Percorso:ANSA.it > Speciali > News

NY, Occupy accerchia Wall Street. arrestati

Indignati vogliono bloccare il New York Stock Exchange. Caos e tafferrugli per forzare cordone polizia

25 settembre, 21:13
Occupy Wall Street Occupy Wall Street
NY, Occupy accerchia Wall Street. arrestati

NEW YORK -  Momenti di caos a Wall Street, dove centinaia di manifestanti stanno tentando di impedire l'accesso alla sede del New York Stock Exchange (Nyse). Alcuni tafferugli sono avvenuti a due passi dalla Borsa, con i manifestanti che sono venuti a contatto con gli agenti di polizia mentre tentavano di forzare il cordone che impedisce di avvicinarsi troppo al Nyse. Almeno una decina al momento gli arresti.  Il gruppo, partito da Liberty Plaza, si sta dirigendo verso la sede della Borsa di Manhattan per tentare di rallentare l'accesso. Per rendere più difficile il lavoro della polizia,i manifestanti si sono divisi in quattro gruppi per poi convergere insieme davanti al New York Stock Exchange. Gli indignati di Occupy Wall Street (Ows) festeggiano il primo compleanno: sono circa 300 le persone radunatesi dalle 7 di mattina (ora di New York) di fronte a Zuccotti Park, uno dei quattro punti di incontro per la marcia di protesta organizzata per oggi. Obiettivo: raggiungere la sede del New York Stock Exchange, già blindatissima da parte della polizia. I manifestanti gridano "Buon compleanno Ows!", oltre al loro storico slogan "Siamo il 99%". Il corteo si è già messo in marcia e si dirige verso la sede della Borsa, dove convergeranno i quattro gruppi per cercare di bloccare o almeno rallentare il lavoro nel cuore finanziario della City. Tutti sono d'accordo, la protesta sarà pacifica. Ma si temono comunque scontri, mentre i manifestanti sono pronti ad un'ondata di arresti da parte della polizia.

Occupy Wall Street compie un anno. E i primi festeggiamenti, in vista dell'annunciato grande appuntamento di lunedi' per bloccare il New York Stock Exchange, si traducono nei primi arresti: almeno 25 persone sono state fermate dalla polizia durante la manifestazione di ieri a New York, partita da Washington Square in direzione Zuccotti Park, che è stato per mesi il quartier generale del movimento. La protesta pacifica del gruppo famoso per lo slogan "siamo il 99%" è stata accompagnata da striscioni anti-capitalismo, fra i quali "se vedete che il capitalismo uccide, ditelo", e da cori come "le banche sono state salvate, noi siamo stati venduti". Manifestazioni sono previste domani, giorno del compleanno, in una trentina di città, anche se la maggiore è attesa a New York, dove Occupy Wall Street cercherà di circondare e assediare il New York Stock Exchange per bloccarne o almeno rallentarne l'accesso.

Gli organizzatori prevedono anche 'arresti' pacifici di banchieri che verranno circondati da un cordone umano fino all'arrivo della polizia. Decine di persone stanno raggiungendo New York per partecipare all'evento ma il movimento sembra aver perso lo slancio iniziale, soprattutto nella Grande Mela da quando il sindaco Michael Bloomberg ha vietato l'accesso e il pernottamento nel vicino Zuccotti Park. Un'imposizione che ha reso difficile l'organizzazione di Occupy Wall Street, facilitandone la dispersione. Agli ostacoli materiali, come la mancanza di un luogo di riunione, si sono poi aggiunti altri problemi. Fra tutti, secondo gli osservatori, il fatto che il movimento è cresciuto troppo e troppo in fretta, senza un leader e senza richieste specifiche.

Da protesta contro l'ineguaglianza sociale è diventata la voce contro tutto quello che va male nel mondo. Occupy Wall Street respinge però le critiche. "Abbiamo trascorso lo scorso anno a pensare ai problemi, ora ne parliamo e iniziamo anche a realizzare delle soluzioni" affermano alcuni organizzatori del movimento, sottolineando che Occupy Wall Street ha imparato dagli errori del passato, anche per quanto riguarda la gestione delle proteste. Per distrarre e rendere più difficile il lavoro della polizia, domani piccoli gruppi di manifestanti saranno sparsi nel cuore finanziario di New York per cercare di creare problemi al traffico e distrarre gli agenti dall'azione più decisa che si terrà al Nyse.

LE RISPOSTE DI OBAMA AL POPOLO DEGLI INDIGNATI - Una campagna elettorale centrata sul miglioramento della condizione della middle class e la riforma di Wall Street e delle regole della finanza. Queste - afferma uno dei portavoce della Casa Bianca, Josh Earnst - le risposte del presidente americano, Barack Obama, alle richieste del popolo degli indignati che oggi a New York è tornato in piazza per celebrare un anno dalla nascita del movimento di Occupy Wall Street.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA