Percorso:ANSA.it > Speciali > News
Calcioscommesse Tutti i titoli

Concessi i domiciliari ai Masiello boy's

Avrebbero confermato l'identità di Mister X e avrebbero risposto alle domande su società giallorossa

07 aprile, 18:18
Giovanni Carella, uno dei Masiello Boy's Giovanni Carella, uno dei Masiello Boy's
Concessi i domiciliari ai Masiello boy's

Il gip del Tribunale di Bari Giulia Romanazzi ha concesso gli arresti domiciliari a Gianni Carella e Fabio Giacobbe, gli amici baresi dell'ex difensore del Bari, Andrea Masiello, in carcere da lunedì scorso con le accuse di associazione per delinquere finalizzata alla frode sportiva. Masiello è stato scarcerato giovedì dopo tre interrogatori. La scarcerazione è stata concessa con parere favorevole della procura.

A meno di 48 ore dal rigetto dell'istanza di revoca della misura cautelare da parte del gip Giovanni Abbattista, a cambiare il quadro sarebbero state le nuove ammissioni fatte dagli indagati durante il secondo interrogatorio nel carcere di Bari davanti al pm Ciro Angelillis e ai Carabinieri del Nucleo investigativo, Francesco Rizzo e Riccardo Barbera. Disposta quindi, per i due, l'immediata scarcerazione, con parere favorevole della Procura a firma dell'aggiunto Pasquale Drago.

Nel provvedimento il giudice sottolinea l'atteggiamento leale e collaborativo di Carella e Giacobbe, avendo i due rivelato l'identità delle persone coinvolte nella presunta trattativa per truccare il derby Bari-Lecce e chiarito le circostanze relative alla partita Bologna-Bari successiva al derby e Udinese-Bari del campionato precedente. Su ogni punto, rileva il giudice, i due avrebbero fornito dichiarazioni in linea con quelle del coindagato Masiello, anche lui scarcerato in virtù delle confessioni rese. A margine dell'istanza di revoca, i difensori degli indagati, gli avvocati Mario e Carlo Russo Frattasi, hanno anticipato inoltre, di voler rinunciare ai mandati difensivi "per questioni di opportunità". Decisione che sarà formalizzata la prossima settimana.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati