Percorso:ANSA.it > Politica > News

Primarie Pd: ok Idem. Fassina top a Roma

Piccolo giallo su ultimo posto a Bologna. Flop di Gori, passa invece la Bindi

02 gennaio, 16:38
Stefano Fassina
Stefano Fassina
Primarie Pd: ok Idem. Fassina top a Roma

Oltre un milione di votanti alle primarie del Pd: i giovani in testa alle liste. Flop di Gori, passa invece la Bindi. La Finocchiaro in testa a Taranto. 

STIME, FASSINA IL PIU' VOTATO A ROMA  - E' Stefano Fassina il più votato a Roma nelle primarie del Partito Democratico per la scelta dei candidati al Parlamento, che si sono chiuse ieri alle 21. Secondo una stima fornita da fonti vicine al partito, il responsabile economia avrebbe ottenuto 11.770 preferenze, quasi il doppio di Ileana Argentin, che segue in seconda posizione con 6.898 voti. Terza piazza per un'altra donna, Micaela Campana, con 6.803 preferenze. Questi i risultati degli altri candidati a Roma: Umberto Marroni 5.476, Matteo Orfini 4.993, Marianna Madia 4.967, Roberto Morassut 4.537, Monica Cirinnà 4.464, Roberto Giachetti 4.243, Marco Miccoli 4.019, Maria Coscia 3.987, Lorenza Bonaccorsi 3.711, Walter Tocci 3.586, Pina Maturani 3.518, Daniela Valentini 2.655, Marco Di Stefano 2.573, Ivana Della Portella 2.524, Luisa Laurelli 2.177, Paolo Quinto 1.261, Vincenzo Vita 1.243, Roberto Di Giovan Paolo 1.065. In totale nel Lazio hanno votato 95.000 aventi diritto al voto, pari a circa il 50% di quelli che si erano recati alle urne il 2 dicembre per il ballottaggio delle primarie per il candidato premier tra Pier Luigi Bersani e Matteo Renzi. Grande successo delle donne anche nella provincia di Roma, dove la più votata è risultata essere Marietta Tidei, seguita da Anna Maria Parente e Bruno Astorre. Sempre secondo le stime, il più votato a Viterbo è stato invece Alessandro Mazzoli, a Rieti Fabio Melilli, a Frosinone Francesco Scalia e a Latina Claudio Moscardelli.

IN 45 MILA HANNO VOTATO NELLA CAPITALE - A Roma circa 45 mila persone hanno votato ieri alle primarie del Pd: è il dato registrato dal partito alla chiusura dei seggi, alle ore 21. Lo ha reso noto con un comunicato il segretario facente funzioni del Pd di Roma Valentina Grippo. "Nella scelta dei parlamentari gli elettori hanno dato un riconoscimento a figure nazionali come Stefano Fassina, impegnato per rimettere al centro dell'agenda del Paese i temi sociali - ha detto il capogruppo del Pd di Roma Umberto Marroni - e hanno premiato il lavoro di questi anni del PD romano e del gruppo consiliare in Campidoglio che si sono impegnati per radicare il consenso dei cittadini nei confronti del PD, portando avanti battaglie di opposizione alla Giunta Alemanno e elaborando al contempo proposte politiche di governo". "Confermata - ha aggiunto - una partecipazione straordinaria visto anche il periodo delle festività. Inoltre il meccanismo della doppia preferenza di genere dimostra di essere uno strumento importante per valorizzare il ruolo e la forza delle donne nella politica e nelle istituzioni come dimostra la positiva affermazione delle candidate del Pd". Marroni ha poi ringraziato i militanti e ha rilanciato l'impegno per la vittoria di Pierluigi Bersani e del Pd alle elezioni nazionali e a quelle regionali del Lazio.

JOSEFA IDEM DALL'ORO OLIMPICO AL PARLAMENTO - Dall'oro olimpico allo scranno parlamentare. Ce l'ha fatta Josepha Idem, canoista tedesca di origine ma ravennate di adozione, che ha partecipato ad otto olimpiadi, vincendo a Sydney nel 2000. Da tempo attiva nel Pd, anche con ruoli amministrativi, la Idem è arrivata prima alle primarie nella sua provincia con 9.382 preferenze: ciò che serve per ottenere un posto sicuro in lista. "Lo spirito di fiducia e collaborazione - ha commentato - hanno reso il confronto sereno e sono certa che, da questa prova, nascerà un partito più forte e coeso di prima. Ora tutti al lavoro per vincere le elezioni".

IN SICILIA FUORI D'ANTONI ENTRA GIOVANE SINDACO - Le primarie del Pd in Sicilia, anche se non vi è ancora nessun dato ufficiale ma solo le voci delle segreterie dei candidati, segnano l'affermazione a Enna del senatore Vladimiro Crisafulli, a Trapani del sen. Antonio Papania, ad Agrigento del deputato Angelo Capodicasa. Fuori è Sergio d'Antoni, arrivato settimo a Palermo, dove si registra la grande affermazione del sindaco di Pollina (Pa) Magda Culotta, 26 anni, e di Davide Faraone, ex deputato regionale. A Palermo successo anche per il sindaco di Marineo Franco Ribaudo e altre due donne: la deputata Alessandra Siragusa e e la consigliera comunale palermitana Teresa Piccione. A Caltanissetta Daniela Cardinale avrebbe battuto l'ex presidente dell'antimafia regionale Lillo Speziale. A Siracusa avrebbe vinto l'ex deputato regionale Pippo Zappulla e a Messina il deputato Francantonio Genovese.

ZAMPA, 6/A PIU' VOTATA, CONTINUERO' MIO LAVORO - "Sono soddisfatta del risultato ottenuto: 5.717 voti, 5.717 grazie. Ringrazio le persone che mi hanno espresso stima e fiducia e tutti coloro che hanno lavorato con me e per me". Così Sandra Zampa, parlamentare del Pd, dopo le primarie. "Sono la sesta candidata più votata nella provincia di Bologna e questo mi consente di tornare in Parlamento per continuare il mio lavoro e dove confido di poter confermare la fiducia che tanti hanno avuto in me". "Non vedo nessun 'caso Zampa' - ha spiegato Marco Monari, capogruppo Pd in Emilia-Romagna - poiché non si tratta di dover 'ripescare' la parlamentare, visto che come voti assoluti non solo ha superato Bolognesi, ma anche Lo Giudice". Il risultato delle consultazioni ieri sera aveva infatti fatto nascere una querelle dal fatto che, per un'interpretazione delle regole, l'alternanza dei candidati uomo-donna sarebbe partita dal candidato più votato. Quindi, visto che a Bologna il maggior numero di voti li ha avuti Andrea De Maria, i teorici sette deputati bolognesi sarebbero dovuti essere quattro uomini e tre donne. Tuttavia la donna quarta classificata, appunto la portavoce di Romano Prodi Sandra Zampa, aveva avuto circa 1.300 in più di Paolo Bolognesi (presidente dell'associazione delle vittime del 2 agosto) e circa 900 in più di Sergio Lo Giudice, terzo classificato fra gli uomini. "Mi sembra chiara la volontà degli elettori di una maggior presenza femminile - ha quindi sottolineato Monari - Una indicazioni chiara di voto, che riguarda sia le parlamentari uscenti sia le 'nuove proposte''.

Un piccolo giallo rischia di guastare il clima di festa dopo le primarie per la scelta dei parlamentari del Pd: il settimo posto, l'ultimo che teoricamente sarebbe utile per ottenere uno scranno da Parlamentare, rischia infatti di essere in bilico. Ad aggiungere tensione il fatto che i due 'contendenti' non sono due qualsiasi: si tratta della portavoce di Romano Prodi Sandra Zampa e del presidente dell'associazione delle vittime del 2 agosto Paolo Bolognesi. La querelle nasce dal fatto che, secondo un'interpretazione delle regole, l'alternanza uomo-donna sarebbe partita dal candidato più votato. Quindi, visto che il maggior numero di voti li ha avuti Andrea De Maria, i teorici sette deputati bolognesi sarebbero dovuti essere quattro uomini e tre donne. Tuttavia la donna quarta classificata, Sandra Zampa, ha avuto 5.715 voti, oltre 1.200 in più di Paolo Bolognesi e circa 900 in più di Sergio Lo Giudice, terzo classificato fra gli uomini. La questione sarà rimandata alla direzione regionale che il 5 gennaio stilerà le liste definitive. Il rischio - si fa notare in ambienti Pd - è che una norma pensata per tutelare la parità di genere finisca non solo per penalizzare una donna, ma anche per mettere in discussione un principio democratico. La questione non sarà semplice da risolvere, anche perché chiunque dei due esclusi sarebbe un escluso eccellente.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni