Percorso:ANSA.it > Politica > News

Inchiesta Mediaset: indagati a Roma Berlusconi e figlio

Stessa data per il figlio Piersilvio. Stando alle indiscrezioni, potrebbero non presentarsi

15 ottobre, 20:44
Silvio e Piersilvio Berlusconi
Silvio e Piersilvio Berlusconi

Correlati

Inchiesta Mediaset: indagati a Roma Berlusconi e figlio

ROMA - Approda a Roma un capitolo dell'inchiesta milanese sulla compravendita dei diritti televisivi Mediaset. E' quello relativo agli aspetti fiscali legati alle acquisizioni di film e fiction fatte nel periodo 2003-2004. Una presunta frode, secondo quanto si apprende nella capitale, di circa dieci milioni di euro che chiama in causa, soprattutto, il presidente del consiglio Silvio Berlusconi, il figlio Piersilvio ed un'alta decina tra intermediari e dirigenti, all'epoca dei fatti, di Fininvest. Il premier e il figlio sono per questo indagati a Roma. Evasione fiscale e violazione di norme tributarie i reati contestati negli avvisi a comparire notificati al premier, al figlio Piersilvio firmati dal procuratore aggiunto Pierfilippo Laviani e dal sostituto Barbara Sargenti. E nell'invito a comparire la procura di Roma scrive che Silvio Berlusconi avrebbe dato "direttive" per mantenere le "relazioni d'affari" con il produttore statunitense Frank Farouk Agrama "nella fittizia intermediazione" nella compravendita dei diritti tv e cinematografici.

L'indagine è uno stralcio della più ampia vicenda al vaglio della magistratura milanese ed è finita, per competenza territoriale, alla procura di Roma poiché nel periodo 2003-2004, epoca in cui la sede legale di una delle società implicate, Rti, era nella capitale. E gli accertamenti dei magistrati romani, investiti della questione a partire dallo scorso marzo, quando arrivarono le carte dal capoluogo lombardo, vertono proprio su quel periodo. Al centro della vicenda, in sostanza, l'ipotesi che siano stati gonfiati i prezzi dei diritti acquistati presso alcune importanti società di produzione (major) statunitensi. Si tratterebbe di operazioni di sovrafatturazione fatte, attraverso società di intermediazione americane, che avrebbero consentito ad Rti e Mediatrade, controllate da Fininvest, di scaricare, ai fini delle detrazioni fiscali, cifre superiori a quelle effettivamente sborsate. Non solo: la differenza tra le somme investite e quelle indicate nelle fatture (allegate ai bilanci societari) sarebbero, sempre per l'ipotesi di accusa della procura, state utilizzate per la creazione di fondi neri attraverso un complesso giro che avrebbe portato il danaro dapprima in estremo oriente e, quindi, in Italia. Silvio e Piersilvio Berlusconi, al pari di tutti gli altri indagati, complessivamente una dozzina tra dirigenti Mediaset e intermediatori, hanno ricevuto inviti a comparire. Tale iniziativa blocca, tra l'altro, i termini di prescrizione dei reati, previsti nel 2012. In particolare, per il premier e il figlio, quest'ultimo presidente di Mediaset, la convocazione in procura è per il 26 ottobre prossimo. Ma da ambienti della difesa si è già intuito che, molto probabilmente, nessuno dei Berlusconi di presenterà. Dalla stessa Mediaset arriva una rivendicazione di estraneità dai fatti degli indagati: "si tratta sostanzialmente -é detto in una nota- di una duplicazione per anni diversi del medesimo processo pendente presso il Tribunale di Milano.

Mediaset ribadisce che i diritti cinematografici oggetto dell'inchiesta sono stati acquistati a prezzi di mercato e che tutti i bilanci e le dichiarazioni fiscali della società sono stati redatti nella più rigorosa osservanza dei criteri di trasparenza e delle norme di legge. La documentazione dimostrerà la totale estraneità di Pier Silvio Berlusconi e degli altri dirigenti coinvolti alle accuse ipotizzate di frode fiscale". Dello stesso tenore la presa di posizione di Nicolò Ghedini, difensore del presidente del Consiglio: "Dall'eventuale prosieguo delle indagini si potrà comunque agevolmente evidenziare -ha dichiarato - come i prezzi dei diritti fossero assolutamente congrui e acquistati da società terze e che pacificamente il presidente Berlusconi e Piersilvio Berlusconi sono totalmente estranei ai fatti in oggetto, dovendosi quindi pervenire ad una pronta archiviazione".

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni