Percorso:ANSA.it > Politica > News

Austerity per Camere, tagli ai costi e stop privilegi

21 settembre, 21:12

di Teodoro Fulgione

ROMA - Deputati e senatori tirano la cinghia o meglio provano a mettere un freno alle spese di Camera e Senato con una serie di proposte di risparmi e tagli, presentate durante l'approvazione dei bilanci 2010 ma non tutte approvate. ''Una svolta virtuosa'', la definisce il presidente del Senato, Renato Schifani al termine di una lunga giornata in Aula. Si va dall'innalzamento del limite anagrafico per la pensione al Senato, alla rinuncia agli uffici personali dei deputati semplici che pesano ''8mila euro cadauno'' al mese alla Camera. Deputati e senatori hanno votato i documenti di Progetto di Bilancio per il 2010 e i relativi ordini del giorno. L'assemblea di Montecitorio ha approvato con 479 si' e un astenuto il bilancio preventivo interno per il 2010: la Camera costera' allo Stato quasi un miliardo di euro, con un incremento dell' 1,3% sull'anno scorso. Voto unanime a Palazzo Madama al progetto di bilancio per il 2010 e al rendiconto di bilancio per il 2009: a favore tutti i gruppi parlamentari, mentre non hanno partecipato i due senatori radicali eletti nel Pd, Marco Perduca e Donatella Poretti. Il documento della Camera prevede risparmi di 315 milioni di euro nel periodo 2006-2011. Risparmi che dovrebbero aumentare fino al 2013, quando si sentiranno anche gli effetti della 'sforbiciata' di 1.000 euro dalla busta paga dei deputati. A questi andranno aggiunti i tagli del 5% sulle retribuzioni dei dipendenti che guadagnano tra 90mila e 150mila euro, e quelli del 10% degli stipendi sopra i 150mila euro, oltre a un taglio delle spese non vincolate, per un totale di 60 milioni di euro. I risparmi maggiori potrebbero arrivare dalla dismissione degli uffici nello storico Palazzo Marini, a pochi passi da Palazzo Chigi, in pieno centro a Roma: solo per il 2010 gli affitti costeranno alla Camera circa 54 milioni di euro. A Palazzo Madama, invece, si prevede una crescita della spesa pari a zero, per il secondo anno consecutivo, e un effettivo taglio della spesa di 35 milioni di euro da conseguire nei bilanci del prossimo triennio. Obiettivi conseguibili grazie alla svolta digitale attivata dalla fine del 2009 nelle procedure amministrative e legislative con Pec e firma digitale. La pianta organica del personale di Palazzo Madama sara' ridotta del 20% rispetto al limite massimo previsto; sara' bloccato il turnover per due anni e, insieme, sara' innalzato il limite anagrafico per la pensione, fermo restando l'obbligo della pensione d'ufficio per uomini e donne con 65 anni di eta' o con 40 anni di contributi previdenziali. Ma le proposte di tagli sono state tante, alcune anche fantasiose, e hanno dato vita a polemiche e dibattiti animati: c'e' la chiusura della barberia interna di Palazzo Madama, l'allestimento di una area fumatori a Montecitorio ma anche l'adeguamento dei prezzi del bar della buvette del Senato a quelli di mercato. Idee tutte respinte. L'Idv con un odg alla Camera ha suggerito di trasferire le pensioni dei deputati all'Inps e agli altri enti previdenziali. A favore dell'iniziativa hanno votato solo i dipietristi; tutti gli altri gruppi hanno votato contro. Tutti uniti anche contro la proposta del leghista Stefano Stefani di abolire la barberia a Montecitorio. A Palazzo Madama respinti gli ordini del giorno presentati da senatori dell'Idv e dal senatore del Pdl Raffaele Lauro per l'abolizione dell'assegno vitalizio per i senatori e di tutti i benefici per gli ex presidenti del Senato e della Camera e dei senatori a vita. Tra le proposte spazio anche all'adozione di voli low cost per diminuire le spese per gli aerei. Accolta, invece, come raccomandazione la riduzione, proposta da un odg dell'Idv, di almeno il 40% delle spese complessive inerenti il parco auto. Respinte le altre parti dell'ordine del giorno con cui si chiedeva la soppressione del servizio di barberia o l'aumento dei prezzi alla buvette in modo da allinearli ai prezzi medi del mercato. ''Tutto e' naturalmente perfettibile ma penso che a nessuno possa sfuggire la svolta 'virtuosa' che negli ultimi anni e' stata impressa all'andamento dei nostri conti'', spiega a fine serata il presidente del Senato, Renato Schifani.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni