Percorso:ANSA.it > Politica > News

Maraini, basta con il degrado dell'Italia

11 febbraio, 14:07

  di Alessandra Magliaro

ROMA -  Per protestare "ci sono sacrosante ragioni", dice all'ANSA Dacia Maraini, scrittrice, saggista, autrice italiana tra le più note e tradotte all'estero, sensibile da sempre ai temi delle donne (nel '73 aveva fondato a Roma il teatro della Maddalena gestito e diretto da donne). ''Io Berlusconi non voglio neanche nominarlo, qui c'é un problema di incredibile degrado culturale e non da oggi", prosegue la Maraini che a Piazza del popolo domenica alla manifestazione Se non ora quando? ci sarà. Le donne, 8 marzo sempre più scolorato a parte, diventata ormai una festa con business quasi a livello di San Valentino, non protestano rumorosamente da ben più di 20 anni.

"Mi preme dire che le donne hanno sempre continuato a protestare individualmente, in gruppi, ma è la piazza a dare visibilità e bisogna replicare a chi cerca di mettere zizzania, per dire che é una manifestazione di donne contro altre donne: nessuno ha pensato ad una manifestazione contro le escort, tutta la storia del femminismo tende a riunire le donne non certo a dividerle, una visione 'concorrenziale' che bisogna respingere con forza perché tutte noi dobbiamo essere contro una sistema che ci vuole mutilate, donne solo immagine senza parola". Cosa pensa delle 'arcorine'? "Sono vittime. Chi non ha strumenti forti, passioni professionali, è travolto e soccombe: queste ragazze sono trascinate da un'onda che da tv, pubblicità e ogni media manda segnali sulle donne svestite e oggetto, donne mutilate della loro personalità, del pensiero per diventare solo corpo".

Viviamo uno specifico italiano? "Assolutamente sì. Questa situazione di degrado culturale è tutta italiana. Io viaggio moltissimo e quello che si vede sulle nostre tv è osceno, non esiste altrove. Ogni paese ha canali erotici, noi li spalmiamo in ogni canale". Cosa risponde a chi malignamente pensa che domenica in piazza sarà una riunione di reduci della stagione del femminismo? "Sono convinta che non sarà così. Le ragazze più giovani sono arrabbiatissime, più di noi che quegli anni li abbiamo vissuti. Quando vado nelle scuole mi rendo conto che sono radicali, si rendono conto della violenza culturale cui sono sottoposte e hanno idee precise dei diritti doveri dei rapporti tra i sessi. Certo non bisogna nominare loro quella parola, sa di vecchio, di ideologie superate ed è stata demonizzata. Ma domenica saranno loro ad affollare le piazze".

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni