Percorso:ANSA.it > Politica > News

Intercettazioni: Pdl, probabile la fiducia

L'esame slitta alla prossima settimana

07 ottobre, 13:09
Un manifestante contro il ddl intercettazioni
Un manifestante contro il ddl intercettazioni
Intercettazioni: Pdl, probabile la fiducia

ROMA - "Sulle intercettazioni è probabile che metteremo la fiducia": lo ha detto stamattina Massimo Corsaro (PDL) nel corso di Omnibus, su LA7. "La posizione del Pd rispetto al ddl intercettazioni - ha proseguito Corsaro nel corso di omnibus - è strabica e strumentale. In nessuna parte del provvedimento si parla, infatti, di blocco nei casi di mafia, terrorismo o situazioni di grave allarme sociale. Quel che si vuole - spiega - è eliminare la gogna mediatica come strumento di lotta politica". Si tratta, ricorda, di un "obiettivo condiviso dal centro-sinistra quando era al governo, tanto che lo inserì e lo votò nella versione del ddl Mastella. La verità è che, ancora una volta, in mancanza di valide e credibili argomentazioni politiche, il Pd spera di utilizzare le intercettazioni come scorciatoia per abbattere Berlusconi e il suo governo".

ESAME SLITTA ALLA PROSSIMA SETTIMANA - Slitta alla prossima settimana nell'Aula della Camera l'esame del ddl sulle intercettazioni. L'Assemblea non ha ancora ultimato la fase della discussione sul complesso degli emendamenti.

BERLUSCONI, AVANTI SU DDL E GIUSTIZIA - Dobbiamo andare avanti sul disegno di legge sulle intercettazioni e poi completare la riforma della giustizia. Oltre a questo, dobbiamo fare la riforma del fisco e quella dell'architettura dello Stato. Lo ha detto il premier Silvio Berlusconi, nel corso di alcune conversazioni alla Camera con alcuni parlamentari.

La gente non vuole parlare al telefono con me perché ha paura di essere intercettata e per questo le liste dei miei appuntamenti sono triplicate, ma io sono uno solo... Lo ha detto il premier Silvio Berlusconi, a quanto raccontano alcuni parlamentari, spiegando di non poter ricevere tutte le persone che chiedono udienza.

BOSSI,DDL RENDE NOSTRO PAESE NORMALE - "Il ddl serve a far diventare il nostro paese normale perché le intercettazioni sono usate indipendentemente dai processi". Così Umberto Bossi, conferma il proprio sostegno al testo in discussione alla Camera. A chi gli chiedeva se il governo ricorresse alla fiducia ha risposto: "passa anche senza".

PASSA L'UDIENZA-FILTRO, BONGIORNO SI DIMETTE
di Anna Laura Bussa
- Il Pdl insiste e, in Comitato dei Nove della commissione Giustizia della Camera, 'incassa' il 'si' a maggioranza della norma che vieta di pubblicare il contenuto delle intercettazioni fino al momento dell'udienza filtro. Con un obiettivo preciso: approvare il ddl entro la prossima settimana per farlo votare 'in tempi rapidissimi' al Senato. Il presidente della commissione Giulia Bongiorno si dimette da relatore per protesta. Mentre l'opposizione annuncia barricate. Unica 'nota positiva', come commenta Roberto Rao (Udc), e' il 'si' bipartisan alla modifica dell''ammazza-blog': avranno l'obbligo di rettifica entro le 48 ore solo i siti registrati. La polemica esplode anche per una proposta di modifica che porta la firma di Manlio Contento (Pdl) e che riceve il parere favorevole del sottosegretario alla Giustizia Giacomo Caliendo. Questa punta a inserire nella norma che prevede il carcere da sei mesi a 3 anni per i cronisti (alla riforma dell'art.617 del ddl) anche le intercettazioni considerate ''irrilevanti''. Nel testo ora in Aula, si prevede che ci sia il carcere da 6 mesi a 3 anni per chi pubblica atti di cui e' stata ordinata la distruzione o che dovevano essere espunti. Ora Contento precisa che in questa previsione ci deve rientrare anche chi pubblica gli 'ascolti' considerati irrilevanti. Secondo il deputato ''e' solo una precisazione per far capire meglio il testo. Per l' opposizione ''e' un inserimento pericoloso che peggiora la situazione''. Il capogruppo del Pdl in commissione Enrico Costa, indicato come 'nuovo' relatore, definisce ''politica'' la decisione della parlamentare finiana di dimettersi. E spiega che probabilmente ''lei l'ha fatto solo per rafforzare il suo ruolo di punto di riferimento per la giustizia all'interno del terzo polo''. Il presidente della commissione pero' ribatte e parla di ''accordo violato''. Il testo, ora in Assemblea, ricorda, ''era gia' il frutto di una mediazione raggiunta in due anni e mezzo di confronto. E io su questa versione del provvedimento avevo gia' fatto la mia relazione''. Poi, aggiunge, basta che Berlusconi ''schiocchi le dita'' per rimettere tutto in discussione. E cosi' ''il testo viene stravolto'' e a lei non resta che ''dimettersi''. Ora, assicura Rao, ''noi non potremmo che votare 'no' contro il black out per l'informazione''. L'approvazione della 'norma-Costa', infatti, spiega ancora la Bongiorno, comportera' che di tutte le intercettazioni successive all'udienza filtro ''non se ne potra' nemmeno dare notizia''. ''Se c'e' un'ordinanza di custodia cautelare che puo' arrivare anche dopo un anno di indagini e in questa ordinanza ci sono delle intercettazioni rilevanti, non solo non si potra' pubblicare il testo - prosegue - ma proprio non si potra' dare notizia del fatto storico di queste intercettazioni''. In piu', incalza Donatella Ferranti (Pd), ''e' assurdo vietare la pubblicazione delle intercettazioni contenute, ad esempio, nelle ordinanze di custodia cautelare perche' in questi casi il Gip ha gia' compiuto una selezione degli 'ascolti'. Un altro ''piccolo passo indietro'' il Pdl lo compie approvando l'emendamento secondo il quale il deposito delle intercettazioni puo' essere fatto davanti al Gip e non davanti al Tribunale collegiale (come previsto nel testo ora all'esame dell'Aula). A quest'ultimo pero' spettera' sempre il compito di autorizzare gli 'ascolti' e di prorogarli. Ma almeno per il deposito e la convocazione dell'udienza filtro, bastera' il Gip. Senza ricorrere ai tre giudici: una 'composizione' questa, ribadisce Rao, che ''creera' non pochi problemi agli uffici giudiziari italiani e che volevamo venisse cancellata''. Le pregiudiziali di costituzionalita' presentate dalle opposizioni intanto vengono bocciate. Con l'astensione del Terzo Polo. Se vogliono fare ''una legge seria per impedire gli abusi - avverte il leader Udc Pier Ferdinando Casini - c'e' lo spazio''. Ma allo stato aggiunge, ''questa e' l'aria che tira e tira molto forte''. ''Sono morte 4 donne e Moody's ci declassa e noi - interviene il segretario Pd Pierluigi Bersani - parliamo di intercettazioni. Questo e' un governo che pensa solo agli affari suoi''.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni