Percorso:ANSA.it > Politica > News

Germania: Wulff lascia. Merkel: questa è la legge

Il presidente tedesco avrebbe ottenuto e fatto favori. Telefonata tra la cancelliera, Monti e Papademos

17 febbraio, 21:34
Angela Merkel e Wolfgang Schaeuble in divisa nazista sul sito della Bild
Angela Merkel e Wolfgang Schaeuble in divisa nazista sul sito della Bild
Germania: Wulff lascia. Merkel: questa è la legge

di Rosanna Pugliese

BERLINO - Alla fine il presidente si è dimesso. Lo scacco della Bild del 13 dicembre scorso ha avuto i suoi effetti due mesi dopo su un uomo di cui ormai i tedeschi non si fidavano più. Oggi, con un breve discorso a Bellevue, sede della presidenza della Repubblica a Berlino, Christian Wulff ha rimesso il suo incarico, rinunciando quindi all'immunità, dopo che la Procura di Hannover aveva chiesto che il Parlamento gliela revocasse per indagare su un presunto 'scambio di favori' con un amico imprenditore ai tempi in cui era governatore della Bassa Sassonia. Da domani il procedimento potrà iniziare. Wulff non ha più alcuna protezione contro la giustizia, che farà il suo corso. "E' la forza della nostro sistema giuridico: siamo tutti uguali di fronte alla legge", ha commentato Angela Merkel. Quella di oggi è stata però una sconfitta anche per la cancelliera, costretta ad annullare la sua prevista visita in Italia per tentare di arginare il terremoto politico in corso a Berlino che cade in un periodo cruciale per la crisi dell'euro. Wulff era il candidato fortemente voluto dalla Merkel alla presidenza. Esattamente come lo era stato il suo predecessore, Horst Koehler, che pure dovette fare un passo indietro nel maggio 2010 dopo improvvide dichiarazioni sull'Afghanistan. La sconfitta sul piano della dialettica interna con l'opposizione é a questo punto evidente.

Tanto che è stata la stessa cancelliera a dover concedere agli avversari politici la promessa di un candidato bipartisan, che possa avere il sostegno anche fuori dalla sua coalizione. L'ampio consenso di cui gode ancora la cancelliera, amatissima secondo i sondaggi, non rende tuttavia questa partita persa particolarmente pericolosa. I tedeschi perdono, invece, un presidente che non stimavano più. A partire da quel primo articolo di dicembre della Bild, che rivelò di un credito concesso dalla moglie di un amico imprenditore per comprare una casa a tassi agevolati - affare privato ritenuto controverso che risale al periodo in cui era ministro-presidente della Bassa Sassonia -, l'entusiasmo per l'inquilino di Bellevue, che aveva tentato fra l'altro di impedire la pubblicazione delle notizie, era progressivamente scemato. La procura di Hannover indaga però soltanto sui rapporti con David Groenewold: non sui molti episodi che hanno messo in cattiva luce il presidente mostrando uno stile avvezzo agli 'intrallazzi'. Groenewold è un imprenditore cinematografico che ha avuto a che fare in più occasioni con l'ormai ex presidente. In episodi opachi, che hanno alimentato la diffidenza. Come quella vacanza di lusso a Sylt, su cui aleggia il dubbio di chi l'abbia pagata: il legale di Wulff ha assicurato che il presidente ha finanziato personalmente il suo soggiorno sull'isola.

Ma per la stampa il conto era stato saldato dall'imprenditore. "Ho commesso degli errori ma sono sempre stato retto", ha detto oggi Wulff lasciando il suo incarico. "Io e mia moglie siamo stati feriti da quello che hanno pubblicato i media in questi mesi. Ma la Germania merita un presidente che abbia il sostengo e la fiducia di un'ampia maggioranza dei cittadini. Poiché la fiducia è venuta a mancare e la mia possibilità di agire è stata durevolmente danneggiata, mi dimetto", è stato il suo addio. Angela Merkel se ne è rammaricata, esprimendo profondo dispiacere personale e rispetto per la decisione. "Con le sue dimissioni - ha spiegato infatti la Merkel - ha messo in secondo piano la sua convinzione di essersi comportato sempre correttamente rispetto all'incarico ricoperto e rispetto al servizio al popolo". Ora si volta pagina e si guarda al 'totosuccessore' che già impazza sui media tedeschi: nella rosa di nomi, oltre ai ministri della Difesa e del Lavoro e al presidente del Bundestag, c'é anche il profilo austero del titolare delle Finanze, quel Wolfgang Schaeuble considerato un 'falco' per la gestione ultrarigorista della crisi e messo all'indice dai greci come ispiratore della 'linea dura' di Bruxelles nei confronti di Atene.

BILD, CACCIATE FINALMENTE I GRECI FUORI DALL EURO! - "Cacciate finalmente i greci fuori dall'euro!". La Bild attacca Atene, e nella versione on line pubblica le foto - che circolano in Grecia - di Angela Merkel e Wolfgang Schaeuble in divisa nazista. "Non c'é molto che la disastrosa economia greca possa ancora esportare all'estero - scrive il tabloid nella versione on line -. Ma in una cosa sono campioni di export: offese, insulti e aggressioni verbali che feriscono!". Bild replica alle parole del presidente greco Karolos Papoulias, che nei giorni scorsi ha attaccato Wolfgang Schaeuble, e accusa la Grecia di ingratitudine. La conclusione di un duro articolo è: "Grecia, arriva il tempo di dire addio all'euro...". "La Germania ha dato oltre 20 miliardi di euro in aiuti ai greci dal 2010, oltre 30 miliardi devono essere decisi lunedì", si legge sull'home page del tabloid di Axel Springer. "La cancelliera Angela Merkel e il ministro delle Finanze Wolfgang Schaeuble hanno trattato per innumerevoli notti - continua Bild - per evitare il collasso alla Grecia. E il ringraziamento dalla bocca del presidente Karolos Papouilias suona così: 'Io non accetto che il mio paese sia offeso dal signor Schaeuble. Chi e' questo signor Schaeuble che avvilisce la Grecia?". "Per questo - stigmatizza - Bild dice: buttate finalmente i greci fuori dall'euro!". Il tabloid cita anche diversi politici tedeschi dei partiti di coalizione di governo ("sempre di più", sottolinea) che pensano che il futuro di Atene non sia nella moneta unica.ttina una telefonata dal Cancelliere della Repubblica Federale di Germania.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni