Percorso:ANSA.it > Politica > News

A Berlusconi fiducia di 'minoranza', e' sotto 316

Per tutti obbligo presenza in aula, problemi nelle commissioni

14 dicembre, 18:03

di Aldo Puthod

ROMA - Silvio Berlusconi ha la maggioranza alla Camera e al Senato. Ma con una differenza: se a Palazzo Madama è 'piena' (162 voti, quattro sopra la maggioranza teorica di 158) quella a Montecitorio è una 'fiducia di minoranza'. Con la conseguenza politica già "anticipata" da Gianfranco Fini: il governo avrà vita "impossibile". Difficile, insomma, pensare che possano avere un cammino "sereno" la riforma della giustizia o il decreto rifiuti. Anche per la riforma dell'Università, che pure è incardinata nel più tranquillo Senato, potrebbe non filare tutto liscio. Nulla è infatti sostanzialmente mutato rispetto alla situazione pre-voto: se in termini numerici la maggioranza è cresciuta di qualche unità in ambedue i rami del parlamento, c'é però a pesare politicamente e numericamente il passaggio di Fli nel campo dell'opposizione. In aula e ancor di più nelle commissioni, a Montecitorio, per il governo sarà insomma assai difficile trovare i numeri per far passare i propri provvedimenti. E anche il ricorso alla fiducia, praticato finora massicciamente, risulterà assai complicato se non impossibile con i finiani all'opposizione. Per fare qualche conto occorre partire dal fatto che il plenum della Camera è di 630 deputati.

Ne deriva che la maggioranza è fissata a quota 316. Questo in teoria, però, perché il presidente della Camera, per prassi, non vota. E quindi il numero dei votanti scende a 629, con una maggioranza 'reale' che scende a 315. Il governo è al momento fermo a quota 314. Una situazione peggiore di quella vissuta da Prodi nel 2008 al Senato: il professore aveva la maggioranza teorica, per quanto risicatissima, fino alla crisi determinata dall'uscita di Mastella dalla compagine di governo. Berlusconi ha 'collezionato' finora 8 deputati in più, avendo dovuto registrare un'astensione imprevista, quella del deputato di NoiSud Gaglione: gli ex finiani Catone, Siliquini e Polidori; l'ex Lib-Dem Grassano; gli ex Idv Razzi e Scilipoti; gli ex Pd e poi Api Cesario e Calearo. Se recupererà Gaglione, potrà arrivare alla maggioranza 'vera' di 315, contro i 311 dell'opposizione: al massimo quattro voti di scarto. Oltre a questi voti "pesano", però, anche le astensioni, comunque da verificare volta per volta, dei due deputati di Svp (Brugger e Seller).

C'é infine quella del finiano Moffa, il cui comportamento futuro è però tutto da verificare. Insomma, almeno nell'Aula di Montecitorio, tutto si tiene (come ai tempi del già ricordato Prodi) a condizione che la maggioranza sia sempre presente al gran completo. E se i 'grandi numeri' danno ragione al premier per l'aula, ben più sfavorevole è la situazione nelle commissioni. Alla Commissione Giustizia c'é una sostanziale parità: 24 a 24, compresa la presidente Giulia Bongiorno. Alla Affari Costituzionali i numeri sono decisamente contro il governo: al netto del membro della Svp, l'opposizione è a 25 contro i 22 della maggioranza (compreso il presidente Donato Bruno). L'effetto dei "cambi casacca" si fa invece decisamente sentire in una commissione economica strategica come la Bilancio. Lì l'opposizione ha solo 22 voti contro i 25 della maggioranza (presidente Giorgetti compreso), grazie ai voti determinanti di Catone e Cesario: senza il loro 'passaggio', la situazione sarebbe stata di 24 a 23 per l'opposizione.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni