Percorso:ANSA.it > Politica > News

Tremonti: 'Senza pareggio bilancio c'e' solo il disastro'

Il ministro, e' un obiettivo non solo politico ma etico

07 luglio, 18:14
Giulio Tremonti
Giulio Tremonti
Tremonti: 'Senza pareggio bilancio c'e' solo il disastro'

ROMA  -  "Senza pareggio di bilancio c'é solo il disastro. Il pareggio non è solo un obiettivo politico ma etico". Ha affermato il ministro dell'Economia Tremonti. "Non possiamo fare più debito di quello che possiamo sostenere, non possiamo girare il debito sui nostri figli". Ha detto Tremonti.

La manovra doveva essere emanata necessariamente con lo strumento del decreto legge. Lo ha spiegato il ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, parlando all'assemblea della Coldiretti. "Un dl lo puoi emendare e correggere ma pensare che si entri in autunno con i saldi aperti non è cosa positiva", ha sottolineato il ministro.

ERRANI, ORMAI E' CONFLITTO ISTITUZIONALE  - "La Conferenza unificata di oggi ha registrato un conflitto istituzionale profondo tra Governo da una parte e Regioni e Enti locali dall'altra": lo ha riferito il presidente della Conferenza delle Regioni Vasco Errani al termine di un incontro con una rappresentanza del governo. A questo punto, ha detto Errani, "il conflitto può essere recuperato soltanto con un incontro urgentissimo con il premier nel quale si spera egli possa dare la sua disponibilità a cambiare la manovra".

NAPOLITANO FIRMA DECRETO
di Alberto Spampinato

Giorgio Napolitano ha firmato il decreto legge che contiene le misure più urgenti della manovra finanziaria varata dal governo. Prevede misure pesanti che suscitano proteste e obiezioni delle opposizioni e delle parti sociali. A tutti Napolitano ha voluto ricordare che un intervento sui conti pubblici è necessario e che questo è solo il primo passo, altri se ne dovranno fare per giungere entro il 2014 al pareggio di bilancio chiesto dall'Unione Europea. Saranno necessari altri interventi, ha detto, e si dovranno fare "con gli ordinari strumenti di bilancio relativi al triennio 2012-2014 e i relativi disegni di legge collegati". Nel passare la parola al Parlamento, Napolitano ha sottolineato la necessità che tutti gli schieramenti condividano l'impegno del pareggio di bilancio assunto dall'Italia con l'UE. Ha auspicato che non ci siano, come è avvenuto altre volte, forzature, contrapposizioni e strozzature del dibattito, ma ci siano "un confronto realmente aperto", "una seria discussione e libere scelte" sulla impostazione della manovra e sulle misure idonee per giungere al pareggio di bilancio, alla riduzione del debito pubblico e "insieme, al rilancio della crescita economica". In altre parole, ha chiesto che le Camere discutano nel merito, senza pregiudizi, e che governo e maggioranza - secondo l'interpretazione data da alcuni esponenti del Pd - non strozzino il dibattito con maxiemendamenti e voti di fiducia. Sarebbe "inaccettabile", ha detto Pierluigi Bersani. Questo appello si ricollega ad altri richiami del presidente della Repubblica al senso di responsabilità di tutti e alla consapevolezza dei gravi problemi da fronteggiare, problemi di tutto il paese e non solo di uno schieramento politico, problemi che, con la speculazione finanziaria internazionale in agguato, bisogna risolvere nell'interesse di tutti, non possono essere elusi né rinviati.

La firma che autorizza la presentazione del decreto alle Camere non è stata apposta a cuor leggero. Prima Napolitano ha preteso e ottenuto l'eliminazione della tanto discussa norma 'salva Fininvest', che rischiava di togliere coerenza e credibilità all'intero provvedimento. Ha atteso che il governo gli fornisse chiarimenti su alcune criticità del testo emerse dallo scrupoloso esame fatto in 48 ore dagli uffici del Quirinale. I chiarimenti riguardavano, fra l'altro, le multe per le quote latte, misure per i dipendenti pubblici, ed altro. Senza entrare nel merito di scelte che spettano al governo, il capo dello Stato, ha esercitato la moral suasion per indicare aspetti tecnico-giuridici da chiarire preventivamente. E il governo ha accolto sostanzialmente i suoi rilievi. Ho varato il decreto legge, ha fatto sapere Napolitano con una nota ufficiale, poiché i suoi contenuti sono stati "essenzialmente ricondotti" a ciò che può contenere un simile provvedimento: "norme strettamente attinenti alla manovra finanziaria" e altre "suscettibili di incidere con effetto immediato sulla crescita economica". Su quella crescità troppo esigua che - ha fatto osservare altre volte Napolitano - è un problema del paese, poiché non permette di affrontare i problemi concreti, a cominciare dalla troppo estesa precarietà e disoccupazione giovanile.

© Copyright ANSA - Tutti i diritti riservati

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni