Percorso:ANSA.it > Politica > News

Ingroia presenta nuova formazione, Azione Civile

Sciolta Rivoluzione civile, fine dell'esperienza dopo risultato elettorale deludente

02 maggio, 18:52
Ingroia presenta la nuova formazione politica, Azione civile
Ingroia presenta la nuova formazione politica, Azione civile
 Ingroia presenta nuova formazione, Azione Civile

ROMA - Antonio Ingroia ha presentato a Roma la sua nuova formazione politica, Azione civile, dopo l'annuncio dello scioglimento di Rivoluzione civile. Azione civile è definito 'movimento civico puro', con una struttura leggera di gruppi territoriali su singoli temi (ambiente, legalità). Sulla scelta fra politica e magistratura, Ingroia attende le decisioni di Tar e Csm, ma non vede un suo ruolo in magistratura fuori dalla lotta alla mafia e quindi non accetta il trasferimento ad Aosta. Ingroia ha ammesso che il risultato di Rivoluzione civile alle elezioni di febbraio è stato "deludente e inadeguato" perché l'elettorato ha percepito la lista come un "cartello elettorale di partiti" e non come un soggetto nuovo. Di qui la decisione di ripartire con un "movimento civico puro, senza partiti". Il programma di Rivoluzione civile secondo Ingroia "diventa il programma di Azione civile", e i suoi esponenti "sono quelli che mi hanno accompagnato nell'avventura elettorale". Il magistrato-politico ritiene però che la forma partito tradizionale "é consegnata alla storia". Azione civile avrà una struttura leggera, "orizzontale e mista": non avrà sezioni e tesserati, avrà solo un coordinamento nazionale e poi "gruppi territoriali trasversali tematici" su singole questioni, dall'ambiente alla legalità. "Fondi non ne abbiamo - ha spiegato Ingroia -. Ci modelleremo sui movimenti civici, che raccolgono i fondi per singole iniziative". A breve verrà diffuso un manifesto programmatico e il 22 giugno si terrà la prima assemblea nazionale. "Azione civile non vuol essere l'ennesimo movimento politico dell'area della sinistra - ha detto il magistrato-politico -. Azione civile vuole creare le condizioni per un soggetto politico più ampio dei partiti che affollano la politica attuale". Ingroia ha criticato il Pd che col governo Letta ha scelto l'intesa col Pdl e il Movimento 5 Stelle "che si è chiuso, rifiutando ogni forma di confronto". Sulla scelta fra magistratura e politica, Ingroia ha detto di attendere le decisioni del Tar sul suo ricorso contro il Csm e del Csm sull'offerta ricevuta dalla giunta Crocetta di guidare l'agenzia siciliana di riscossione. "Un paio di settimane e sapremo", ha detto, aggiungendo che "la richiesta venuta dalla gente di impegno politico era così pressante che non si poteva aspettare". "Se tornerò in magistratura, dovrò fare un passo indietro rispetto alla politica - ha concluso -. Ma se il CSM continuerà a pensare ad Aosta, allora dovrò trarne le conseguenze. La mia storia di magistrato può avere senso solo in situazioni in linea con la mia esperienza. E ad Aosta non c'é una procura antimafia".

"I soggetti che hanno dato vita a Rivoluzione Civile hanno deciso all'unanimità di considerare conclusa questa esperienza. Il risultato insoddisfacente delle elezioni politiche del febbraio scorso ha indotto ognuna delle componenti a una riflessione profonda della nuova fase politica al proprio interno". Così una nota congiunta.

La nota, firmata da Antonio Ingroia (Azione Civile), Angelo Bonelli (Verdi), Luigi De Magistris (Movimento Arancione), Oliviero Diliberto (Pdci), Antonio Di Pietro (Idv), Paolo Ferrero (Prc) e Leoluca Orlando (Rete2018), prosegue: "Si è preso atto che le scelte strategiche future dei singoli soggetti sono incompatibili con la prosecuzione di un progetto politico comune, quanto meno nell'immediato. Resta intatta la stima reciproca tra tutte le forze che hanno dato vita a RC e la volontà di mantenere comunque interlocuzioni finalizzate al profondo cambiamento politico, culturale e sociale dell'Italia. Resta inoltre forte il convincimento che nel nostro Paese la presenza in Parlamento di rappresentanti delle forze unite attorno a Rivoluzione Civile avrebbe portato un arricchimento importante al dibattito per la realizzazione di una legislazione avanzata sul terreno dei diritti sociali e civili, della legalità, dell'etica nella politica e di un nuovo impianto istituzionale. Il contrario - conclude la nota - di quanto purtroppo è avvenuto".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni