Percorso:ANSA.it > Politica > News

Casini: sì a governo di larghe intese con Berlusconi premier

13 luglio, 10:09
Pierferdinando Casini e Silvio Berlusconi (archivio)
Pierferdinando Casini e Silvio Berlusconi (archivio)
Casini: sì a governo di larghe intese con Berlusconi premier

ROMA - L'Udc non entrera' in questa maggioranza: ''sarebbe offensivo moralmente e ridicolo sotto il profilo della convenienza''. ''Non ci interessa aggiungere un posto a tavola'' Lo afferma Pier Ferdinando Casini leader dell'Udc ai microfoni de ''La7''. ''Io non credo in una maggioranza - spiega - che sta dimostrando di avere cento voci, nessuna bussola di orientamento e possa suscitare qualche tentazione da parte dell'Udc. Non ci interessa qualche posto a tavola''. ''L' Udc e' unico partito italiano che non ha mai fatto ribaltoni, Bossi li ha fatti e ha mandato a casa Berlusconi. Io non li ho mai fatti e non intendo cominciare oggi''.

BOCCHINO: INTESA POSSIBILE MA CON COORDINATORE UNICO - Adesso che "tutte le strade sono state percorse, dall'una e dall'altra parte", adesso che i tentativi di Berlusconi di sconfiggere l'alleato "sono falliti" e quelli di Fini per "dimostrare che ci siamo e contiamo" hanno raggiunto il loro scopo, è il momento di "rilanciare un nuovo grande patto di legislatura tra i due leader del Pdl". E' quanto propone in un colloquio con il Corriere della Sera, Italo Bocchino, con tre proposte per rilanciare il partito. Primo: nel Pdl "si passi a una nuova fase con un coordinatore unico tale da rappresentare sia Berlusconi sia Fini e rilanciare il partito"; secondo: "l'e conomia che non può essere demandata solo alla tenuta dei conti, che pure Tremonti assicura al meglio. Manca una prospettiva di sviluppo, e a Palazzo Chigi manca una cabina di regia"; terzo le riforme per le quali Bocchino propone di lanciare una "assemblea costituente". Potrebbe essere quella la sede per "allargare la maggioranza all'Udc - osserva - perché su quel terreno Casini sarebbe con noi, mentre sostituire Fini non potrebbe: la Lega ha già annunciato che non ci sta, l'Udc è sulle nostre posizioni". "Paradossalmente - aggiunge - è più facile che Casini possa sostituire la Lega con la quale è incompatibile che non noi: non dimentichiamoci che siamo tutti nel Ppe".

RUTELLI: CASINI DECIDA,NON CAPISCO SUA STRATEGIA - Del leader dell'Udc, Pierferdinando Casini, "condivido molte scelte politiche. Così come ho condiviso le sue critiche sulla manovra e sul federalismo fiscale. Ora c'é da chiedersi, però: qual è la sua strategia? Perché se non si concretizza la strategia che io chiamo Terzo Polo, con obiettivi ben precisi, allora Casini rischia un predellino bis". E' quanto afferma in una intervista alla Stampa, il leader dell'Api, Francesco Rutelli. Secondo Rutelli sarà la Lega a "staccare la spina a questo governo". Per questo Silvio Berlusconi, aggiunge, "cerca di riaprire altri dialoghi". Tuttavia, a proposito della cena in casa del giornalista Bruno Vespa, Rutelli osserva che "se il Cavaliere vuole complottare con qualcuno ha mille occasioni per farlo, senza finire sui giornali". Con Casini, Rutelli si dice d'accordo sulla proposta di "un governo del presidente, ma la vedo dura - aggiunge - perché dovrebbe condividerlo anche Berlusconi" capace di avviare "le riforme necessarie al Paese" mentre, sottolinea, "l'Italia è in una trappola e non ce la fa ad uscirne". Rutelli vede nel Terzo Polo "l'unico soggetto capace di fare proposte al Paese". Il Pd, invece, secondo il leader di Api, "é sempre abbastanza qualcosa. E' abbastanza favorevole al federalismo, è abbastanza favorevole alle primarie, è abbastanza socialdemocratico. Ma anche, spesso, abbastanza contrario. Alla fine di tutto questo essere abbastanza qualcosa, rischia di non rimanere nulla'.

FRANCESCHINI, MAI CON BERLUSCONI - "Per rispondere alla proposta di Casini di un governo di larghe intese guidato da Berlusconi bastano due lettere: no. Anzi cinque: no, mai". Così Dario Franceschini, capogruppo del Pd alla Camera, commenta al telefono all'ANSA la proposta lanciata oggi dal leader Udc Casini. "Qualsiasi soluzione possibile per garantire un governo al paese che affronti le emergenze e aiuti il passaggio verso un bipolarismo moderno ed europeo - spiega Franceschini - per noi non può che passare attraverso il superamento e la chiusura dell'era di Berlusconi".

FRATTINI, IMPROPONIBILE IPOTESI 'LARGHE INTESE' - "Mi sembra una cosa improponibile": Franco Frattini su Affaritaliani.it boccia l'ipotesi di un governo di larghe intese, anche se guidato da Silvio Berlusconi, avanzata dal leader dell'Udc Pierferdinando Casini. Al contempo attacca il leader della lega Umberto Bossi: "Casini - sostiene Frattini - è portatore di valori comuni con il Pdl ed è sbagliato e inaccettabile che la Lega ponga degli ultimatum a Berlusconi; non si tratta evidentemente di un antagonista della Lega. Si tratta di un membro del Partito Popolare Europeo come lo siamo noi. Ci troviamo alle riunioni del Ppe insieme ed è curioso che qui in Italia siamo in banchi contrapposti in Parlamento". "Ma ciò detto, un governo di larghe intese - insiste Frattini - è l'ultima cosa al mondo che potrebbe essere spiegata ai nostri elettori: sarebbe un tradimento. Non ce li vedo i miei elettori capire che si possa insieme a Bersani, che dice di tutto contro Berlusconi, fare insieme il governo come se niente fosse. Quindi è una cosa del tutto improponibile. Casini deve invece riflettere, non su una offerta che non è stata fatta dal premier, ma sull'apertura che molti esponenti del Pdl e lo stesso Berlusconi hanno fatto sui principi, sulle tematiche e sulle riforme. Credo che su questo terreno le porte a Casini debbano essere aperte". Rispetto all'ingresso nel governo dell'Udc, Frattini ritiene che "Casini non lo voglia". "Penso che in primo luogo voglia sperimentare un rapporto politico con il Pdl ed è giusto così", dice il ministro. "Una fase in cui si sperimenta insieme un rapporto politico - ad esempio cominciando a votare insieme sull'attuazione del federalismo fiscale o sulle intercettazioni - e su questi temi concreti si potrà misurare un rapporto politico, poi vedremo. Certamente - spiega il ministro - non è possibile pensare che il presidente del Consiglio faccia una crisi di governo soltanto per aggiungere un partito in più alla coalizione. Mi sembrerebbe però sbagliato perdere quest'occasione di ricondurre nell'alveo del Partito Popolare Europeo anche l'Udc. In Europa lavoriamo insieme su temi importanti come la difesa del crocifisso e come è possibile che in Italia ci facciamo opposizione l'un l'altro?".

FINOCCHIARO: GOVERNO PRIMA CADE MEGLIO E' PER IL PAESE - "Io credo che sia inutile avventurarsi in discussioni che hanno poco senso e che in questo momento servono solo per giochi di sponda all'interno del centrodestra. Non esiste per il Pd alcuna ipotesi di governo con chi ha portato il Paese in queste condizioni'': e' il giudizio della presidente dei senatori del Pd, Anna Finocchiaro, che riprende e specifica da Roma la valutazione fatta dal segretario Bersani in visita a Washington. ''Questa maggioranza e questo esecutivo - ha aggiunto Finocchiaro - sono attraversati da una questione morale devastante e da tensioni interne fortissime. Questo governo non ha futuro. Prima se ne va e meglio è per tutti e per il Paese. Il nostro obiettivo - ha concluso - è costruire un'alternativa seria a Berlusconi e al suo esecutivo. Tutto il resto, oggi, è solamente materia per chiacchiere prive di alcun fondamento politico".
 
E. LETTA, NESSUN PARACADUTE A BERLUSCONI - ''Tra noi non c'e' nessuno che potrebbe immaginare di sostenere un governo di larghe intese guidato da Silvio Berlusconi perche' gli consentirebbe di risorgere, un regalo che non si merita''. Lo afferma il vicesegretario del Pd, Enrico Letta, respingendo cosi' l'ipotesi avanzata dal leader dell'Udc Pier Ferdinando Casini per uscire dalla crisi della maggioranza. In una intervista alla Stampa, Letta assicura che su cio' il partito e' unanime. ''Sappiamo anche noi - spiega - che dobbiamo farci carico con responsabilita' di una situazione che ci preoccupa e proprio per questo il peggiore dei mali sarebbero tre anni di contorsioni sul declino di Berlusconi con un paese senza guida in un dei momenti piu' difficili della sua storia ma gli italiani - aggiunge - devono vedere l'epilogo del film, cioe' il fallimento di questo governo, altrimenti se tutto finisce con manovre di palazzo, Berlusconi si salvera' un'altra volta''. Secondo Letta, comunque, ''non si puo' scartare l'ipotesi che ci siano elezioni anticipate''. Per questo, afferma, ''l'alternativa va costruita a 360 gradi senza avere paraocchi''. ''Una eventuale caduta di Berlusconi al buio - aggiunge il numero due del Pd - libererebbe energie e risorse nel centrodestra che andrebbero considerate con grande attenzione''

Top News

    • 13:09
    • 09 apr
    • ROMA

    Fecondazione eterologa, cade il divieto

    La Corte Costituzionale lo hanno dichiarato illegittimo
    • 12:09
    • 09 apr
    • MILANO

    Intesa paga 294 mln 'tassa Bankitalia'

    Segue Unicredit (196), ma su parametri patrimoniali impatto soft
    • 11:40
    • 09 apr
    • VATICANO

    Papa: tacciano le armi in Siria

    Dolore per assassinio gesuita Van der Lugt e per vittime guerra
    • 10:43
    • 09 apr
    • MILANO

    Garlasco: mamma Rita, ho ancora fiducia

    E' cominciato il processo d'appello bis, Stasi è in aula
    • 09:03
    • 09 apr
    • MILANO

    Borsa: Milano apre in rialzo, +0,24%

    Identico aumento per l'indice Ftse All share
    • 09:00
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano,un morto su barcone

    Continuano sbarchi, 4.000 migranti soccorsi in ultime 48 ore
    • 07:01
    • 09 apr
    • ROMA

    Mafia, colpo a cosche in E-R

    Operazione cc regione e Crotone,13 ordinanze,sequestro da 13 mln
    • 06:36
    • 09 apr
    • ISLAMABAD

    Pakistan:bomba a mercato,almeno 15 morti

    Ordigno ad alto potenziale in zona controllata forze sicurezza
    • 01:05
    • 09 apr
    • ROMA

    Immigrazione: Alfano, è allarme sbarchi

    Non bastano 80 mln Ue per Frontex. Def grazie a nostra azione
    • 00:23
    • 09 apr
    • NEW YORK

    Australia e Svezia, paradisi per giovani

    Secondo studio Usa. Italia fuori da classifica prime 30 nazioni