Percorso:ANSA.it > Scienza e medicina > News

Svelata la natura della 'Malattia reale'

Era l'emofilia il male che afflisse i discendenti della Regina Vittoria

09 ottobre, 16:38

Nicola II Romanoff

Nicola II Romanoff

LONDRA - Il caso è finalmente chiuso: il male che afflisse i discendenti della regina Vittoria era davvero una grave forma di emofilia, originata da una mutazione genetica spontanea che dalla sovrana fu trasmessa ai suoi figli e nipoti delle case reali di mezzo continente. A confermare quanto finora si ricavava soltanto dall'esame dei documenti storici, è stata un'analisi dei geni della moglie e dei figli dell'ultimo zar, Nicola II, che avevano ereditato dalla nonna inglese il "sangue maledetto".

I resti del principe Alessio della duchessa Maria - due dei cinque figli dello zar e della zarina Alexandra, nipote di Vittoria - erano stati rinvenuti nel 2007 nei pressi di Ekaterinburg, la città degli Urali dove i Romanov furono messi a morte nel 1918. Evgeny Rogaev, della University of Massachusetts Medical School, era stato incaricato di analizzare il Dna delle ossa per identificarli. Dopo aver stabilito che si trattava davvero dei resti dei due figli dello zar i cui corpi non erano stati fino ad allora ritrovati, Rogaev e la sua equipe hanno deciso di utilizzare i dati raccolti per scoprire qualcosa di più sulla terribile forma di emofilia che a partire dal figlio della regina Vittoria, Leopoldo, morto di emorragia a 30 anni dopo una caduta, contagiò le famiglie reali russe, spagnole e tedesche. Anche il principe Alessio ne era affetto, e la zarina Alexandra per la disperazione nel 1905 si era rivolta a Rasputin, il celebre sensitivo che grazie ai suoi poteri persuasivi riuscì ad esercitare un potere sempre più forte sulla corte russa. Senza "sangue maledetto", la storia dei Romanov sarebbe andata quindi molto diversamente.

L'analisi di Rogaev, pubblicata dalla rivista scientifica Science, conclude così che Alexandra era portatrice di un gene difettoso, quello dell'emofilia, che impedisce la coagulazione del sangue. Essendo il gene localizzato sul cromosoma X, le donne, che di cromosomi X ne hanno due, sono raramente affette da emofilia, ma sono comunque portatrici del gene. Alessio quindi, avendo ereditato il gene dalla madre portatrice sana, come Leopoldo soffriva anche lui di emofilia. Secondo gli studiosi inoltre, "il male reale" era la forma più grave della malattia, l'emofilia B, in cui l'incapacità del sangue di coagularsi è molto più marcata. Gli studiosi ritengono che la prima portatrice della mutazione genetica fosse stata proprio la regina Vittoria. L'ultimo reale affetto da emofilia è stato invece il principe Waldemar di Prussia, morto nel 1945.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni