Percorso:ANSA.it > Politica > News

Papa a giovani: posto fisso non e' tutto, cercate Dio

Per Benedetto XVI, veri "punti fermi" per i giovani risiedono nella fede

03 settembre, 14:05

CITTA' DEL VATICANO - "La domanda del posto di lavoro e con ciò quella di avere un terreno sicuro sotto i piedi è un problema grande e pressante", ma i veri "punti fermi" per i giovani risiedono nella fede e nell' "insieme dei valori che sono alla base della società" e che "provengono dal Vangelo". Lo afferma papa Benedetto XVI nel messaggio inviato ai giovani di tutto il mondo in occasione della XXVI Giornata Mondiale della Gioventù, in programma a Madrid dal 16 al 21 agosto del 2011.
''E' vitale avere delle radici, delle basi solide - dice il Papa ai giovani citando san Paolo - e questo e' particolarmente vero oggi, quando molti non hanno punti di riferimento stabili per costruire la loro vita, diventando cosi' profondamente insicuri''. Ma e' anche ''parte dell'essere giovane desiderare qualcosa di piu' della quotidianita' regolare di un impiego sicuro e sentire l'anelito per cio' che e' realmente grande''. Ricorda la sua giovinezza, papa Ratzinger, invitando i ragazzi di oggi alla Gmg di Madrid: ''non volevamo perderci nella normalita' della vita borghese. Volevamo cio' che e' grande, nuovo. Volevamo trovare la vita stessa nella sua vastita' e bellezza''. Altri tempi, certo - osserva - ricordi di una gioventu' oppressa dalla dittatura e dalla guerra. ''Ma credo che, in un certo senso - aggiunge - questo impulso di andare oltre all'abituale ci sia in ogni generazione''. Un istinto a guardare lontano che oggi - secondo il pontefice - rischia di essere stravolto da una illusione di liberta' che rende invece sempre piu' insicuri. ''Il relativismo diffuso, secondo il quale tutto si equivale e non esiste alcuna verita', ne' alcun punto di riferimento assoluto - afferma - non genera la vera liberta', ma instabilita', smarrimento, conformismo alle mode del momento. Voi giovani - prosegue - avete il diritto di ricevere dalle generazioni che vi precedono punti fermi per fare le vostre scelte e costruire la vostra vita, come una giovane pianta ha bisogno di un solido sostegno finche' crescono le radici, per diventare,poi, un albero robusto, capace di portare frutto''. Attenzione, percio' - raccomanda il Papa - ai turbamenti di quel momento, che giunge per tutti, in cui ci si interroga sul senso della propria vita. ''Si pensa al tipo di lavoro da intraprendere, a quali relazioni sociali stabilire, a quali affetti sviluppare...''. Alla fine - sostiene - ''non conta la realizzazione dei propri desideri'', ma la volonta' di Dio. Per questo - conclude - occorre coltivare un ''dialogo personale'' con Gesu', imparare ad ascoltarlo, appoggiarsi alla fede dei propri cari. ''Cosi' - conclude papa Ratzinger - la vita diventa autentica'' e si sara' ''capaci di affrontare con coraggio e speranza le difficolta', i problemi, anche le delusioni e le sconfitte''.

CRISTIANI RIFIUTINO LAICISMO,UN INFERNO MONDO SENZA DIO - I cristiani, e soprattutto i giovani, non devono lasciarsi ''sedurre dal modo di pensare laicista'' ''che vuole emarginare Dio dalla vita delle persone e della societa', prospettando e tentando di creare un 'paradiso' senza di Lui'', mentre ''l'esperienza insegna che ''il mondo senza Dio diventa un 'inferno'. Nel messaggio per la Giornata mondiale della Gioventu' 2011, papa Benedetto XVI mette in guardia contro i ''pericoli'' del ''relativismo diffuso''. Una tendenza che - osserva - sta riportando il mondo ai tempi dei Colossesi ai quali scriveva san Paolo; un mondo in cui ''prevalgono gli egoismi, le divisioni nelle famiglie, l'odio tra le persone e tra i popoli, la mancanza di amore, di gioia e di speranza''.''Al contrario - aggiunge il Papa - la' dove le persone e i popoli accolgono la presenza di Dio'', ''si costruisce concretamente la civilta' dell'amore''. Ai cristiani ''sedotti'' dal laicismo, a quelli ''attratti da correnti religiose che allontanano dalla fede in Gesu' Cristo'' e a quanti ''hanno semplicemente raffreddato la loro fede, con inevitabili conseguenze negative sul piano morale'', Benedetto XVI ricorda che la Croce non deve far ''paura, perche' sembra essere la negazione della vita'', ma ne rappresenta invece ''il contrario'': ''la sorgente della vita eterna''. E solo Cristo - conclude - ''puo' liberare il mondo dal male e far crescere il regno di giustizia, di pace e di amore al quale tutti aspiriamo''.

IO GIOVANE SOTTO NAZISMO, PRIGIONIERO POTERE DOMINANTE - Una gioventu' segnata dal nazionalsocialismo e dalla guerra, ''rinchiusa'' dal potere dominante e quindi desiderosa di ''uscire all'aperto per entrare nell'ampiezza delle possibilita' dell'essere uomo''. Fu quella di Joseph Ratzinger, oggi papa Benedetto XVI, che nel suo messaggio ai giovani in vista della Giornata mondiale della gioventu' di Madrid ha colto l'occasione per un ricordo personale, tutto negativo, della dittatura nazista. ''Durante la dittatura nazionalsocialista e nella guerra - afferma nel messaggio - noi siamo stati, per cosi' dire, 'rinchiusi' dal potere dominante'', e ''volevamo uscire all'aperto per entrare nell'ampiezza delle possibilita' dell'essere uomo''.

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni