Percorso:ANSA.it > Politica > News

Angeletti: 'Prima governo se ne va, meglio è'

Il segretario della Uil: 'Era governo a termine e per noi il termine è scaduto'

03 ottobre, 13:07
Luigi Angeletti
Luigi Angeletti
Angeletti: 'Prima governo se ne va, meglio è'

"Questo era un governo a termine, per noi il termine è scaduto: prima se ne va, più noi ci guadagniamo": lo dice il leader della Uil, Luigi Angeletti, alla Conferenza di organizzazione. "Dobbiamo tornare ad un Paese normale e andare a votare. Questo governo non ha più le risorse politiche né il tempo per fare qualcosa di decente".

"Qualcosa di decente né sul piano fisco, né della competitività, né del risanamento", prosegue Angeletti che svela anche un retroscena: "Abbiamo accarezzato l'idea di uno sciopero generale: lo avremmo fatto ad una sola condizione, per mandare a casa il governo. Siamo rimasti da soli. Allora abbiamo cercato di dirgli con le buone di andare a casa". E dice ancora: "Questo governo risponde a input precisi. Ci sono poteri forti a cui non si può dare fastidio, oltre le banche, i partiti, la politica. Quindi non ha fatto nulla di quello che sarebbe stato normale e utile fare".

Il segretario generale della Uil critica "l'operazione" condotta dal governo e dal premier Mario Monti "che si è preoccupato di andare in giro per il mondo a dire che era diverso dagli uomini politici", ma che secondo Angeletti "é stata più vincente sui giornali che sui mercati. Lo spread è infatti salito o sceso a seconda di quello che diceva un altro Mario. Vi confesso - dice ancora rivolgendosi alla platea dei delegati - che avrei preferito che il presidente del Consiglio avesse fatto un altro tour tra investitori e imprenditori per aumentare gli investimenti in Italia. Questo avrebbe dato sul serio una spinta per la crescita". E ancora un attacco in generale alla politica. "Abbiamo una classe politica che ha già dimostrato di non essere all'altezza. Se c'é stato un default nel nostro Paese - sostiene Angeletti - è stato della classe politica". Alla base, continua il leader della Uil, un "motivo semplice: per 20 anni la selezione della classe dirigente è avvenuta solo su un criterio tra chi era amico e chi nemico di Berlusconi. Così abbiamo allevato una classe dirigente e adesso ci meravigliamo che non hanno un'idea in testa per uscire dalla crisi".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni