Percorso:ANSA.it > Politica > News

Scoppia caso Argentin: 'Mi hanno gridato handicappata'

31 marzo, 17:15
La deputata del Pd Ileana Argentin con il suo accompagnatore, alla Camera dei Deputati
La deputata del Pd Ileana Argentin con il suo accompagnatore, alla Camera dei Deputati
Scoppia caso Argentin: 'Mi hanno gridato handicappata'

ROMA L'intervento in Aula del finiano Italo Bocchino su quanto sta accadendo in queste ore alla Camera viene applaudito da tutti i deputati delle opposizioni. Anche dall'assistente della parlamentare Ileana Argentin visto che l'esponente Democratica non può usare le sue mani perché disabile. Così il deputato del Pdl Osvaldo Napoli si alza dal suo banco e corre verso la parte sinistra dell'emiciclo, dove siede abitualmente l'Argentin, per ammonire con tanto di indice alzato il suo assistente.

"Tu - avrebbe detto il berlusconiano rivolgendosi al giovane Francesco - non ti devi permettere di battere le mani hai capito?". Dal Pd si alza un coro di proteste contro Napoli che intanto torna al suo posto. Ma durante la bagarre, dai banchi della Lega, racconta la diretta interessata, proprio quando lei sta per prendere la parola e spiegare al presidente della Camera l'accaduto, parte il grido "Falla stare zitta quell'handicappata del cazzo!". A chi le stava accanto è sembrato che l'insulto fosse arrivato da Massimo Polledri, tanto che Fini invita il parlamentare del Carroccio a scusarsi con la collega del Pd. Lui smentisce e dice di aver detto solo "Ha ragione!" riferendosi a Osvaldo Napoli. E questa è anche la frase che risulta dai verbali dell'Assemblea. Numerosi testimoni oculari del Pd però confermano l'insulto. L'Argentin comunque va avanti e spiega che per colpa della sua malattia deve per forza usare le mani di qualcun altro per applaudire. "Se io desidero applaudire qualcuno dell'opposizione - spiega nel suo intervento - lo faccio quando voglio e lo faccio con le mani di chiunque", afferma.

Tutti i parlamentari del centrosinistra le tributano un lungo e caloroso applauso. Anche Polledri però prende la parola: "Signor presidente - dichiara - non avevo capito il termine della discussione, per cui mi scuso con la collega che ha sicuramente ragione. Spero di aver riparato ad un iniziale torto fatto verbalmente". "E' Osvaldo Napoli che deve chiedere scusa", incalza Roberto Giachetti (Pd). E infatti anche Napoli porge le sue scuse all'Argentin, prontamente rifiutate. "Prima mi ha fatto arrivare un bigliettino - racconta la parlamentare - che io non ho neanche aperto. Poi è arrivato lui di persona a chiedere scusa. Invece da Polledri neanche una parola...".

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni