Percorso:ANSA.it > Spettacolo > News

INTERVISTA/Rossellini: che bello Wenders

16 febbraio, 18:53

dell'inviato Francesco Gallo

BERLINO - Isabella Rossellini, alla 61/a edizione del Festival di Berlino in qualita' di presidente di giuria, in un incontro ristretto con la stampa italiana non si sbilancia piu' di tanto. Forse troppo presa dal suo ruolo istituzionale. Ma alla fine da un giudizio positivo sul film fuori concorso di Wenders, 'Pina' e parla con una certa passione di Jafar Panahi, il regista iraniano solo virtualmente in giuria quest'anno alla Berlinale, perche' agli arresti domiciliari a Teheran: ''non abbiamo avuto Jafar - dice la Rossellini - ed e' stato terribile.

Lo ammiro tantissimo e trovo assurda la sua condanna. Io - aggiunge la figlia d'arte nata dal matrimonio di Ingrid Bergman con il regista Roberto Rossellini - ho letto una lettera di Panahi durante l'inaugurazione del Festival, ma quando ho chiesto a un giovane iraniano cosa ne pensasse, non ha replicato. Hanno davvero paura''. Per il resto nessuna possibilita' di consultare Panahi e stabilire quello che sara' il Palmares di Berlino sabato sera: ''non possiamo contattarlo neppure telefonicamente, ne' lui puo' vedere i film in gara per l'Orso d'Oro'', ha spiegato. Per l'attrice ed ex modella c'e' un buon rapporto con l'eta' che avanza: ''sono qui a Berlino anche con un film 'Late Bluumers' (Berlinale Special), una commedia romantica diretta da Julie Gavras in cui appunto, interpreto una signora di sessant'anni che vive la sua vita insieme al marito (William Hart). Insomma siamo diventati vecchi ma a me non importa piu' di tanto. Certo c'e' dispiacere nel perdere la bellezza, ma da adulti si fanno cose che da giovane non ti potevi permettere.

Quando si e' giovani devi sempre dimostrare di saper fare le cose, ora si e' piu' rilassati''. Cosa significa essere figlia d'arte? ''Per certi versi ti da' molti vantaggi perche' nasci sul set, ma per il resto devi sempre dimostrare qualcosa e, soprattutto, hai paura del giudizio dei tuoi genitori''. Sui film in concorso a Berlino, come da copione, non parla. Esprime un giudizio davvero positivo solo per il film fuori concorso di Wim Wenders, 'Pina', dedicato alla coreografa Pina Bausch: ''davvero meraviglioso - dice - e' difficile girare cosi' bene la danza. E poi Wenders ha fatto un vero capolavoro con il 3D, separando il mondo dei morti (le scene di repertorio con Pina Bausch) con quello dei vivi, ovvero con i molti balletti proposti nel documentario''. Tra gli ultimi lavori fatti dalla Rossellini regista 'Gli animali mi distraggono', un documentario gia' passato al Sundance: ''un viaggio nella citta' alla scoperta dei molti animali che ci vivono''.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni