai matrimoni, alle scampagnate, in corriera. Cose che portano il buonumore, l'allegria e magari qualche bel ricordo. Funziona ancora oggi''. Per Gianni Borgna, musicologo, saggista e gia' assessore alla cultura di Roma, 'Vola colomba' in particolare propone l''ideologia' di un'Italia ancora in prevalenza arcaica e rurale, i cui simboli sono la campana, il vespro, la collina. Il tema dell'amore contrastato la fa ancora da padrone, ma con una variante di non poco conto: ''Il contrasto ha ragioni politiche e il richiamo a San Giusto introduce il tema di Trieste italiana. Con questo richiamo patriottico la triade Dio-Patria- Famiglia e' perfetta''.

Nilla Pizzi, con il suo solito realismo e la sua familiare semplicita', ha sempre detto di aver pensato alla carriera artistica ''come ad una scala. Ad un certo punto, se sei fortunato, tocchi la cima, come ho fatto io nei primi anni '50. E allora l'importante e' trovare il modo giusto di scendere. Io ho cercato di scendere senza scivolare e senza rompermi il collo. Cosi' mi sono sistemata sul mio gradino, da dove ho continuato a cantare, a far serate, a divertirmi''. Rimanendo senza eta' nella storia della canzone italiana.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni