Percorso:ANSA.it > Politica > News

Italia 150: lungo applauso per Monti a Teatro Regio Torino

Il presidente del Consiglio: 'La Fiat ha fatto grande il Paese e il Paese l'ha fatta grande e continuerà a essere un patrimonio per il nostro futuro'. Presidio No Tav vicino al teatro

19 marzo, 09:22
ITALIA 150:MONTI A TORINO;PRIMA A MOSTRA,IN SERATA AL REGIO
ITALIA 150:MONTI A TORINO;PRIMA A MOSTRA,IN SERATA AL REGIO
Italia 150: lungo applauso per Monti a Teatro Regio Torino

TORINO - Il premier Mario Monti è stato accolto da un lungo applauso al suo arrivo nella sala del Teatro Regio di Torino per il concerto di chiusura delle celebrazioni di Italia 150. Tutti gli spettatori si sono alzati in piedi e gli hanno battuto le mani. Tra i tanti invitati ci sono il presidente della Fiat John Elkann e l'amministratore delegato del gruppo Sergio Marchionne.

MONTI A TORINO: AVANTI SU TAV, SPERO ACCORDO SU LAVORO

di Renato Botto

TORINO - Avanti sulla Tav e ottimismo sulla riforma del lavoro. E' questo il messaggio che arriva da Mario Monti nella sua giornata torinese. Una giornata che si è chiusa al Teatro Regio con un discorso sull'industria simbolo della città ("La Fiat - ha detto alla platea dove sedevano John Elkann e Marchionne - ha fatto grande il Paese e il Paese l'ha fatta grande e continuerà a essere un patrimonio per il nostro futuro") ma anche sul senso dell'operato del governo, con un richiamo forte alla lotta all'illegalità per dare il senso del futuro ai giovani. Da questa città, dove ha insegnato Economia per 15 anni, dal 1970 al 1985, ha in primo luogo voluto far giungere un messaggio di ottimismo alla vigilia della settimana decisiva per la riforma del lavoro: "Credo e spero - ha detto - che l'incontro di martedì" tra Governo e parti sociali "avrà successo. Se le posizioni non fossero ancora abbastanza distanti - ha aggiunto - vorrebbe dire che la riunione conclusiva ha già avuto luogo con successo, invece deve ancora avvenire".

Tema centrale della visita torinese è stato, come prevedibile, la Tav. Monti ha incontrato il commissario di Governo per l'alta velocità, Mario Virano, e, mentre un gruppo di no Tav presidiavano la centrale piazza Castello, ha ribadito l'importanza della nuova linea ferroviaria Torino-Lione, per la quale, ha detto, è "venuto il momento di fare un passo in avanti" ed "eseguire l'opera", tenendo conto "naturalmente delle preoccupazioni locali, cosa che - ha aggiunto - è stato fatto nel corso di molti e molti anni". Senza quest'opera, ha sottolineato a fine serata, l'Italia rischia di rimanere isolata in Europa.

A sottolineare l'impegno del governo, il premier ha anche chiamato i sindaci pro-tav di Susa, Gemma Amprino, e di Chiomonte, Renzo Augusto Pinard, per esprimere il suo "apprezzamento per l'impegno che manifestano a sostegno" dell'opera. Infine la Fiat e la lotta all'illegalità. La casa automobilistica, ha detto, "continuerà a essere un patrimonio per il nostro futuro se il grande gruppo si ricorderà di quanto talento, impegno, sudore hanno messo gli italiani a renderla tale. E se gli italiani, pur fieri di guardare al loro passato, avranno presente che nel presente e nel futuro si può avere il diritto al mantenimento di un'impresa in un mondo aperto competitivo in cui tutti dobbiamo renderci competitivi e attraenti. Altrimenti - ha aggiunto Monti - non manterremo ciò che sentiamo italiano" Ancora una volta, poi, il premier ha fatto riferimento al futuro dei giovani come senso dell'azione di governo: "Un diffuso senso civico appare una necessità per restituire ai giovani il senso di un futuro. Per questo questo governo si dedica con energia, qualche volta in modo brusco, alla lotta all'evasione, alla corruzione, alla criminalità, alla illegalità".

Nel corso della giornata torinese il presidente del Consiglio ha anche rassicurato sull'impegno del Governo per la liberazione della guida piemontese Paolo Bosusco riferendo di essere "in contatto con il ministro degli Esteri, Giulio Terzi, che sta seguendo la situazione, attraverso le strutture del ministero, in contatto con l'India in tempo reale, minuto per minuto, e - ha detto - mi tiene informato". In quella che è stata la prima capitale d'Italia, e che Monti propone come sede permanente della festa del 17 marzo, il premier è arrivato per chiudere le celebrazioni del 150/mo, inaugurando nel pomeriggio la nuova edizione della grande mostra "Fare gli italiani" con la quale si chiudono le celebrazioni del 150.mo anniversario dell'Unità d'Italia.

Accompagnato dalla moglie Elsa, Monti è stato accolto in maniera calorosa all'interno delle ex Ogr dal sindaco Piero Fassino, da tre ministri del suo governo, Elsa Fornero (Welfare), Francesco Profumo (Istruzione) e Renato Balduzzi (Sanità), dal Presidente della Regione Piemonte, Roberto Cota, dal presidente del consiglio di sorveglianza di Intesa SanPaolo, Giovanni Bazoli, dal presidente della Provincia di Torino Antonio Saitta, e dal procuratore della Repubblica del capoluogo piemontese, Giancarlo Caselli.

"Questa mostra - ha detto Monti al termine della visita all'esposizione che nella prima edizione ha raggiunto i 600.000 visitatori - ci aiuta in modo mirabile a capire come gli italiani si sono fatti da zero per quanto riguardava il loro essere insieme e ci aiuta anche a pensare a come proseguire e a rendere gli italiani più adatti a vivere in un mondo globale con un percorso simile a quello di questi 150 anni. Capire le diversità - ha concluso - integrarsi, pur continuando a riconoscere se stessi".

 

CONCLUSA MANIFESTAZIONE NO TAV

TORINO - Si è conclusa senza incidenti la manifestazione del movimento No Tav nel centro di Torino, organizzata in occasione della visita del Presidente del Consiglio Mario Monti. L'area intorno Teatro Regio, dove il premier questa sera ha seguito il concerto di chiusura delle celebrazioni per i 150 anni dell'Unità d'Italia, è stata blindata dalle forze dell'ordine, che hanno impedito, sia pure senza mai venire a contatto, l'accesso ai manifestanti. L'attivista Turi Vaccaro, che si era arrampicato sui muri di palazzo Madama e poi era riuscito ad entrare in un'area di cantiere, è stato bloccato e poi rilasciato dalle forze dell'ordine.

 

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni