Percorso:ANSA.it > Speciali > News

Napolitano chiude il sipario della legislatura

23 luglio, 22:45
Napolitano Napolitano
Napolitano chiude il sipario della legislatura

di Marco Dell'Omo

Camere sciolte, elezioni il 24 febbraio. Giorgio Napolitano mette la parola fine alla legislatura che era cominciata con la vittoria del centrodestra e il ritorno di Silvio Berlusconi a Palazzo Chigi e si conclude, con qualche settimana di anticipo, con l'addio del governo dei tecnici.

Dopo un giro di consultazioni-lampo con i gruppi parlamentari e uno scambio di vedute con i presidenti di Camera e Senato, Napolitano ha firmato il decreto di scioglimento delle Camere. ''La strada era segnata'', ha spiegato il presidente affacciatosi nel corridoio di fronte al suo studio per rispondere alle domande dei giornalisti. Nessuno si aspettava scenari diversi dopo il ritiro della fiducia al governo Monti da parte del Pdl, l'8 dicembre alla Camera, e la conseguente decisione di Monti di dimettersi subito dopo l'approvazione della legge di stabilita'. Lo ha riconosciuto anche Napolitano: al punto un cui si era arrivati non c'era altro da fare, perche' ''non esisteva alcuno spazio per sviluppi parlamentari'' . E rinviare il governo alle Camere, ha detto il presidente, non avrebbe cambiato in alcun modo lo scenario. Il capo dello Stato rimanda al suo messaggio di fine anno, a reti televisive unificate: sara' quella l'occasione in cui fara' le sue considerazioni finali su questo turbolento finale di legislatura.

Il governo ha ufficialmente fissato le elezioni per il 24 e 25 febbraio. La prima riunione delle Camere e' stata convocata per il 15 marzo. A quel punto Napolitano, ancora al Quirinale per gli ultimi due mesi del suo mandato, dara' l'incarico di formare il nuovo governo al vincitore delle elezioni. Nel frattempo Monti resta in carica per lo svolgimento degli affari correnti; ormai niente puo' rinviare una sua presa di posizione circa il suo futuro politico. Il Pdl, nelle consultazioni con il Colle, ha chiesto che il premier resti ''neutrale'' mentre il Pd, anch'esso freddo su una candidatura Monti, si e' pronunciato per l'apertura di una nuova fase fatta di ''politiche progressiste e riformiste''.

Domani il premier avra' una doppia occasione per fare chiarezza: la tradizionale conferenza stampa di fine anno, appositamente fatta slittare dopo lo scioglimento delle Camere, e subito dopo la trasmissione televisiva ''In mezz'ora''. Per tutta la giornata, nelle file dei centristi, e' montato un certo pessimismo sulla sua candidatura: tanto che sono cominciate a circolare ipotesi alternative, come quella di Emma Marcegaglia (che pero' ha detto di non essere interessata). Anche Casini e' sembrato avallare la tesi di un Monti ormai convintosi a restare a bordo campo quando ha detto che ''rispetteremo la decisione di Monti qualunque essa sia''. Ma il diretto interessato continua a non sbilanciarsi. E ai ministri ha spiegato di continuare a riflettere, aggiungendo di non aver ancora detto ''ne' si' ne' no''.

Berlusconi, intanto, approfitta degli ultimi giorni senza par condicio per continuare il suo tour elettorale tra le radio e le televisioni dove continua a lanciare bordate contro il prof. Questa volta il Cavaliere ha bocciato senza possibilita' di appello l'operato del governo: ''un disastro completo'' e' stato il suo bilancio dei 13 mesi di Monti a Palazzo Chigi. Secondo Berlusconi il Professore ''non ha fatto nulla, nessuna riforma se non riportare tasse ed Imu''. Altre bordate Berlusconi le rivolge a Casini e Fini che sono ''entita' praticamente nulle'' alle quali gli italiani non dovrebbero dare il voto.

(22 dicembre 2012)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA