Percorso:ANSA.it > Politica > News

Fini: grande coalizione. No del Pdl. Casini: basta 'Porcellum'

Neosegretario Lega: 'Pontida il nostro cuore, i militanti diamanti. Soldi vadano a sezioni'

09 luglio, 15:54
Il presidente della Camera Gianfranco Fini
Il presidente della Camera Gianfranco Fini
Fini: grande coalizione. No del Pdl. Casini: basta 'Porcellum'

di Anna Laura Bussa

ROMA - Lo spread non scende, non tanto per ciò che sta facendo ora il governo, ma perché nei mercati finanziari c'é grande incertezza su quello che avverrà in Italia nel 2013, cioé per il dopo-elezioni, visto che al momento non si è riusciti a riformare neanche la legge elettorale. Il presidente del Consiglio, Mario Monti, avverte i partiti della maggioranza che con la loro litigiosità e con le loro continue critiche indeboliscono la sua azione per ridare stabilità del Paese. Gli spread non scendono, osserva il premier, anche perché "c'é un po' di incertezza su quello che succederà nella governance dell'economia o, detto altrimenti, nella politica italiana dopo le elezioni".

Monti spera, invece, "che l'Italia riesca a dimostrare presto, con le riforme politico istituzionali, che il ritorno al normale processo elettorale sarà pienamente compatibile con la continuità delle politiche che l'Europa sta apprezzando". Al pressing del Capo dello Stato a fare al più presto riforme e legge elettorale, si aggiunge così anche quello di Monti che indica una sorta di 'strada' quando dice che il processo elettorale dovrà garantire continuità con la politica economica del governo che, come sottolinea il premier, l'Europa "sta apprezzando". Ma mentre il presidente del Consiglio 'inchioda' le forze politiche alle proprie responsabilità, i partiti continuano a spaccarsi su riforme e ipotesi di alleanza. Come quella avanzata dal presidente della Camera Gianfranco Fini dalle colonne de 'Il Messaggero'. Il leader di Fli vedrebbe bene, in vista dell' appuntamento elettorale, una grande coalizione formata da Pd, Pdl e Terzo Polo, senza Sel, Idv e Lega, con un premier scelto eventualmente dopo il voto, per continuare a gestire il Paese durante la crisi perché il governo Monti non può venire considerato "solo una parentesi".

L'ipotesi però non sembra piacere troppo né ai Democratici, né ai pidiellini. Il Pd, assicura Rosy Bindi, "é e resta alternativo alla destra": è vero che in questa fase di emergenza sta sostenendo il governo con il Pdl, ma questo non potrà più ripetersi; nel 2013 ognuno si presenterà alle urne con idee e programmi diversi. Analogo il commento del capogruppo Pdl alla Camera Fabrizio Cicchitto che definisce "lunare" la proposta di Fini visto che per centrosinistra e centrodestra "non esiste un retroterra di valori comuni". E' chiaro comunque che, a seconda del progetto politico che si ha in mente, verrà modificata la legge elettorale: fronte sul quale la distanza tra i partiti sembra ormai incolmabile. Più di un tecnico dà "per morto e sepolto" l'accordo nella maggioranza. E questa sarebbe la ragione per cui il dibattito sulle preferenze diventa oggetto di un botta e risposta via tweet tra i vertici dei partiti.

Il leader Udc Pier Ferdinando Casini le difende a spada tratta, insieme al capogruppo Pdl Maurizio Gasparri. Mentre il presidente dei senatori Pd Anna Finocchiaro non ha dubbi: le preferenze vennero abolite perché "non trasparenti". Per garantire che i parlamentari non siano "nominati" bastano i collegi. Ma su questi, replica Casini, decidono i partiti. Così è quasi certo, vista l'accelerazione di ieri del Pd, che la riforma del Porcellum approderà in Parlamento senza un accordo politico alle spalle. L'iter, spiega uno 'sherpa', dovrebbe essere più o meno questo: la legge elettorale comincia al Senato dove in commissione Affari Costituzionali sono stati depositati ddl con tutti i modelli ("dal tedesco allo spagnolo ce n'é per tutti, basta mettersi lì con il banchetto.."); l'Aula di Palazzo Madama licenzia le riforme costituzionali che verranno modificate alla Camera in senso 'minimalista': con il taglio dei parlamentari. "Basta con le meline - è l'appello di Casini - confrontiamoci in Parlamento".

MARONI: UNA DONNA AL QUIRINALE, MONTI BIS SE ELETTO - "Per il Quirinale non mi viene in mente nessuno, ma mi piacerebbe vedere lì una donna". Lo ha detto il segretario della Lega, Roberto Maroni, intervistato da Maria Latella che su Sky gli chiede anche come veda un'eventuale Monti Bis. " A livello personale stimo Monti ma questo non c'entra nulla: se si candida e viene eletto nulla in contrario. Ma non mi piace che ci sia una sospensione della democrazia. Il giudizio su chi governa deve essere del popolo che è sovrano" afferma.

"Bossi - spiega Maroni sulle voci secondo le quali l'ex leader avrebbe chiesto una 'riserva di posti' - farà quel che gli consente di fare lo Statuto. Il presidente è il garante dell'unità del movimento. Bossi non avrà alcuna riserva di posti, come non ce l'ha il segretario. E' il consiglio federale che decide le candidature. Ma è una questione oggi di nessuna importanza, se ne parla tra dieci mesi".

"Pontida - precisa ancora il neosegretario del Carroccio - e' il cuore della Lega, è la nostra identità. E' una festa di popolo. Pontida si continuerà a fare. Miss Padania, invece, "si può continuare a fare ma non sarà organizzata dalla Lega. Tutte le altre si devono autofinanziare, senza coinvolgere direttamente la Lega. La Lega fa politica, tutte le manifestazioni accessorie usciranno dalla gestione diretta del movimento" spiega.

"D'ora in avanti - assicura Maroni - ci sarà una gestione oculata, sapendo che i soldi della Lega devono essere dati alle sezioni. I nostri diamanti devono essere i militanti e le sezioni. Lì devono essere investiti i milioni della Lega, è lì che si fa politica".  Quanto al tesoriere, Maroni afferma che "c'é un collegio dei tesorieri confermato ed abbiamo un bilancio certificato. Io sono tranquillo da questo punto di vista" dice.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni