Percorso:ANSA.it > Speciali > News

La nuova squadra di governo

Monti: affidati a donne ministeri grande rilievo

29 novembre, 11:46
La squadra di Monti La squadra di Monti
La nuova squadra di governo

Sono diciassette i ministeri del governo Monti: dodici con portafoglio (tra questi l'Economia, del quale Monti ha l'interim), cinque senza portafoglio. Tre le donne nella squadra di governo.

I 12 ministeri con portafoglio sono:
Economia, Mario Monti (interim)
Esteri, Giulio Terzi di Sant'Agata
Interno, Anna Maria Cancellieri
Giustizia, Paola Severino
Difesa, Giampaolo Di Paola
Sviluppo-Infrastrutture, Corrado Passera
Agricoltura, Mario Catania
Ambiente, Corrado Clini
Lavoro-Pari Opportunita', Elsa Fornero
Salute, Renato Balduzzi
Istruzione, Francesco Profumo
Beni Culturali, Lorenzo Ornaghi

I cinque ministeri senza portafoglio sono invece:
Affari Europei, Enzo Moavero Milanesi
Turismo-Sport, Piero Gnudi
Coesione Territoriale, Fabrizio Barca
Rapporti con il Parlamento, Piero Giarda
Cooperazione Interna e Internazionale, Andrea Riccardi

Sottosegretario alla presidenza del consiglio Antonio Catricala'.

ARRIVANO I PROFESSORI, NESSUN POLITICO NEL GOVERNO

(di Marco Dell'Omo)

Un governo di professori, di rettori, di funzionari, di banchieri. Di poche donne (solo tre, anche se in ruoli di primo piano), di capelli grigi (63 anni l'età media). E con nessun politico al suo interno. Il governo Monti, oltre ad aver tagliato il numero dei ministri (ora sono 16, Berlusconi ne aveva 23) e a essere nato a tempo di record (67 ore dal conferimento del'incarico), si distingue dai precedenti per avere un profilo al cento per cento tecnico.

A palazzo Chigi arrivano gli specialisti, reclutati nelle aule universitarie e negli uffici dei ministeri, non in ragione della loro casacca politica ma unicamente per la loro competenza. Un militare va alla Difesa, un ex prefetto all'Interno, un ambasciatore agli Esteri, senza parlare dell'economista Monti che prende l'interim dell'Economia: è questa l'impronta che il nuovo presidente del consiglio ha voluto dare alla sua squadra, nella quale, dopo il tira e molla su Letta e Amato, alla fine non è entrato nemmeno un rappresentante dei partiti.

Dei sedici ministri che il premier porta con sé a Roma, soltanto uno, Piero Giarda, ha avuto in passato un'esperienza governativa (negli anni '90 e' stato sottosegretario dei governi di centrosinistra); gli altri sono tutti debuttanti. L'unico parlamentare è proprio Monti, senatore a vita da appena una settimana. Nel nuovo governo, la categoria più rappresentata è quella dei professori: sono ben otto, quasi la metà del totale, gli esponenti dell'esecutivo pescati nelle aule universitarie degli atenei più prestigiosi.

La Bocconi ha "prestato" il suo presidente Monti, la Cattolica di Milano il rettore Ornaghi, ora ministro dei Beni Culturali la Luiss il vicerettore Paola Severino (Giustizia), il Politecnico di Torino l'ex rettore Profumo (Istruzione). Ma dall'università vengono anche il ministro della Salute Renato Balduzzi, il responsabile dei Rapporti con il Parlamento Piero Giarda, il ministro della Cooperazione Andrea Riccardi , il ministro del Lavoro Elsa Fornero. Con tutta evidenza Monti ha scelto ministri che non avessero bisogno di familiarizzarsi con la materia.

E così sono arrivati i superesperti: l'ammiraglio Giampaolo Di Paola alla Difesa , l'ambasciatore Giulio Terzi agli Esteri , l'ex prefetto Anna Maria Cancellieri all'Interno, il giudice della corte di giustizia Ue (e braccio destro di Monti a Bruxelles) Enzo Moavero agli Affari Europei. Stessa logica dietro la nomina dei funzionari ministeriali che si ritroveranno a guidare i dicasteri dove fino a ieri hanno lavorato come dirigenti: Mario Catania all'Agricoltura, Corrado Clini all' Ambiente; mentre Fabrizio Barca, dirigente del ministero dell'Economia, dovrà traslocare da via Venti Settembre alla sede del ministero della Coesione Territoriale.

Altri due ministri sono manager bancari: Corrado Passera (che va allo Sviluppo e alle Infrastrutture e che si candida al ruolo di superministro del nuovo governo) è presidente di Intesa San Paolo, Piero Gnudi (Turismo e Sport), ex presidente dell'Iri e dell'Enel, è nel consiglio di amministrazione di Unicredit; vicina al mondo del credito anche Elsa Fornero, vicepresidente della compagnia San Paolo. Insomma, tutti esperti e tecnici di primissimo piano. Il nuovo premier ha invece deluso le aspettative di chi si aspettava un governo dove donne e giovani fosse maggiormente rappresentati.

Le donne entrate in squadra sono solo tre (con Berlusconi erano sei), ma le posizioni occupate sono di primissimo piano: Anna Maria Cancellieri all'Interno, Elsa Fornero al Lavoro (sarà lei ad occuparsi del delicato dossier della riforma delle pensioni) e Paola Severino, alla Giustizia, prima donna guardasigilli nella storia dell'Italia repubblicana. Per privilegiare il requisito dell'esperienza, Monti si è però ritrovato con un governo nettamente più "vecchio" del precedente.

L'età media dei ministri è passata dai 52 del governo Berlusconi ai 63 di oggi; e ora la "mascotté del gruppo è il cinquantaseienne Balduzzi, un compassato professore universitario di Voghera. Se si guarda invece alla 'geografia'' del nuovo governo, si scopre che sono di più i ministri settentrionali: nove vengono dal nord (tra questi, naturalmente, il varesino Monti), otto da Roma in giù. Ma più a Sud di Napoli (che ha due ministri) non si va.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati