Percorso:ANSA.it > Politica > News

Scintille tra M5S e Pd su norma salva-Previti

Dalla Camera ok a dl 'svuota carceri', torna al Senato

06 agosto, 15:21
Una panoramica dell'Aula della Camera
Una panoramica dell'Aula della Camera
Scintille tra M5S e Pd su norma salva-Previti

Bocciato emendamento M5S contro Salva-previti - Respinto dall'Aula della Camera l'emendamento del M5S che sopprimeva la possibilità per ultrasettantenni di scontare la pena ai domiciliari e non in carcere. L'emendamento, su cui la prima forma era di Andrea Colletti, è stato bocciato dall'Assemblea di Montecitorio con 321 no e 94 sì. Dopo la votazione i grillini hanno polemicamente applaudito verso i banchi del Pd.

Prima del voto, Colletti aveva detto che "questo emendamento, oltre a togliere una norma della salva Previti, toglie ovviamente anche una norma del salva Berlusconi, perché lo è diventata in automatico. Ora ci domandiamo: ma come voteranno il Pd e Sel su questa norma che abroga un pezzo della salva Previti?". Parole che avevano fatto scoppiare un momento di tensione con Maurizio Bianconi del Pdl, ma avevano anche destato la reazione di Donatella Ferranti del Pd. "In realtà, qui si vuole eliminare qualcosa che non c'è nel decreto-legge e che sta nella legge dell'ordinamento penitenziario, all'articolo 47-ter, comma 01, che però in realtà prevede che possano scontare la pena esecutiva alla detenzione domiciliare gli ultra settantenni, escludendo peraltro una serie di reati, che sono quelli dell'articolo 4-bis e altri reati molto gravi ed escludendo questa possibilità laddove si tratti di un recidivo. Ecco, questo comma dell'articolo 47-ter è fuori da qualsiasi modifica del decreto-legge e non è stato preso in considerazione dalla Commissione perché è fuori anche del tema specifico".

Sì dell'Aula della Camera al decreto legge svuotacarceri. Il testo, approvato a Montecitorio con 317 sì, 106 no e un astenuto, torna al Senato.
Contro il testo si sono espressi la Lega, Fratelli d'Italia ed il M5S.

Le aziende che assumono per almeno un mese detenuti e internati ammessi al lavoro all'esterno avranno diritto ad un credito d'imposta mensile di massimo 700 euro per ogni lavoratore assunto. Le imprese che assumono detenuti semiliberi provenienti dalla detenzione avranno un credito mensile di 350 euro per ogni lavoratore. E' quanto prevede un emendamento della commissione al dl svuotacarceri il cui esame è in corso nell'Aula della Camera.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni