Percorso:ANSA.it > Scienza e medicina > News

L'amniocentesi? Solo per chi rischia

Nuove linee guida: troppi pericoli, all'inizio meglio il test combinato

18 dicembre, 21:51
Gravidanze over 40: Monica Bellucci
Gravidanze over 40: Monica Bellucci
L'amniocentesi? Solo per chi rischia

ROMA - Cambiano i criteri per l'esecuzione dell'amniocentesi e villocentesi come esami di screening per la sindrome di Down, che e' il rischio piu' frequente in una gravidanza fisiologica o normale, in donne in salute. Questi esami non devono essere offerti a tutte le gestanti con piu' di 35 anni, ma solo a quelle che siano risultate positive, e dunque a rischio, a un test combinato che valuta eta' materna, translucenza nucale e alcuni valori nel sangue.

E' questo il nuovo indirizzo stabilito nelle linee guida sulla gravidanza fisiologica, redatte da un gruppo multidisciplinare di professionisti coordinati dall'Istituto superiore di sanita' (Iss) e dal Centro per la valutazione dell'efficacia dell'assistenza sanitaria (Ceveas) su mandato del ministero della Salute. Nel nostro Paese la gravidanza, lamentano molti esperti, e' eccessivamente medicalizzata.

Lo dimostrano i dati dell'ultimo rapporto del Cedap (Certificato di assistenza al parto), riferiti al 2007: in oltre l'84% delle gravidanze il numero di visite ostetriche effettuate e' superiore a 4 mentre per ogni parto si fa una media di 5,1 ecografie. Le amniocentesi effettuate sono state il 15,4%, e diventano il 43% nelle madri con piu' di 40 anni. Il nuovo orientamento delle linee guida e' quindi quello di fissare dei paletti e criteri precisi, offrendo l'amniocentesi e la villocentesi alle donne di tutte le eta' (e non piu' dai 35 anni in su) che pero' siano risultate positive al test combinato eseguito tra la 11/a e 13/a settimana. ''Si tratta di introdurre una diversa pratica clinica per individuare le donne a rischio - spiega Vittorio Basevi del Ceveas, coordinatore del progetto delle linee guida - facendo dell'amniocentesi e villocentesi delle indagini di secondo livello''. Il test combinato si basa sull'eta' materna, la ricerca della translucenza nucale e la determinazione di alcuni valori nel sangue come la frazione beta libera di hCg e della proteina plasmatica A associata alla gravidanza.

Attualmente l'amniocentesi e la villocentesi sono a carico del Ssn per le donne dai 35 anni in su e sono gli esami che consentono con certezza di diagnosticare un feto affetto da sindrome di Down. ''Ma con questi esami c'e' un rischio di perdite fetali di circa il 2% - continua Basevi -. Stabilire invece prima, con il test combinato, chi e' a rischio riduce il numero di interventi diagnostici invasivi, dei nati con sindrome di Down e ha la stessa quantita' di falsi positivi e negativi dell'amniocentesi e villocentesi. E' lo stesso approccio sperimentato in altri Paesi, come la Danimarca, dove la valutazione del rischio fatta con test combinato ha dimezzato il numero di nati con sindrome di Down''.

Questo tipo di prestazione ''e' previsto che venga offerta a tutte le donne e sia inserita nei nuovi lea - conclude Basevi - Nel caso vi siano altre anomalie nel feto, si esce dalla gravidanza fisiologica, e quindi le raccomandazioni sono diverse. Quello stabilito in queste linee guida riguarda la gravidanza non a rischio''.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni